Ultimi argomenti
» Regalo di Natale
Da benassaisergio Oggi alle 12:12 am

» SISTRI abolito dal 1 gennaio 2019
Da cescal64 Ieri alle 10:38 pm

» FIR : Detentore diverso dal Produttore
Da Paolo UD Ven Dic 14, 2018 3:47 pm

» Contenuti minimi autorizzazione
Da isamonfroni Gio Dic 13, 2018 11:03 am

» combustione spontanea: ADR e rifiuti
Da Aurora Brancia Gio Dic 13, 2018 1:06 am

» società concessionaria sui formulari
Da vaghestelledellorsa Mar Dic 11, 2018 8:55 pm

» RIUTILIZZO PROPRI SCARTI DI PRODUZIONE
Da jolly Mar Dic 11, 2018 4:42 pm

» Albo e "circolari fantasma"
Da PiazzaPulita Dom Dic 09, 2018 9:38 am

» Batterie al piombo e ADR
Da Enrico Sab Dic 08, 2018 11:17 pm

» ESCLUSIONE NOMINA CONSULENTE ADR
Da AlessandroC Ven Dic 07, 2018 7:42 pm


Olio di frittura

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Andare in basso

Olio di frittura

Messaggio  valterb il Ven Apr 16, 2010 8:57 pm

Promemoria primo messaggio :

Gli oli di frittura delle attività di ristorazione, friggitoria, gastronomia, ecc. sono tradizionalmente classificati con il codice 200125, rifiuto non pericoloso (tra l'altro del gruppo dei rifiuti urbano o assimilati), come oli e grassi commestibili.
Esiste però anche il codice 200126* (pericoloso) definito come oli e grassi diversi da quelli di cui alla voce 200125.
Questa coppia di codici NON è però una coppia che da origine ai codici a specchio.
Infatti la normativa sui codici a specchio dice :Se un rifiuto è identificato come pericoloso mediante riferimento specifico o generico a sostanze pericolose e come non pericoloso in quanto "diverso" da quello pericoloso ("voce a specchio"), esso è classificato come pericoloso solo se le sostanze raggiungono determinate concentrazioni (ad esempio, percentuale in peso)...
Ora nel caso della coppia 200125/26 è il rifiuto pericoloso ad essere definito come diverso dal non pericoloso e non viceversa, quindi per classificare quel rifiuto non c'è da fare analisi chimica per determinare le concentrazioni raggiunte dalle sostanze pericolose contenute, ma solo determinare se quegli oli/grassi sia commestibili o diversi (non commestibili).
Un olio di frittura che ha fritto patatine per giorni è ancora commestibile?
avatar
valterb
Utente Attivo

Messaggi : 253
Data d'iscrizione : 25.01.10

Torna in alto Andare in basso


GLI OLII FRITTI SN UNA RISORSA

Messaggio  francy3111 il Ven Apr 20, 2012 11:15 pm

con l'olio fritto ho dato origine ad una linea completa di detergenti ...dal lavastoviglie, lavatrice lavapavimenti ,sgrassatore, lucida acciaio ,lavamani,lavavetri ...etc ...studi di 10 anni sull'olio fritto ( da autodidatta) mi hanno portato a buoni risultati Cool
sperem ... Shocked

Fra
avatar
francy3111
Nuovo Utente

Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 20.04.12

Torna in alto Andare in basso

Re: Olio di frittura

Messaggio  AleBaldu il Mar Mag 14, 2013 4:43 pm

francy3111 ha scritto:con l'olio fritto ho dato origine ad una linea completa di detergenti ...dal lavastoviglie, lavatrice lavapavimenti ,sgrassatore, lucida acciaio ,lavamani,lavavetri ...etc ...studi di 10 anni sull'olio fritto ( da autodidatta) mi hanno portato a buoni risultati Cool
sperem ... Shocked

Fra


ciao francy3111 volevo sapere una cosa sulla tua impresa , ma ti occupi anche della raccolta?
avatar
AleBaldu
Nuovo Utente

Messaggi : 5
Data d'iscrizione : 14.05.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Olio di frittura

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum