Ultimi argomenti
» Registro c/s rifiuti
Da Arno' Giancarlo Lun Apr 06, 2020 9:58 pm

» “Percorso” microraccolta
Da -bz8- Lun Apr 06, 2020 12:24 pm

» Invio IV copie
Da Paolo UD Lun Apr 06, 2020 10:51 am

» DPI e Coronavirus
Da cescal64 Mar Mar 31, 2020 3:22 pm

» apparecchiature: tipologia 5.16 o 5.19
Da urgada Ven Mar 27, 2020 1:28 pm

» ... e le altre scadenze di fine aprile 2020?
Da cescal64 Gio Mar 26, 2020 6:54 pm

» Certificati formazione ADR e controlli cisterne e e veicoli
Da benassaisergio Gio Mar 26, 2020 3:37 pm

» MUD - Domanda da Newbie
Da isamonfroni Gio Mar 26, 2020 12:40 pm

» Relazione ADR: rinvio termine per COVID-19 D. Legge 17 marzo 2020 n. 18
Da Enrico Mer Mar 25, 2020 1:01 pm

» MUD 2020 Ospedali e ASL
Da sarabai Mer Mar 18, 2020 11:32 am


RIFIUTI SANITARI E ADR

Andare in basso

RIFIUTI SANITARI E ADR Empty RIFIUTI SANITARI E ADR

Messaggio  homer il Sab Dic 28, 2013 8:40 pm

Dato il periodo vacanziero o quasi, approfitto per rivedere punti oscuri, ed ecco una mia perplessità che spero sia chiarita dagli esperti che qui si affacciano spesso:
parliamo di UN 3291 e della istruzione di imballaggio P621 ove trovo che NON si applica il 4.1.1.15. Se capisco bene l'italiano (ma anche in francese ed inglese è così, il testo originale inglese è stato corretto al riguardo) significa che posso usare contenitori in plastica più vecchi di 5 anni (con quali garanzie?). Non comprendo la logica di questa disposizione, è un favore a qualche grosso riutilizzatore di contenitori per questo uso??
homer
homer
Utente Attivo

Messaggi : 709
Data d'iscrizione : 24.07.10

Torna in alto Andare in basso

RIFIUTI SANITARI E ADR Empty Re: RIFIUTI SANITARI E ADR

Messaggio  King Louie il Sab Dic 28, 2013 11:21 pm

Non sono l'esperto per la classe 6.2; mi permetto solo di inviare un link al documento informale UN/SCETDG/16/INF.19 dell'OMS presentato in 1999, che secondo la mia impressione potrebbe illustrare la motivazione per lo standard relativamente basso della istruzione d'imballaggio 621. Trattandosi di rifiuti, che presentino una probabilità relativamente bassa di contenere materie infettanti, i costi per i sistemi sanitari dei diversi stati segnatari sono sempre un argomento preso in considerazione dalle delegazioni.
avatar
King Louie
Utente Attivo

Messaggi : 81
Data d'iscrizione : 28.09.13
Età : 57
Località : Colonia e Trento

Torna in alto Andare in basso

RIFIUTI SANITARI E ADR Empty Re: RIFIUTI SANITARI E ADR

Messaggio  benassaisergio il Dom Dic 29, 2013 1:14 am

Vorrei ricordare che, quando, oltre 15 anni fa, si decise, a livello ONU, una completa revisione della classe 6.2, fu convenuto che per gli imballaggi per tale classe non si potessero applicare tutte le disposizioni previste per gli imballaggi delle altre classi, e fu quindi deciso di prevedere una specifica sezione 4.1.8 per gli imballaggi della classe 6.2 (categoria A, categoria B e rifiuti), nella quale era, tra l’altro, specificato che per tutta la classe 6.2 non si dovessero applicare diversi paragrafi della sezione 4.1.1, tra i quali il 4.1.1.15.
La ragione di ciò stava nel fatto che le materie infettanti presentate al trasporto (pensiamo ad esempio ai campioni o alle colture) hanno caratteristiche, anche dimensionali, molto particolari, per cui fu ritenuto che fosse più utile non obbligare ad utilizzare gli imballaggi in genere utilizzati per le altre classi, ma inserendo specifiche disposizioni (appunto la sezione 4.1.8 )  basate sul pericolo molto specifico associato alle materie infettanti.
Quindi l’esenzione dal  4.1.1.15 si applicava a tutte le materie infettanti, compresi i rifiuti.
Con la revisione 15 delle Raccomandazioni ONU del 2007 la sezione 4.1.8 fu modificata prevedendo che una parte della sezione 4.1.8 (in particolare il 4.1.8.2 che prevedeva l’esenzione dal 4.1.1.15) non si applicava ai rifiuti (UN 3291), per i quali quindi si sarebbe dovuto applicare il 4.1.1.15.
Ciò fu fatto presente dalla Francia (vedi ST/SG/AC.10/C.3/2008/85) e, su sua proposta, fu deciso di tornare alla condizione precedente, con la revisione 16 del 2009, esplicitando nella P621 l’esenzione da 4.1.1.15 (che peraltro resta tuttora valida per le materie infettanti di categoria A e, implicitamente, anche per la categoria B, che a certe condizioni, è esente dall’ADR).
benassaisergio
benassaisergio
Utente Attivo

Messaggi : 704
Data d'iscrizione : 29.03.10

Torna in alto Andare in basso

RIFIUTI SANITARI E ADR Empty Re: RIFIUTI SANITARI E ADR

Messaggio  homer il Lun Dic 30, 2013 12:01 am

Un sentito ringraziamento per i contributi forniti; gli aspetti economici della questione mi sembrano delle motivazioni solide.
Però, da "rifiutaro" qual sono, rimane qualche dubbio: è vero che spesso vengono gestiti con codice cer 180103 e UN 3291 anche rifiuti a rischio infettivo solo potenziale (che in realtà potrebbero essere ritenuti non soggetti all'ADR, ma i sistemi di gestione e raccolta interna di un ospedale non consentono ulteriori separazioni di categorie), ma la realtà operativa mi pare distante dall'impostazione ADR, pur condivisibile teoricamente. Chi ha visto incidenti stradali in cui sono stati coinvolti furgoni con colli di 3291 ne ha un'idea più precisa, tra le varie cose sparse sull'asfalto figuravano anche diverse amenità che non sto a dettagliare. Senza scomodare il rischio biologico per gli addetti alla rimozione/pulizia.
Il 4.1.8.4 parla di eliminazione di ogni pericolo, ma che tipo di trattamento sia consentito, che tipo di verifica della conformità del contenitore "trattato" ai fini del riutilizzo parrebbe non disciplinato. In effetti lo standard mi pare un pò bassino!
homer
homer
Utente Attivo

Messaggi : 709
Data d'iscrizione : 24.07.10

Torna in alto Andare in basso

RIFIUTI SANITARI E ADR Empty Re: RIFIUTI SANITARI E ADR

Messaggio  King Louie il Lun Dic 30, 2013 4:28 am

Di solito si utilizzano imballaggi a perdere per i rifiuti UN 3291. Credo, che la sottosezione 4.1.8.4 ADR si riferisca specialmente ai grandi imballaggi della disposizione d’imballaggio LP 621 contenenti imballaggi interni a perdere. Nel caso di fuoriuscite dagli imballaggi interni con contaminazione del grande imballaggio esterno si dovrebbe applicare più o meno le stesse procedure di disinfezione o decontaminazione come previsti nella disposizione CV13 (sezione 7.5.11 ADR) per il trasporto sfuso (7.3.2.6.2 ADR). Resta sempre un obbligo dello scaricatore di assicurare una decontaminazione adeguata [1.4.3.7.1 (e), 1.4.3.7.2].

Le disposizioni della sottosezione 4.1.8.4 sono da applicare agli imballaggi per i N° ONU 2814 e 2900 (P620). Non ho trovato disposizioni particolari per la decontaminazione degli imballaggi menzionati nelle disposizioni per UN 3291 (P621, LP621). Per il trasporto sfuso di UN 3291 (7.3.2.6.2 ADR) le procedure di disinfezione o decontaminazione sono previste secondo la disposizione CV13 (sezione 7.5.11 ADR).

Per gli imballaggi riutilizzati, si dovrebbe rispettare la sottosezione 4.1.1.9 ADR: «Prima del riempimento e della consegna al trasporto, ogni imballaggio compresi gli IBC e i grandi imballaggi, deve essere controllato e riconosciuto esenta da […] contaminazione o da altri difetti; […].»

