SistriForum - Il social network italiano sui rifiuti
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Acconciatori... alla ricerca di certezze...

+4
nadj
VdT
fantalele 4.0
nivety
8 partecipanti

Andare in basso

Acconciatori... alla ricerca di certezze... Empty Acconciatori... alla ricerca di certezze...

Messaggio  nivety Mar Apr 27, 2010 10:29 am

Salve,

sono alla ricerca di CERTEZZE.
Abbiamo stabilito che i produttori di Lamette e taglienti sono obbligati all'iscrizione al SISTRI.
Ho invece una gran confusione riguardo i rifiuti di tinture per capelli (ad esempio)
Il commercialista mi dice che secondo lui si tratta di rifiuto pericoloso e , pertanto, va presentata iscrizione al SISTRI.
Le associazioni di categoria dicono di no.. ma allo stesso momento dicono che "battaglieranno" (su cosa se non rientrano?)
Qualcuno può illuminarmi?
nivety
nivety
Nuovo Utente

Messaggi : 2
Data d'iscrizione : 27.04.10

Torna in alto Andare in basso

Acconciatori... alla ricerca di certezze... Empty Re: Acconciatori... alla ricerca di certezze...

Messaggio  fantalele 4.0 Mar Apr 27, 2010 10:45 am

Per quanto riguarda i non pericolosi ti consiglio di chiedere all'ufficio ambiente del comune per vedere cosa è scritto sulla delibera in questione.
Io ho uno studio estetico e sono nella stessa situazione.
Per ora sono iscritto solo per i pericolosi e sono in attesa di risposte per eventualmente modificare l'isrizione.
fantalele 4.0
fantalele 4.0
Moderatore

Messaggi : 3829
Data d'iscrizione : 18.03.10
Età : 55
Località : Belinlandia

Torna in alto Andare in basso

Acconciatori... alla ricerca di certezze... Empty Re: Acconciatori... alla ricerca di certezze...

Messaggio  VdT Mar Apr 27, 2010 5:35 pm

A parte il fatto che non credo che il commercialista sia in grado di dire quale rifiuto sia pericoloso e quale no, premesso ciò io consiglio di fare delle analisi dei rifiuti a meno che tu non abbia già i codici c.e.r. dei rifiuti che smaltisci. Solo alla luce della pericolosità o meno dei rifiuti prodotti si può poi decidere se l'iscrizione al SISTRI è necessaria oppure no.
VdT
VdT
Moderatore

Messaggi : 1864
Data d'iscrizione : 23.02.10
Età : 40
Località : Bari e provincia

Torna in alto Andare in basso

Acconciatori... alla ricerca di certezze... Empty Re: Acconciatori... alla ricerca di certezze...

Messaggio  nadj Mar Apr 27, 2010 7:17 pm

VdT ha scritto:A parte il fatto che non credo che il commercialista sia in grado di dire quale rifiuto sia pericoloso e quale no, premesso ciò io consiglio di fare delle analisi dei rifiuti a meno che tu non abbia già i codici c.e.r. dei rifiuti che smaltisci. Solo alla luce della pericolosità o meno dei rifiuti prodotti si può poi decidere se l'iscrizione al SISTRI è necessaria oppure no.

di solito i rifiuti dei parricchieri sono 180103: rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni.

come fin ora si è fatto il MUD, da domani SISTRI
nadj
nadj
Membro della community

Messaggi : 16
Data d'iscrizione : 09.04.10
Età : 56
Località : Brescia

Torna in alto Andare in basso

Acconciatori... alla ricerca di certezze... Empty Re: Acconciatori... alla ricerca di certezze...

Messaggio  VdT Mer Apr 28, 2010 9:19 am

Se sono quelli i rifiuti allora deve iscriversi visto che sono pericolosi.
VdT
VdT
Moderatore

Messaggi : 1864
Data d'iscrizione : 23.02.10
Età : 40
Località : Bari e provincia

Torna in alto Andare in basso

Acconciatori... alla ricerca di certezze... Empty Re: Acconciatori... alla ricerca di certezze...

Messaggio  giampy Mer Apr 28, 2010 10:40 am

non confondiamo le lamette con le tinture, sono due cose separate.
se le tinture presentano elementi inquinanti vanno gestite come rifiuti pericolosi, altrimenti i contenitori (nella maggior parte dei casi) sono assimilati agli urbani.
giampy
giampy
Moderatore

Messaggi : 959
Data d'iscrizione : 26.01.10
Età : 47

Torna in alto Andare in basso

Acconciatori... alla ricerca di certezze... Empty Re: Acconciatori... alla ricerca di certezze...

Messaggio  mapi68 Mer Apr 28, 2010 2:39 pm

Purtroppo temo che più che le tinture risultino pericolosi i preparati che vengono utilizzati per la decolorazione e le permanenti .. non ho ancora visto una parrucchiera che non produca rifiuti di questo genere, che risultano, ovviamente, pericolosi.
Piuttosto ho visto alcune associazioni (ometto il nome per evitare problemi al sito) che sono riuscite a far rientrare dei saloni di acconciatori nella categoria degli esercizi commerciali anzichè in quella degli artigiani, con relativo smaltimento dei rifiuti nei classici bidoni della nettezza urbana
mapi68
mapi68
Moderatrice

Messaggi : 1235
Data d'iscrizione : 12.03.10
Età : 54
Località : Treviso

Torna in alto Andare in basso

Acconciatori... alla ricerca di certezze... Empty Re: Acconciatori... alla ricerca di certezze...

Messaggio  Ororo Mer Apr 28, 2010 3:07 pm

nadj ha scritto:
VdT ha scritto:A parte il fatto che non credo che il commercialista sia in grado di dire quale rifiuto sia pericoloso e quale no, premesso ciò io consiglio di fare delle analisi dei rifiuti a meno che tu non abbia già i codici c.e.r. dei rifiuti che smaltisci. Solo alla luce della pericolosità o meno dei rifiuti prodotti si può poi decidere se l'iscrizione al SISTRI è necessaria oppure no.

di solito i rifiuti dei parricchieri sono 180103: rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni.

come fin ora si è fatto il MUD, da domani SISTRI


Il codice 180103 lo utilizzano gli studi medici perchè è un rifiuto proveniente da attività sanitaria, non confondiamo!
I parrucchieri hanno bobolette vuote ( lacca) codificat con 150111 e contenitori vuoti delle tinture 150110!
Ororo
Ororo
Membro della community

Messaggi : 35
Data d'iscrizione : 31.03.10
Età : 41
Località : Perugia

Torna in alto Andare in basso

Acconciatori... alla ricerca di certezze... Empty Re: Acconciatori... alla ricerca di certezze...

Messaggio  fantalele 4.0 Mer Apr 28, 2010 3:14 pm

Ciao Ororo, il cod. 180103 riguarda anche il nostro settore poichè parla di rifiuti potenzialmente infetti, quindi nel nostro lavoro usando le lamette, aghi, forbici si rientra in quella categoria Very Happy
fantalele 4.0
fantalele 4.0
Moderatore

Messaggi : 3829
Data d'iscrizione : 18.03.10
Età : 55
Località : Belinlandia

Torna in alto Andare in basso

Acconciatori... alla ricerca di certezze... Empty Re: Acconciatori... alla ricerca di certezze...

Messaggio  nivety Mer Apr 28, 2010 5:16 pm

Confermo quanto affermato da Fantalele, lo stesso Sistri e le società di smaltimento mi hanno confermato ciò.
Sulle tinte rimangono grossi dubbi.
Le associazioni di categoria si sono schierate contro e sostengono che, al momento, gli acconciatori che non producono rifiuti di taglienti ed affini rimangono fuori dagli obblighi di iscrizione al Sistri, tenendo però ben presente che comunque alcuni prodotti andrebbero smaltiti seguendo determinati criteri, questo a prescindere dall'iscrizione al Sistri.
Gli smaltitori dicono che a loro modo di vedere le sostanze residuali negli imballaggi di tinte ed affini sono da codificarsi come pericolosi e pertanto vanno trattati come tali. Sarebbe da collezionare tutte le schede di sicurezza dei prodotti e girarli ad un esperto del settore...
nivety
nivety
Nuovo Utente

Messaggi : 2
Data d'iscrizione : 27.04.10

Torna in alto Andare in basso

Acconciatori... alla ricerca di certezze... Empty Re: Acconciatori... alla ricerca di certezze...

Messaggio  giampy Mer Apr 28, 2010 10:56 pm

fantalele ha scritto:Ciao Ororo, il cod. 180103 riguarda anche il nostro settore poichè parla di rifiuti potenzialmente infetti, quindi nel nostro lavoro usando le lamette, aghi, forbici si rientra in quella categoria Very Happy
quoto
giampy
giampy
Moderatore

Messaggi : 959
Data d'iscrizione : 26.01.10
Età : 47

Torna in alto Andare in basso

Acconciatori... alla ricerca di certezze... Empty Re: Acconciatori... alla ricerca di certezze...

Messaggio  valterb Gio Apr 29, 2010 7:13 am

Ne abbiamo già parlato in altri due 3d, se non ricordo male.
I prodotti cosmetici non rientrano tra i preparati obbligati all'etichettatura delle sostanze/preparati pericolosi, né secondo l'attuale normativa né secondo il nuovo Regolamento Europeo CLP.
Pertanto è difficile guardando semplicemente il contenitore di un prodotto cosmetico sapere se quel prodotto contiene sostanze pericolose. Però la norma sui cosmetici (derivata dalla Direttiva Europea 76/768/CEE e tutti gli aggiornamenti successivi) obbliga a mettere in etichetta l'elenco degli ingredienti utilizzati per la produzione di quel certo prodotto in ordine decrescente di peso (ma quelli presenti in quantità inferiore all'1% posso essere messi in ordine sparso dopo quelli presenti in quantità maggiore).
Una complicazione particolare relativa a questo è che gli ingredienti vanno indicati con il loro nome INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients), o con il nome botanico latino se di origine vegetale senza aver subito trasformazioni. Nell'elenco degli ingredienti utilizzabili per i prodotti cosmetici presenti nella Direttiva 76/768/CEE gli ingredienti sono comunque elencati con il loro nome INCI anche con il numero CAS (Chemical Abstracts Service, servizio di classificazione privato dell'American Chemical Society ma riconosciuto universalmente; ha il difetto che a volte alcune sostanze sono indicate con due o più numeri CAS) ed il numero EINECS (European Inventory of Existing Commercial Chemical Substances, registro europeo delle sostanze chimiche in commercio prima del 1 settembre 1981) o ELINCS (European List of Notified Chemical Substances, elenco delle nuove sostanze notificate e messe in commercio dopo il 1 settembre 1981). Dal CAS/EINECS/ELINCS è possibile risalire alla pericolosità delle sostanze e quindi sapere se quel particolare cosmetico contiene oppure no sostanze classificate come pericolose. Per sapere se un certo cosmetico è pericoloso occorrerebbe a questo punto sapere la quantità degli ingredienti pericolosi presenti nel prodotto. Questo dato è un segreto industriale, ma alcuni componenti comunque non possono eccedere certe concentrazioni (per esempio quelli indicati nell'allegato III alla direttiva europea)...

Due link utili:
http://ec.europa.eu/enterprise/cosmetics/cosing/
http://ecb.jrc.ec.europa.eu/esis/
valterb
valterb
Utente Attivo

Messaggi : 260
Data d'iscrizione : 25.01.10

Torna in alto Andare in basso

Acconciatori... alla ricerca di certezze... Empty Re: Acconciatori... alla ricerca di certezze...

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.