SistriForum - Il social network italiano sui rifiuti
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» esenzione nomina consulente ADR - numero di operazioni
Da lotus1 Mer Mag 15, 2024 3:35 pm

» multimodal - quantità totale
Da lotus1 Lun Mag 13, 2024 10:16 am

» www.rentri.gov.it
Da sviluppo Gio Mag 09, 2024 11:23 am

» Sul registro di Intermediaizone (modello B) va indicato il progressivo di registrazione?
Da tfrab Mar Apr 16, 2024 1:32 pm

» Tubi fluorescenti ADR SI/NO
Da homer Lun Mar 25, 2024 7:14 pm

» grado riempimento cisterna... e dove cavolo trovo le densità
Da lotus1 Ven Mar 22, 2024 3:54 pm

» quiz esame ADR 2023
Da massimilianom Ven Mar 22, 2024 11:45 am

» MUD 2024 quando si farà?
Da fabiodafirenze Mer Mar 13, 2024 5:52 pm

» abbandono rifiuti all'interno di manufatti
Da marcos79 Dom Mar 10, 2024 3:51 pm

» Abbandono rifiuti su suolo pubblico
Da marcos79 Dom Mar 10, 2024 3:24 pm


formare un circuito di raccolta organizzato

Andare in basso

formare un circuito di raccolta organizzato Empty formare un circuito di raccolta organizzato

Messaggio  angel Mar Mar 11, 2014 6:54 pm

Leggendo la definizione di circuito di raccolta organizzato (che grazie ad Admin era riportato in un altro post e che riposrto qui in fondo) sono a chiedervi un consiglio, visto che se non verranno escluse dal SISTRI le imprese agricole sicuramente dal 1 gennaio 2015 io diventerò uno dei purtroppo tanti disoccupati dato che il 95% dei miei cliento sono agricoltori che messi di fronte ad un agevolazione del genere (essere esonerati dal sistri) non esiterebbero ad andare con la ditta che attualmente ha la convenzione con la loro associazione di categoria ( che costituisce un circuito di raccolta organizzato).

Quindi ho pensato qualora fosse possibile di "costituire" un circuito di raccota organizzato. Ma io sono intermediario ed ho dei dubbi che sono:

1)Un intermediario ( che sono io) con l'avvalamento di un impianto e/o trasportatore possono entrare a far parte della definzione di circuito di raccolta organizzato qualora si riesca stipulare una convenzione con un associazione di categoria ?

2)L'impresa agricola (qualora la risposta del punto 1 fosse si) deve essere iscritta a questa associazione oppure è sufficente solo la stipula del contratto tra impresa agricola e l'intermediario ( che con l'impianto/trasportatore formano il circuito di raccolta organizzato???

vi riporto qui la definizione di circuito di raccolta organizzato:

sistema di raccolta di specifiche tipologie di rifiuti organizzato dai Consorzi di cui ai titoli II e III della parte quarta del presente decreto e alla normativa settoriale, o organizzato sulla base di un accordo di programma stipulato tra la pubblica amministrazione ed associazioni imprenditoriali rappresentative sul piano nazionale, o loro articolazioni territoriali, oppure sulla base di una convenzione-quadro stipulata tra le medesime associazioni ed i responsabili della piattaforma di conferimento, o dell’impresa di trasporto dei rifiuti, dalla quale risulti la destinazione definitiva dei rifiuti. All’accordo di programma o alla convenzione-quadro deve seguire la stipula di un contratto di servizio tra il singolo produttore ed il gestore della piattaforma di conferimento, o dell’impresa di trasporto dei rifiuti, in attuazione del predetto accordo o della predetta convenzione; (Art. 183, c. 1, lett. pp TUA).
angel
angel
Utente Attivo

Messaggi : 505
Data d'iscrizione : 16.03.10
Località : lodi

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.