Fanghi in agricoltura

Andare in basso

Fanghi in agricoltura

Messaggio  homer il Gio Ott 11, 2018 12:25 pm

Ma nessuno si è accorto delle novità in merito allo spandimento dei fanghi??
Decreto legge 28 settembre 2018 (decreto emergenze genova ed altre) articolo 41 che rimanda, per il parametro idrocarburi al test IP346.

Chimici, avete qualcosa da dire in merito? Compostatori ed affini siete contenti??
Qualcuno sa chi sia la mente eccelsa che ha proposto tale test???

Mi aspetto commenti vivaci.
avatar
homer
Utente Attivo

Messaggi : 685
Data d'iscrizione : 24.07.10

Torna in alto Andare in basso

Re: Fanghi in agricoltura

Messaggio  tfrab il Gio Ott 11, 2018 3:04 pm

homer ha scritto:Ma nessuno si è accorto delle novità in merito allo spandimento dei fanghi??
Decreto legge 28 settembre 2018 (decreto emergenze genova ed altre) articolo 41 che rimanda, per il parametro idrocarburi al test IP346.

Chimici, avete qualcosa da dire in merito? Compostatori ed affini siete contenti??
Qualcuno sa chi sia la mente eccelsa che ha proposto tale test???

Mi aspetto commenti vivaci.

avevo letto la bozza un po' di giorni fa: il tuo parlare di "mente eccelsa" mi fa pensare che non ti entusiasmi Smile
avatar
tfrab
Utente Attivo

Messaggi : 415
Data d'iscrizione : 14.09.11
Età : 44
Località : Centro Italia

Torna in alto Andare in basso

Re: Fanghi in agricoltura

Messaggio  Fafnir il Gio Ott 11, 2018 4:56 pm

homer ha scritto:Ma nessuno si è accorto delle novità in merito allo spandimento dei fanghi??
Decreto legge 28 settembre 2018 (decreto emergenze genova ed altre) articolo 41 che rimanda, per il parametro idrocarburi al test IP346.

Chimici, avete qualcosa da dire in merito? Compostatori ed affini siete contenti??
Qualcuno sa chi sia la mente eccelsa che ha proposto tale test???

Mi aspetto commenti vivaci.

Certo che me ne sono accorto, ti dico come intendo affrontare io la questione.
Quasi nessun fango supera i 1000 mg/kg di C10-C40 sul tal quale, solitamente i valori vanno da 200-300 a massimo 10000 mg/kg sul secco per gli impianti peggiori, almeno qui in veneto.
Questi valori vanno divisi per 4-5 per la conversione sul tal quale, quindi si tratta veramente di pochi casi.

In questi pochi casi, io di sicuro non mi metto a estrarre la pupù con DMSO, oltretutto il metodo IP346 parla di determinare sassi su macigni mentre noi stiamo a quantificare i granelli di sabbia. Già i vari profili regionali prevedono una quantificazione dei singoli IPA in mg/kg s.s. (IP346 va da 10000 mg/kg/1% di IPA in su, assurdo quindi proporre questo metodo).
Si tratta semplicemente di vedere se fra tutti gli IPA già determinati, la somma di quelli cancerogeni (vedere note Istituto superiore di sanità) supera il 3% cioè 30000 mg/kg, quindi mai.

Il metodo IP346 risulta sempre inapplicabile essendo appunto un metodo per gli oli:
- Primo perchè è pieno di interferenti nella matrice fango,
- secondo se anche in un utopico caso di assenza di interferenti, i risultati sarebbero sempre < LOQ cioè < 1% (altrimenti vorrei proprio capire cosa mangiano gli abitanti di quel comune).

i profili regionali hanno limiti di pochi ppm per la somma degli IPA, quindi non ha senso andarli poi a cercare a livelli di % per far rispettare il parametro idrocarburi...
Se anche intendevano dire che la % di estratto DMSO deve essere rapportata agli idrocarburi e non al fango totale (non si capisce, è a interpretazione), cambia poco, i limiti già presenti per gli IPA sono comunque già molto più bassi di ~30 ppm.

Insomma qualcuno ha bevuto troppo e poi ha scritto la legge.
avatar
Fafnir
Utente Attivo

Messaggi : 78
Data d'iscrizione : 05.12.13
Età : 31
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

Re: Fanghi in agricoltura

Messaggio  Aurora Brancia il Gio Ott 11, 2018 5:29 pm

e si vede che avranno chiesto al ministro competente.
In definitiva, il metodo risale solo al 1992, magari non ricordano che sia un metodo per la determinazione di soli IPA in oli minerali  

_________________
Adescate il nemico con la prospettiva di un vantaggio, e conquistatelo con la confusione
avatar
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3698
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 65
Località : Napoli

Torna in alto Andare in basso

Re: Fanghi in agricoltura

Messaggio  tfrab il Dom Ott 14, 2018 6:21 pm

perdonerete l'ignoranza: fanghi da spandimento non ne ho mai gestiti, di solito mi occupo di rifiuti pericolosi, quindi forno o discarica

qual è la novità in pratica che introduce questo decreto? ci sono categorie di fanghi che prima non potevano andare a spandimento, e adesso sì? oppure va a sistemare qualche buco legislativo?
avatar
tfrab
Utente Attivo

Messaggi : 415
Data d'iscrizione : 14.09.11
Età : 44
Località : Centro Italia

Torna in alto Andare in basso

Re: Fanghi in agricoltura

Messaggio  matteorossi il Lun Ott 15, 2018 12:33 pm

Incollo il post che il Ministro Costa ha rilasciato su FB.
Ognuno si faccia l'opinione che crede.

---------

"Nessun codicillo nascosto o occultato. Mai ce ne saranno finché sarò Ministro dell'Ambiente.

Abbiamo inserito l'articolo sui fanghi di depurazione nel decreto Genova perché c'erano le condizioni della decretazione di urgenza.
Sì, quest'estate siamo stati in emergenza, con tonnellate di fanghi accumulate soprattutto nelle regioni del Nord, e abbiamo sfiorato un disastro ambientale per l'accumulo nei depositi di stoccaggio dei fanghi industriali.

È vero quanto ha scritto il collega Danilo Toninelli: siamo arrivati al Governo in un momento di grande confusione sotto il profilo giuridico e amministrativo, con una sovrapposizione di sentenze della magistratura e interventi normativi d’urgenza - come la delibera della regione Lombardia, poi annullata dal TAR, che riprendeva proprio il testo Galletti e consentiva un livello di idrocarburi nei fanghi 10 volte superiore a quello contenuto nel decreto. Erano 10.000 mg/kg contro 1000.
Con onestà intellettuale, chi ricostruisce la vicenda dovrebbe farlo fino in fondo, con completezza.

Ci penso io, ma devo necessariamente fare un passo indietro. La gestione dei fanghi è stata regolata per 25 anni da un decreto che non conteneva limiti per gli idrocarburi.
Nessun limite per 25 anni!

Nessuna rivolta, nessuna protesta. Poi la Cassazione, in assenza di una norma specifica, ha indicato espressamente la necessità che si intervenisse con una nuova norma.
Arriva lo schema di decreto predisposto da Galletti che aveva esattamente il limite di 1000 mg e anche qui, nessuno ha gridato al disastro ambientale.
Questa la situazione che abbiamo trovato a luglio.
La mia intenzione era modificare il testo per renderlo più coerente con le esigenze di tutela della salute, ma i tempi erano stretti ed è stato necessario trovare un accordo all’interno della maggioranza per potere superare l’emergenza. L’alternativa sarebbe stata quella di lasciare un limite imposto dalle sentenze che – allo stato attuale – nessun gestore sarebbe stato in grado di rispettare con il risultato di accumulare pericolosamente i fanghi con la speranza di individuare soluzioni alternative come la discarica o gli inceneritori. Per non parlare del rischio del blocco dei depuratori.

Sono consapevole che non sia stata la mediazione migliore, ma quel testo inserito in quel decreto adesso arriva in Parlamento e può essere migliorato, e io ne sarei ben lieto.
Nel frattempo non stiamo assolutamente a guardare. Il Ministero sta già lavorando al nuovo decreto, che avrà senz’altro valori più rigorosi. Ma dobbiamo dire con chiarezza che ci sono tempi tecnici da rispettare e, con il passaggio all'Ispra e quello in Conferenza Stato Regioni, prima di qualche mese non potrà essere emanato. Nel frattempo, ribadisco, se non avessimo trovato quella mediazione sarebbe stato molto peggio: avremmo dovuto mantenere la versione “Galletti” del decreto senza alcuna possibilità di modifica.
Stiamo lavorando tutti per dare il massimo e io continuo ad impegnarmi in questa direzione. Sono dell’idea che questa norma possa essere migliorata già durante l’esame del Parlamento, che è sovrano e il mio auspicio è che faccia la scelta giusta nell’interesse dell’ambiente e dei cittadini."
avatar
matteorossi
Utente Attivo

Messaggi : 279
Data d'iscrizione : 28.08.15
Età : 43
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Re: Fanghi in agricoltura

Messaggio  homer il Lun Ott 15, 2018 12:43 pm

Grazie matteorossi;

è fantastico come ci si concentri sugli aspetti politici dimenticando quelli tecnici, come evidente dagli interventi su giornali etc.

Anche il Ministro "glissa" sul test e conferma che la politica, oggi, si fa su Facebook
avatar
homer
Utente Attivo

Messaggi : 685
Data d'iscrizione : 24.07.10

Torna in alto Andare in basso

Re: Fanghi in agricoltura

Messaggio  Fafnir il Lun Ott 15, 2018 2:23 pm

Quel Test è inutile oltre che inapplicabile ai fanghi, è evidente che è una cosa scritta in fretta e furia da qualcuno che non sa assolutamente nulla di analisi. E si che di esperti ce ne sono da interpellare, bastava ad esempio chiedere all'ISS/Musmeci e venivano fuori in tempi relativamente brevi con qualcosa di decente...
avatar
Fafnir
Utente Attivo

Messaggi : 78
Data d'iscrizione : 05.12.13
Età : 31
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

Re: Fanghi in agricoltura

Messaggio  matteorossi il Lun Ott 15, 2018 2:55 pm

Ma una domanda. Se il limite di 1000 è sul tal quale e non sulla sostanza secca, non è che "casualmente" si assisterà alla produzione di fanghi particolarmente "annacquati"?
avatar
matteorossi
Utente Attivo

Messaggi : 279
Data d'iscrizione : 28.08.15
Età : 43
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Re: Fanghi in agricoltura

Messaggio  Fafnir il Mar Ott 16, 2018 9:13 am

matteorossi ha scritto:Ma una domanda. Se il limite di 1000 è sul tal quale e non sulla sostanza secca, non è che "casualmente" si assisterà alla produzione di fanghi particolarmente "annacquati"?

Certo ma è un discorso che si potrebbe applicare a tantissimi rifiuti! Ricordo che i fanghi anche se riutilizzati sono sempre rifiuti con CER 190805 (oltre ad altri), la diluizione volontaria finalizzata ad abbassare i valori di contaminanti è illegale.
Inoltre se annacquati credo si possano modificare alcuni meccanismi del fango, cioè ad esempio la "maturazione" della sostanza organica quindi il grado di umificazione. Oltre ai contaminanti ci sono anche certe caratteristiche merceologiche da rispettare.

Comunque allo stato attuale delle cose il limite degli idrocarburi (per come l'ho capita io) è impossibile da non rispettare utilizzando la via parallela del 3% di IPA.

Faccio inoltre notare un errore del Ministro, lui riporta il valore di 10000 mg/kg proposto dalla Regione Lombardia come esageratamente elevato, in particolare 10 volte più alto rispetto a quello attuale di 1000 mg/kg (t.q.).
Si è dimenticato di guardare bene l'unità di misura, la Regione Lombardia indicava 10000 mg/kg sul secco (s.s.) pertanto, considerando un residuo secco dei fanghi medio dal 15 al 25% la differenza fra i due limiti è veramente poca, o comunque non sufficiente da generare questa confusione.

http://www.osservatorioagromafie.it/wp-content/uploads/sites/40/2018/07/tar-milano-1782-2018.pdf
avatar
Fafnir
Utente Attivo

Messaggi : 78
Data d'iscrizione : 05.12.13
Età : 31
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

Re: Fanghi in agricoltura

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum