SistriForum - Il social network italiano sui rifiuti
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Ultimi argomenti
» Alberi bruciati cer?
Da vivinc Ieri alle 5:57 pm

» rifiuti indifferenziati combusti
Da Coopservice_TT Gio Ago 06, 2020 5:38 pm

» Rifiuti deposito temporaneo
Da espodav Lun Ago 03, 2020 4:31 pm

» Nuovo sistema tracciabilità rifiuti
Da tano2013 Lun Ago 03, 2020 12:51 pm

» accordo multilaterale M287
Da lotus1 Mer Lug 29, 2020 3:06 pm

» MPS O END OF WASTE PER FRAMMENTI DI SCHEDE ELETTRONICHE
Da Alpic Mer Lug 29, 2020 12:56 pm

» Filtri gasolio EER160107* in ADR
Da Enrico Mar Lug 28, 2020 1:42 am

» deposito temporaneo 18 mesi
Da chiale Gio Lug 23, 2020 1:20 pm

» Classificazione corrosivi classe 8
Da vaghestelledellorsa Gio Lug 23, 2020 9:46 am

» produttore,trasportatore e destinatario uguali
Da Aurora Brancia Sab Lug 18, 2020 6:42 pm


Obbligo apertura unità locale?

Andare in basso

Obbligo apertura unità locale?  Empty Obbligo apertura unità locale?

Messaggio  Punto Service il Mer Mar 05, 2014 12:47 pm

Buongiorno siamo gestori di numerose Case di riposo per anziani e quindi produttori di rifiuti speciali. La sede legale NON è produttrice di rifiuti speciali ma le singole RSA si.
Occorre che tutte le RSA siano iscritte come UNITà Locali alla CCIIA?
Le RSA sono presenti anche all'esterno della provincia di appartenenza della sede Legale ma le singole CCIIA non mi hanno chiarito in base a quale normativa esiste l'obbligo eventuali di apertura unità locale ?
Se esiste l'obbligo qual'è la normativa dove viene riportato ? Ringraio e chiedo venia ma non sono riuscito a trovare nel forum questa casistica
Enrico
Punto Service
Punto Service
Nuovo Utente

Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 05.03.14

Torna in alto Andare in basso

Obbligo apertura unità locale?  Empty Re: Obbligo apertura unità locale?

Messaggio  PiazzaPulita il Mer Mar 05, 2014 1:48 pm

da www.infocamere.it/doc/glossario.pdf , questa la definizione di Unità Locale:

Le imprese possono essere istituite ed operare in unico luogo, ovvero in luoghi diversi mediante varie unità locali. Le varie unità locali, create nella stessa o in diverse province, assumono rilevanza giuridica diversa a seconda delle funzioni che vengono loro attribuite dall'imprenditore. In pratica gli operatori economici adottano liberamente varie definizioni: filiale, succursale, agenzia, ufficio di rappresentanza, deposito, magazzino, negozio, ecc..
Secondo la definizione ISTAT (ai fini del Censimento), unità locale è l'impianto (o corpo di impianti) situato in un dato luogo e variamente denominato (stabilimento, laboratorio, negozio, ristorante, albergo, bar, ufficio, studio professionale, ecc.) in cui viene effettuata la produzione o la distribuzione di beni o la prestazione di servizi.
L'ISTAT distingue poi fra unità locale operativa ed amministrativa
Secondo il Codice Civile un'unità locale può essere considerata "sede secondaria" della ditta, soltanto se è organizzata con una "rappresentanza stabile" e prevista dall'atto costitutivo o da una sua modificazione.
Nel Registro delle Imprese l'unità locale potrà essere ubicata nella provincia della CCIAA (unità locale in provincia) oppure in altra provincia (unità locale fuori provincia)
PiazzaPulita
PiazzaPulita
Utente Attivo

Messaggi : 1050
Data d'iscrizione : 30.11.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum