Certificato Prevenzione Incendi

Andare in basso

010911

Messaggio 

Certificato Prevenzione Incendi




Pongo agli amici del forum un fresco dubbio.
Impianto di trattamento fanghi biologici essenzialmente composto da una grande tettoia coperta con uno stoccaggio di circa 1200 mq (per complessivi circa 6.000 mc di fanghi palabili al 20% di SS).
Qualcuno mi pone il problema che tale impianto possa ricadere nella normativa impianti soggetti a CPI al punto 88 "locali adibiti a depositi merci e materiali vari con superficie lorda superiore a 1000 mq".
Il materiale è ovviamente assolutamente non infiammabile e anche sul concetto di locale trattandosi di tettoia ho seri dubbi.
Pareri???
Grazie.

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Gli uomini malvagi sopravvivono alle loro gesta. I buoni vengono selpolti insieme alle loro ossa. -- William Shakespeare- "Giulio Cesare"
avatar
marcosperandio
Moderatore

Messaggi : 4732
Data d'iscrizione : 14.09.10
Età : 50
Località : Provincia Bergamo

Torna in alto Andare in basso

- Argomenti simili
Condividi questo articolo su: diggdeliciousredditstumbleuponslashdotyahoogooglelive

Certificato Prevenzione Incendi :: Commenti

avatar

Messaggio il Gio Set 01, 2011 2:57 pm  samoht

Confermo che qualsiasi sia la tipologia di "capannone", chiuso o meno sui lati, ricade nella tipologia 88. Parlo per esperienza personale in quanto il nostro impianto di trattamento rottami (ferro, acciaio, alluminio, ....) è un'enorme tettoia con muri perimetrali di contenimeto (ma non alti fino alla copertura) e per questa tipologia di "capannone" siamo in tipologia 88.

Torna in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Gio Set 01, 2011 2:58 pm  CJM

l'unica cosa che posso dirti è che in una pratica mi hanno chiesto l'esclusione dal CPI
quindi telefonata ai VF a cui è seguita presentazione lay out con descrizione del materiale
... il tutto seguito dal geometra della ditta in questione

Torna in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Gio Set 01, 2011 3:03 pm  isamonfroni

Ciao Hope, l'attività come descritta è soggetta per le dimensioni del "Locale".

Per il concetto di "locale" si deve fare riferimento alle regole tecniche dei vigili del fuoco.

Le tettoie ricadono nel novero dei locali.

Pertanto dovrà essere avanzata richiesta di CPI, ma raccogliendo il consiglio di CJM suggerisco un passaggio ai VVFF di zona, perchè in base alle caratteristiche da te descritte non sarà certo richiesto un grande progetto antincendio........

Torna in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Gio Set 01, 2011 3:07 pm  marcosperandio

THANKS.
Porterò ai VVFF un po del suddetto materiale per farmi spiegare come fa a bruciare!

Torna in alto Andare in basso

avatar

Messaggio il Gio Set 01, 2011 3:48 pm  Mariangela

samoht ha scritto:Confermo che qualsiasi sia la tipologia di "capannone", chiuso o meno sui lati, ricade nella tipologia 88. Parlo per esperienza personale in quanto il nostro impianto di trattamento rottami (ferro, acciaio, alluminio, ....) è un'enorme tettoia con muri perimetrali di contenimeto (ma non alti fino alla copertura) e per questa tipologia di "capannone" siamo in tipologia 88.

Idem stessa attività, stessa tipoligia di "capannone" individuata al n° 88.
Certificato prevenzione incendi con validità 4 anni. flower

Torna in alto Andare in basso

Messaggio   Contenuto sponsorizzato

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum