SistriForum - Il social network italiano sui rifiuti
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Ultimi argomenti
» dlgs 116/2020 art. 190 registro carico scarico materiali secondari
Da Paolo UD Ven Ott 30, 2020 12:11 pm

» Sentenza Corte Europea su EoW ... fanghi depurazione
Da silvia Gio Ott 29, 2020 10:11 am

» fonti per studiare la normativa ADR
Da urgada Mar Ott 27, 2020 5:10 pm

» Nuove BATC impianti trattamento rifiuti
Da silvia Ven Ott 23, 2020 11:59 am

» AUTORIZZAZIONE AL TRASPORTO CER PER SCARRABILI
Da beltrale Gio Ott 22, 2020 7:04 pm

» R12 ed EoW
Da beltrale Mer Ott 21, 2020 6:50 pm

» sanzione per mancata identificazione cassone scarrabile
Da chris Mer Ott 21, 2020 1:43 pm

» d.lgs. 126/2020
Da magonero Mar Ott 20, 2020 9:12 am

» D.Lgs. 116/20 e registro c/s fino a 10 dipendenti
Da cescal64 Mar Ott 13, 2020 4:48 pm

» FIR "in format esemplare"
Da assimilabile Mar Ott 13, 2020 4:23 pm


Soluzioni legali e razionali per i rifiuti agricoli

Andare in basso

Soluzioni legali e razionali per i rifiuti agricoli Empty Soluzioni legali e razionali per i rifiuti agricoli

Messaggio  giuseppe.mele il Gio Apr 05, 2012 6:43 pm

Cari del SiStriforum,
mi interessa (e preoccupa) l'andazzo planetario sui rifiuti e, poiché sono un divulgatore agricolo, mi interesserebbe individuare soluzioni legali che consentano agli agricoltori di rispettare contemporaneamente legge ed ambiente, senza grandi e complicate procedure.

Spero che qualcuno che legge e voglia cimentarsi ci sia ...

Con qualche collega abbiamo trovato articoli di leggi (che però non saprei se ancora ricompresi nelle nuove versioni ... appena le ritrovo le allego o le mando a chi ne fa richiesta ...) che tradotti in linguaggio più o meno comprensibile, verrebbe raccontato così:

"L'imprenditore agricolo che sottoscrive regolare contratto con una impresa che gestisce il servizio pubblico di raccolta dei rifiuti (es. urbani, impresa che ovviamente deve essere abilitata al trattamento dei codici CER comprensivi dei rifiuti agricoli, anche pericolosi ...), avrà solo l'obbligo di conservare (per 5 anni) copia dei formulari cartacei o, quando e se sarà operativo il SISTRI, copia stampata dal gestore che prende in carico i rifiuti"

Ovviamente sarà l'impresa gestrice del servizio pubblico a fare il giro, "porta a porta", al "centro aziendale" che avrà dotato di idonei contenitori (l'agricoltore credo (o spero?) può portare con un mezzo non iscritto all'Albo Gestori Ambientali (neanche con l'iscrizione ... semplificata) solo i rifiuti prodotti in altri corpi della stessa azienda per raggrupparli ... in attesa del ritiro, senza pensare a dimensioni o peso poiché raramente l'azienda agricola supera i limiti per il deposito temporaneo ...

Mi illudo che sia cosa praticabile poiché sono molto preoccupato, sopratutto per quei territori dove non sono mai partiti operativamente "accordi di programma" che in molte zone "evolute" da questo punto di vista hanno risolto egregiamente e semplicemente la questione. Anche questi accordi, come sapete, saranno "legali" sino al 31 (?) giugno 2012 ... e nessuno sa dire cosa succederà dopo ... và bè, diciamo dopo l'ennesima proroga o definitiva abrogazione del SISTRI ...

Una soluzione nell' uovo di Pasqua?
AUGURI A TUTTI
Pino Mele
avatar
giuseppe.mele
Nuovo Utente

Messaggi : 4
Data d'iscrizione : 24.02.11
Età : 59

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.