SistriForum - Il social network italiano sui rifiuti
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» tanica non omologata, nessuna ds per la merce. mi sfugge qualcosa?
Da lotus1 Ieri alle 2:28 pm

» 1.3.2.3 Formazione in materia di sicurezza
Da lotus1 Mar Giu 21, 2022 4:48 pm

» ViViFir - Spurghisti
Da sviluppo Lun Giu 13, 2022 9:41 am

» sottoprodotto e combustione
Da lotus1 Lun Mag 30, 2022 11:20 am

» Rifiuti sanitari rischio infettivo liquidi
Da tfrab Mar Mag 24, 2022 2:31 pm

» AUTORIZZAZIONE AL TRASPORTO CER PER SCARRABILI
Da Paolo UD Ven Mag 13, 2022 3:40 pm

» art. 193-bis: INTERMODALE: un passo in avanti o 2 indietro ?
Da vaghestelledellorsa Sab Mag 07, 2022 7:11 pm

» RENTRI
Da sarabai Ven Mag 06, 2022 9:09 am

» Classi di pericolosità RAEE
Da tfrab Mar Mag 03, 2022 4:19 pm

» Spurghisti nuovi produttori - Registro di C/S
Da Emanuele Roy Lun Mag 02, 2022 4:32 pm


Direttiva Seveso ed impianti di stoccaggio rifiuti speciali pericolosi

2 partecipanti

Andare in basso

Direttiva Seveso ed impianti di stoccaggio rifiuti speciali pericolosi Empty Direttiva Seveso ed impianti di stoccaggio rifiuti speciali pericolosi

Messaggio  peppec Sab Apr 14, 2012 8:17 pm

Salve a tutti vorrei avere dei chiarimenti in merito ad una certa direttiva Seveso riguardante le attività a rischio di incidente rilevante e su come questa direttiva potrebbe riguardare un impianto di stoccaggio di rifiuti speciali pericolosi.
Grazie
peppec
peppec
Membro della community

Messaggi : 10
Data d'iscrizione : 25.02.11
Età : 36

Torna in alto Andare in basso

Direttiva Seveso ed impianti di stoccaggio rifiuti speciali pericolosi Empty Re: Direttiva Seveso ed impianti di stoccaggio rifiuti speciali pericolosi

Messaggio  homer Dom Apr 15, 2012 10:01 am

Riguarda eccome i rifiuti, è il d. lgs 334 99 (modificato nel 2005) sugli incidenti rilevanti connessi all'uso/detenzione di sostanze con certe caratteristiche, è ininfluente che siano materie prime o rifiuti (dal produttore o dal gestore), contano i rischi associati (ad esempio l'infiammabilità). Se vuoi starne fuori devi rispettare i limiti quantitativi previsti nell'allegato I, quello che serve conoscere sono le frasi di rischio (R) associate ai rifiuti, non le H! Occhio che con H14 così com'è adesso, se superi le quantità, va tutto in "seveso". E' possibile lavorare stando sotto, ma ci vuole un sistema/organizzazione per tenere sempre sotto controllo le quantità, se ci hai fatto caso alcuni impianti nelle schede di omologa chiedono le frasi R: servono a questo scopo, oltre che per la sicurezza sul lavoro.
homer
homer
Utente Attivo

Messaggi : 726
Data d'iscrizione : 24.07.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.