SistriForum - Il social network italiano sui rifiuti
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» 1.3.2.3 Formazione in materia di sicurezza
Da lotus1 Mar Giu 21, 2022 4:48 pm

» ViViFir - Spurghisti
Da sviluppo Lun Giu 13, 2022 9:41 am

» sottoprodotto e combustione
Da lotus1 Lun Mag 30, 2022 11:20 am

» Rifiuti sanitari rischio infettivo liquidi
Da tfrab Mar Mag 24, 2022 2:31 pm

» AUTORIZZAZIONE AL TRASPORTO CER PER SCARRABILI
Da Paolo UD Ven Mag 13, 2022 3:40 pm

» art. 193-bis: INTERMODALE: un passo in avanti o 2 indietro ?
Da vaghestelledellorsa Sab Mag 07, 2022 7:11 pm

» RENTRI
Da sarabai Ven Mag 06, 2022 9:09 am

» Classi di pericolosità RAEE
Da tfrab Mar Mag 03, 2022 4:19 pm

» Spurghisti nuovi produttori - Registro di C/S
Da Emanuele Roy Lun Mag 02, 2022 4:32 pm

» Cantiere edile: come compilare correttamente il mud?
Da Paolo UD Lun Mag 02, 2022 1:44 pm


Confartigianato Veneto chiede alla Regione di farsi carico del materiale informatico per le aziende soggette al Sistri

Andare in basso

Confartigianato Veneto chiede alla Regione di farsi carico del materiale informatico per le aziende soggette al Sistri Empty Confartigianato Veneto chiede alla Regione di farsi carico del materiale informatico per le aziende soggette al Sistri

Messaggio  Admin Lun Feb 08, 2010 5:51 pm

“SISTRI, il nuovo sistema telematico voluto dal Governo per la tracciabilità dei rifiuti speciali prodotti dalle aziende, non rispetta le esigenze, i tempi e le ‘tasche’ delle PMI, portando solamente un aumento di oneri e costi a danno delle imprese artigiane, già in grossa difficoltà a causa della crisi economica in atto” ha dichiarato il presidente di Confartigianato Provinciale di Venezia Giuseppe Molin.
“Ci si aspettava veramente una semplificazione nelle pratiche di tracciabilità e smaltimento dei rifiuti aziendali – prosegue Molin -, invece le procedure si sono maggiormente burocratizzate, i costi sono balzati alle stelle, la complessità del sistema e i tempi dettati per l’adeguamento alla norma non rispettano minimamente i ritmi del segmento produttivo micro e piccolo. Ancora una volta, dunque, il Governo riesce ad attribuirsi il merito di non avere meriti”. Sui tempi e i modi di applicazione: “Ciò che mettiamo sotto accusa è il regolamento di SISTRI, che sta già causando al comparto delle MPI numerosi problemi – spiega il presidente -. Il ministro Prestigiacomo probabilmente avrebbe voluto offrire alla micro-imprenditoria qualche vantaggio, ma così non è stato. Il sistema è troppo complicato da applicare per una realtà produttiva come la nostra, formata da imprese che non si possono certo permettere l’alta tecnologia richiesta da SISTRI. Quindi si corre il rischio che la semplificazione si trasformi in un’ulteriore tassa burocratica in materia ambientale a carico di chi dovrebbe essere tutelato dal Governo. La politica, insomma, ha pensato a sé stessa senza aprirsi al dialogo, al confronto e ad una collaborazione con le parti coinvolte”. In merito alle iniziative intraprese da Confartigianato Provinciale di Venezia: “Abbiamo già chiesto alle istituzioni locali, ai Comuni e alla Provincia di porsi a fianco delle PMI e aprire un confronto urgente con la Regione del Veneto. E proprio a quest’ultima si chiede di intervenire direttamente per farsi carico dei costi del materiale informatico che peserebbe sulla vita dell’impresa. La Regione, inoltre, deve impegnarsi affinché il Ministero dell’Ambiente utilizzi una card simile alla Carta Regionale Servizi, con la quale permettere l’accesso a SISTRI, tagliando gli oneri di iscrizione e quelli legati alla strumentazione tecnologica”.

Fonte: http://www.etribuna.com/aas/index.php?option=com_content&task=view&id=24091&Itemid=80
Admin
Admin
Amministratore

Messaggi : 6586
Data d'iscrizione : 13.01.10
Età : 49

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.