Il Health and Safety Executive del Regno Unito ha pubblicato un manuale in inglese per il trasporto di rifiuti ospedalieri: http://www.hse.gov.uk/cdg/manual/clinical


Ultima modifica di King Louie il Lun Dic 30, 2013 6:14 pm, modificato 1 volta (Motivazione : 4.1.8.4 ADR non si applica al N° ONU 3291)
avatar
King Louie
Utente Attivo

Messaggi : 81
Data d'iscrizione : 28.09.13
Età : 57
Località : Colonia e Trento

Torna in alto Andare in basso

RIFIUTI SANITARI E ADR Empty Re: RIFIUTI SANITARI E ADR

Messaggio  homer il Lun Dic 30, 2013 2:01 pm

Di nuovo grazie, il link è molto interessante e rappresenta egregiamente ciò che manca nel ns. paese e che è invece fatto altrove, basterebbe tradurre.........

Circa il riutilizzo, il 4.1.8.4 viene praticato anche sugli imballaggi normali, ci sono aziende che hanno investito molto negli impianti dedicati allo scopo; in genere si utilizzano imballaggi interni che però spesso si rompono o, a priori, non vengono proprio immessi nel fusto di plastica.
homer
homer
Utente Attivo

Messaggi : 709
Data d'iscrizione : 24.07.10

Torna in alto Andare in basso

RIFIUTI SANITARI E ADR Empty Re: RIFIUTI SANITARI E ADR

Messaggio  benassaisergio il Lun Dic 30, 2013 3:08 pm

Per chi fosse interessata/o c'è anche un ottimo manuale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS/WHO). Lo potete trovare qui:

http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=1&ved=0CDoQFjAA&url=http%3A%2F%2Fwww.who.int%2Firis%2Fbitstream%2F10665%2F78075%2F1%2FWHO_HSE_GCR_2012.12_eng.pdf&ei=2G7BUq2LJYWoyAOu4ICQBA&usg=AFQjCNHfmt2NFQEjts0H88jBoutptQ2MOw&sig2=gmTZYZny0qRiZ0-LWdbzeg&bvm=bv.58187178,d.bGQ

Ma non mi stancherò mai di ripetere che, in carenza di iniziative dei nostri Ministeri, iniziative di questo tipo (magari anche solo con la diffusione di questa documentazione) potrebbero tranquillamente essere intraprese dalle associazioni delle/gli operatrici/ori del settore, magari anche dietro sollecitazione delle/gli iscritte/i
benassaisergio
benassaisergio
Utente Attivo

Messaggi : 704
Data d'iscrizione : 29.03.10

Torna in alto Andare in basso

RIFIUTI SANITARI E ADR Empty Re: RIFIUTI SANITARI E ADR

Messaggio  King Louie il Lun Dic 30, 2013 5:42 pm

King Louie ha scritto:Di solito si utilizzano imballaggi a perdere per i rifiuti UN 3291. Credo, che la sottosezione 4.1.8.4 ADR si riferisca specialmente ai grandi imballaggi della disposizione d’imballaggio LP 621 contenenti imballaggi interni a perdere. Nel caso di fuoriuscite dagli imballaggi interni con contaminazione del grande imballaggio esterno si dovrebbe applicare più o meno le stesse procedure di disinfezione o decontaminazione come previsti nella disposizione CV13 (sezione 7.5.11 ADR) per il trasporto sfuso (7.3.2.6.2 ADR). Resta sempre un obbligo dello scaricatore di assicurare una decontaminazione adeguata [1.4.3.7.1 (e), 1.4.3.7.2].

[...]

Quanto scritto sopra nel messaggio precedente fu revisionato. Non si applica le disposizioni per la decontaminazione della  sottosezione 4.1.8.4 agli imballaggi P621 e LP621 (sottosezione 4.1.8.6 ADR).
avatar
King Louie
Utente Attivo

Messaggi : 81
Data d'iscrizione : 28.09.13
Età : 57
Località : Colonia e Trento

Torna in alto Andare in basso

RIFIUTI SANITARI E ADR Empty Re: RIFIUTI SANITARI E ADR

Messaggio  homer il Lun Dic 30, 2013 10:41 pm

grazie della precisazione, in effetti (con molto ritardo) me ne ero accorto: la consultazione dell'ADR richiede sempre calma ed estrema attenzione.
Dal che si dedurrebbe che gli imballaggi del 3291 NON si possono disinfettare/sterilizzare per il riutilizzo???? O che possono essere riutilizzati senza disinfezione?????? Così, a caldo direi di no, se è consentito per le materie della Cat. A a maggior ragione dovrebbe essere lecito per 3291. Bè approfondirò ancora la questione; grazie ancora.
homer
homer
Utente Attivo

Messaggi : 709
Data d'iscrizione : 24.07.10

Torna in alto Andare in basso

RIFIUTI SANITARI E ADR Empty Re: RIFIUTI SANITARI E ADR

Messaggio  King Louie il Mer Gen 01, 2014 4:40 pm

Buon anno! Approfitto ancora del discorso per migliorare le conoscenze (al momento solo sul livello d’infarinatura) delle regole per la classe 6.2 e mi permetto di postare qualche ragionamento sul foglio di brutta da discutere:

La sottosezione 4.1.8.4 ADR richiede una decontaminazione rigorosa degli imballaggi contaminati da materia infettante della categoria A. Se leggo bene, la sottosezione 4.1.8.6 implica né un obbligo né un divieto di effettuare operazioni di decontaminazione simili o meno rigorose per imballaggi utilizzati per rifiuti ospedalieri (UN 3291).

La disposizione d’imballaggio P621 non consente all’utilizzo di imballaggi combinati. Sono autorizzati solo imballaggi semplici e/o imaballaggi compositi. La disposizione LP621 per i grandi imballaggi invece richiede il doppio confezionamento (imballaggio interno più esterno). Sia gli imballaggi P621 sia quelli LP621 devono esser dotati di materiale assorbente per liquidi che possano essere rilasciati durante il trasporto. Dopo lo svuotamento nell’impianto dello smaltitore, gli imballaggi diventano “imballaggi vuoti, non ripuliti”. Senza bonifica adeguata (decontaminazione, sterilizzazione, disinfezione, trattamento a vapore caldo, lavaggio ecc.) gli “imballaggi vuoti, non ripuliti” dovrebbero viaggiare in ADR con possible applicazione della esenzione parziale della sottosezione 1.1.3.6.

Imballaggi destinati al riutilizzo devono esser controllati e riconosciuti esenti da contaminazione o da altri difetti. La sottosezione 4.1.1.9 ADR non fa distinzioni fra contaminazione all'interno oppure all'esterno di un imballaggio.

Non credo, che un destinatario (ospedale ecc.) fosse interessato di ricevere un “imballaggio vuoto, non ripulito” per il riutilizzo. Per riempirlo il coperchio dell’imballaggio deve essere tolto. Senza informazioni precise sul contenuto precedente, il personale del destinatario sarebbe esposto a un rischio non calcolabile.

L’esenzione della sottosezione 1.1.3.5 non si può applicare alla classe 6.2. Per viaggiare fuori del campo d’applicazione ADR dopo una bonifica adeguata, ogni etichetta o marchio indicante che un imballaggio ha contenuto una materia infettante dovrebbe essere tolto o mascherato.

Il regolamento ADR prende in considerazione solo i rischi connessi al trasporto e operazioni adiacenti. Credo, che ci siano da valutare anche altre normative per la salute e per l’igiene per la raccolta dei rifiuti ospedalieri (UN 3291), che escludano il riutilizzo d’imballaggi non ripuliti.

Per finire un link a una scheda prodotto di un grande imballaggio per rifiuti ospedalieri, per chi fosse interessata/o di dettagli:
http://www.taylorbins.co.uk/documents/product-spec-sheets/clinical1100.pdf
http://www.taylorbins.co.uk/documents/certificates/UN-Certificate-for-1100L.pdf
avatar
King Louie
Utente Attivo

Messaggi : 81
Data d'iscrizione : 28.09.13
Età : 57
Località : Colonia e Trento

Torna in alto Andare in basso

RIFIUTI SANITARI E ADR Empty Re: RIFIUTI SANITARI E ADR

Messaggio  homer il Gio Gen 02, 2014 6:28 pm

Grazie, il ragionare insieme è sempre utile.
Anch'io sto cercando di fare ordine nella mie conoscenze della questione e di verificare quello che vedo nella pratica quotidiana rispetto ai contenuti della norma. Comunque, sia chiaro, non si tratta di imballaggi vuoti non ripuliti, ma di riutilizzo dopo accurata disinfezione che, appunto, la norma prevede per la cat A (P620) ma non per cat B. (UN 3291, P621) il che non vuol dire che non sia possibile: ma ho l'impressione che estendere ciò che è previsto per LP621 (i "wheeliebins" che mi pare non siano in uso in Italia grazie alla disorganizzazione degli impianti di incenerimento, e che invece sarebbero un'ottima soluzione da vari punti di vista) agli imballaggi della P621 si un pò una forzatura, soprattutto quando si tratta di imballaggi in plastica, magari fossero metallici (come capitava anni addietro)!
..... per non parlare delle casse in cartone 4G con omologazione stampata sopra, ma copiata da quella di altri fornitori onesti....
homer
homer
Utente Attivo

Messaggi : 709
Data d'iscrizione : 24.07.10

Torna in alto Andare in basso

RIFIUTI SANITARI E ADR Empty Re: RIFIUTI SANITARI E ADR

Messaggio  King Louie il Dom Gen 05, 2014 5:53 pm

homer ha scritto:..... per non parlare delle casse in cartone 4G con omologazione stampata sopra, ma copiata da quella di altri fornitori onesti....
Ci sarà in primavera una discussione sugli imballaggi per le materie infettanti a Ginevra. Secondo la Svizzera non risulta chiaro l'obbligo di utilizzare imballaggi omologati per le materie infettanti della categoria A. Con il documento ECE/TRANS/WP.15/AC.1/2014/28 del 31/12/2013 la Svizzera ha presentato la proposta alla Riunione Comune ADR/RID/ADN in Marzo 2014 di modificare le sottosezioni 4.1.8.2 e 4.1.8.6 ADR/RID:

  • sottosezione 4.1.8.2: togliere il riferimento alla sottosezione 4.1.1.3
  • sottosezione 4.1.8.6: esentare gli imballaggi utilizzati per i N° ONU 3373 e 3291 esplicitamente dall'applicazione delle sottosezioni 4.1.1.3, 4.1.8.1, 4.1.8.3, 4.1.8.4 e 4.1.8.5.
Sono un po’ confuso. Le istruzioni P621 e LP621 richiedono imballaggi conformi al livello di prova del gruppo d’imballaggio II. C'è una differenza fra imballaggio conforme al livello II e imballaggio omologato? scratch Personalmente non mi risulta un buon idea per la sicurezza del trasporto di esentare i N° ONU 3373 e 3291 dall’obbligo di utilizzare imballaggi omologati (sottosezione 4.1.1.3 ADR). Vedremo, cosa dicono gli altri stati firmatari.
 
Al momento il documento ECE/TRANS/WP.15/AC.1/2014/28 è solo disponibile in francese; la traduzione inglese sarà disponibile nelle prossime settimane. Link: http://www.unece.org/trans/main/dgdb/ac1/ac12014.html
avatar
King Louie
Utente Attivo

Messaggi : 81
Data d'iscrizione : 28.09.13
Età : 57
Località : Colonia e Trento

Torna in alto Andare in basso

RIFIUTI SANITARI E ADR Empty Re: RIFIUTI SANITARI E ADR

Messaggio  benassaisergio il Lun Gen 06, 2014 12:44 am

Sinceramente non capisco molto questa discussione sugli imballaggi per materie infettanti.
Ricordiamoci di cosa stiamo parlando: colture di cellule, campioni biologici, sacche di sangue, oggetti chirurgici contaminati, biancheria contaminata, rifiuti, ecc.
Per la Categoria A (compresi i rifiuti di categoria A),   l’istruzione di imballaggio P601 prevede un triplo imballaggio, con un imballaggio primario e un imballaggio secondario a tenuta, materiale assorbente (in caso di liquidi) e un imballaggio esterno rigido di tipo ONU.
Per la Categoria B,   l’istruzione di imballaggio P601 prevede un triplo imballaggio, con un imballaggio primario e un imballaggio secondario (uno dei quali deve essere rigido), e un imballaggio esterno (a certe condizioni c’è anche la completa esenzione dall’ADR).
Per i rifiuti (di categoria B) e dell’istruzione di imballaggio P621 si è già detto in questo thread.

Non stiamo quindi parlando di materie (sostanze o soluzioni) pericolose, ma di oggetti contaminati da materie infettanti (virus, batteri, ecc.). Mi sembra quindi del tutto ragionevole che per essi si prevedano imballaggi particolari, adatti alla varietà degli oggetti e alla specificità del pericolo, così come per altro si è fatto per la classe 7 (materiali radioattivi).

Naturalmente posso anche sbagliarmi.

Comunque, ripeto ancora una volta, se ritenete che ci siano disposizioni non corrette nelle Raccomandazioni ONU, nell’ADR, ecc., proponete delle modifiche (anche se ormai sono rassegnato al fatto che molte/i avanzano critiche, anche giuste, alle normative esistenti, ma quasi nessuna/o prova ad offrire una alternativa concreta: SISTRI docet)
benassaisergio
benassaisergio
Utente Attivo

Messaggi : 704
Data d'iscrizione : 29.03.10

Torna in alto Andare in basso

RIFIUTI SANITARI E ADR Empty Re: RIFIUTI SANITARI E ADR

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum