Ancora e sempre su Peso a destino

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  Enrico F. il Mer Feb 13, 2013 12:12 pm

Ciao a tutti, cercherò di essere breve.

Noi: produttore, pesa certificata.
Il carico arriva ma, a causa delle condizioni di umidità, spesso non si riesce a scaricarlo tutto, ameno che in quel momento non sia disponibile un ragno che riesce a "grattarlo" dal cassone. Ne consegue che tra la nostra pesa e quella dell'impianto, ballano anche 7000 kg su 19000 kg affraid

Due problemi, anzi tre:
- se non faccio verificare il peso a destino mi cautelo sul trasporto ma posso arrivare a pagare molto di più di quello che effettivamente smaltisco.
- se faccio barrare il peso a destino ammette implicitamente (come spesso si è detto) che non ho la certezza di quanto affido al vettore (e in verifica 14001 il consulente mi legna..ma quello sarebbe il meno).
- se il vettore tornia a rendermi lo scarrabile con 7000 kg di rifiuto...di chi è il rifiuto che a quel punto viaggia senza FIR?

Non so davvero quale sarebbe il male minore..
avatar
Enrico F.
Membro della community

Messaggi : 36
Data d'iscrizione : 02.08.10
Età : 41
Località : Sesto S.G.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  isamonfroni il Mer Feb 13, 2013 12:19 pm

Bravo, te lo sei già detto anche nel titolo!
Ci sono almeno 50 discussioni sul peso a destino

http://www.sistriforum.com/search?search_keywords=peso


Sarebbe bene evitare di aprire continuamente nuovi e inutili topic, lo dice anche il regolamento del forum....

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12389
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 59
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  Enrico F. il Mer Feb 13, 2013 12:26 pm

isamonfroni ha scritto:Bravo, te lo sei già detto anche nel titolo!
Ci sono almeno 50 discussioni sul peso a destino

http://www.sistriforum.com/search?search_keywords=peso


Sarebbe bene evitare di aprire continuamente nuovi e inutili topic, lo dice anche il regolamento del forum....

Lo so bene..se avessi trovato risposta al mio problema avrei evitato. Ma non avendola trovata...
avatar
Enrico F.
Membro della community

Messaggi : 36
Data d'iscrizione : 02.08.10
Età : 41
Località : Sesto S.G.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  isamonfroni il Mer Feb 13, 2013 12:37 pm

Da come lo hai descritto il tuo NON è un problema di peso verificato a destino.

Se il destinatario lascia nel cassone oltre il 35% del rifiuto (7 ton su 19):
a) voi non siete capaci di caricare il cassone alla faccia della 14001 (metteteci un telo di plastica sul fondo e vedrete che scivola giù senza grattare alcunchè)

b) l'impianto non è capace di scaricare i cassoni, nè, tantomeno di compilare i formulari (per la parte di sua pertinenza). Esiste la possibilità di barrare la casella "accettato per la seguente quantità" = il peso che viene scaricato. A questo punto è evidente che quello che rimane nel cassone NON E' ACCETTATO (il che è vero) e quindi torna indietro a voi che ve lo dovete riprendere in carico nel registro.
Nelle annotazioni si scriverà che XXX ton ritornano al produttore per impossibilità di scarico

ka

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12389
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 59
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  Enrico F. il Mer Feb 13, 2013 12:51 pm

[quote="isamonfroni"]Da come lo hai descritto il tuo NON è un problema di peso verificato a destino.

Se il destinatario lascia nel cassone oltre il 35% del rifiuto (7 ton su 19):
a) voi non siete capaci di caricare il cassone alla faccia della 14001 (metteteci un telo di plastica sul fondo e vedrete che scivola giù senza grattare alcunchè)

Provato. Non è fattibile per logistica degli impianti. Di tutti gli impianti di destino. Che poi sia una scusa è possibile, ma abbiamo in dotazione territoriale solo impianti che lavorano così e con questi dobbiamo trattare. Ahinoi.(sulla 14 stendo un velo pietoso..pietoso per noi. Dipendesse da me l'avrei già eliminata. Prima si fanno le cose bene e poi si pensa a farle meglio. Ma si sa..alle aziende piacciono i bollini, ancorchè inutili)

b) l'impianto non è capace di scaricare i cassoni, nè, tantomeno di compilare i formulari (per la parte di sua pertinenza). Esiste la possibilità di barrare la casella "accettato per la seguente quantità" = il peso che viene scaricato. A questo punto è evidente che quello che rimane nel cassone NON E' ACCETTATO (il che è vero) e quindi torna indietro a voi che ve lo dovete riprendere in carico nel registro.
Nelle annotazioni si scriverà che XXX ton ritornano al produttore per impossibilità di scarico

Come detto, gli impianti lavorano così. E il trasportatore (che una volta mi voleva far correggere dei formulari 1 mese dopo il viaggio) non è da meno. Chiaramente il carico non accettato implica che quello che torna indietro torna con un rifiuto (mio) che invece non figura mai sul registro e non viaggia con FIR.

Ma l'unica soluzione, quella di fare pressione commerciale sugli impianti perchè si impegnino a grattare il grattabile, temo non sia praticabile.

Insomma..mi sono risposto da solo..

(Comunque non era necessario essere così acidi, eh.. Crying or Very sad )

avatar
Enrico F.
Membro della community

Messaggi : 36
Data d'iscrizione : 02.08.10
Età : 41
Località : Sesto S.G.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  isamonfroni il Mer Feb 13, 2013 2:42 pm

Scusa l'acidità, ma il concetto gli impianti lavorano così non riesco a tollerarlo.

Gli impianti lavorano perchè i conferitori gli portano i rifiuti e li pagano, se nò chiudono i cancelli (ho gestito impianti di trattamento rifiuti per 23 anni e quindi so di cosa sto parlando).
Se il tuo è un rifiuto speciale, te lo puoi portare dove vuoi e se l'impianto vicino a te fa storie, vedrai che ce ne sarà un altro che il tuo rifiuto (e i tuoi soldi) li vuole e magari li vuole anche nel rispetto di quanto dice la normativa e non nel rispetto di improbabili prassi commenrciali che nulla hanno a che vedere con la normativa.

veniamo pure al tuo esempio:
1) tu hai caricato a registro 19000 kg e li hai scaricati con il FIR di andata
2) se l'impianto scarica tutto avrà ovviamente accettato tutto (a meno di qualche - piccola - differenza di peso a destino, la quale si risolve con le logiche che ormai tutti conosciamo)

3) se sul cassone restano 7000 kg di rifiuto mi sembra ovvio che l'impianto non può averlo accettato tutto (accidenti si vede a occhio che c'è mezzo cassone!!)
4) l'impianto barrerà accettato per la seguente quantità = 12.000 kg (che sarà quella che tu pagherai)
5) il resto torna indietro a te esattamente con lo stesso FIR con cui è andato (perchè dici che è senza FIR?) dove nelle annotazioni sarà indicato che torna da te per impossibilità a scaricarlo
6) quando ti torna indietro il rifiuto te lo devi riprendere in carico sul registro (perchè dici che non risulta in carico?) visto che non essendo arrivato all'impianto non puoi averlo scaricato


PS devo capire qual'è la misteriosa "logistica degli impianti" sconvolta da un telo di plastica........forse il fatto che devono poi smaltirlo?
PS 2 ti rendi conto, vero, che se ti fanno pagare 19000 kg al posto di 12.000 è una truffa?
E che avrai seri problemi con il MUD e con il registro?
E che sei anche esposto a sanzioni per errata tenuta del registro e dei FIR?

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12389
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 59
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  Enrico F. il Mer Feb 13, 2013 3:11 pm

isamonfroni ha scritto:Scusa l'acidità, ma il concetto gli impianti lavorano così non riesco a tollerarlo.

Lo so bene! Devo combattere con gli smaltitori che ragionano così ma anche con i miei, che mi dicono che non vogliono fare in un certo modo perchè è "troppo sbattimento"!!!!

Gli impianti lavorano perchè i conferitori gli portano i rifiuti e li pagano, se nò chiudono i cancelli (ho gestito impianti di trattamento rifiuti per 23 anni e quindi so di cosa sto parlando).
Se il tuo è un rifiuto speciale, te lo puoi portare dove vuoi e se l'impianto vicino a te fa storie, vedrai che ce ne sarà un altro che il tuo rifiuto (e i tuoi soldi) li vuole e magari li vuole anche nel rispetto di quanto dice la normativa e non nel rispetto di improbabili prassi commenrciali che nulla hanno a che vedere con la normativa.

E a quel punto interviene l'ufficio acquisti che ti dice che "voi dell'EHS siete i soliti rompi....oni".

veniamo pure al tuo esempio:
1) tu hai caricato a registro 19000 kg e li hai scaricati con il FIR di andata
2) se l'impianto scarica tutto avrà ovviamente accettato tutto (a meno di qualche - piccola - differenza di peso a destino, la quale si risolve con le logiche che ormai tutti conosciamo)

3) se sul cassone restano 7000 kg di rifiuto mi sembra ovvio che l'impianto non può averlo accettato tutto (accidenti si vede a occhio che c'è mezzo cassone!!)
4) l'impianto barrerà accettato per la seguente quantità = 12.000 kg (che sarà quella che tu pagherai)
5) il resto torna indietro a te esattamente con lo stesso FIR con cui è andato (perchè dici che è senza FIR?) dove nelle annotazioni sarà indicato che torna da te per impossibilità a scaricarlo
6) quando ti torna indietro il rifiuto te lo devi riprendere in carico sul registro (perchè dici che non risulta in carico?) visto che non essendo arrivato all'impianto non puoi averlo scaricato
I punti 5 e 6, che sarebbero abbastanza semplici tra persone normali, porteranno nell'ordine:
- telefonata del capo impianto al mio capo per lamentarsi
- il mio capo che proporrà qualcosa di infattibile scrivendo fino all'AD
- l'AD che ritelefonerà a me e in viva voce col capo impianto che dirà che loro non hanno il personale per gestire questa cosa
- io che mi sparo


PS devo capire qual'è la misteriosa "logistica degli impianti" sconvolta da un telo di plastica........forse il fatto che devono poi smaltirlo?
Anche io. Già il fatto che probabilmente dovrò andare io da Milano alla Calabria per vedere in che modo questo telo manda in palla il produttore e lo smaltitore te la dice lunga..
PS 2 ti rendi conto, vero, che se ti fanno pagare 19000 kg al posto di 12.000 è una truffa?
Certo..ma è anche la cosa che mi preoccupa meno, a questo punto
E che avrai seri problemi con il MUD e con il registro?
E che sei anche esposto a sanzioni per errata tenuta del registro e dei FIR?
Sono consapevole di tutto e mi rendo conto di tutto.

Il mio problema è far quadrare un cerchio che comprende: l'impianto che non ha nessuno che gestisce i rifiuti cum grano salis (ripeto, io sono in Lombardia, l'impianto in Calabria); lo smaltitore o il trasportatore che fanno i capricci e quando faccio notare che non va bene mi guardano come un matto; l'ufficio acquisti che mi risponde come sopra quando non lascia intendere che c'è dell'altro sotto.

Insomma..cercavo una soluzione normativamente, tecnicamente ed economicamente accettabile, ma più ci ragiono più mi pare che non ci sia. Non in questa azienda e con queste persone.
Mi scuso per la lamentazione...
avatar
Enrico F.
Membro della community

Messaggi : 36
Data d'iscrizione : 02.08.10
Età : 41
Località : Sesto S.G.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  Admin il Mer Feb 13, 2013 3:23 pm

Insomma..cercavo una soluzione normativamente, tecnicamente ed economicamente accettabile, ma più ci ragiono più mi pare che non ci sia.
La soluzione c'è ed è quella che ti ha indicato Isa.
E ci sono, immagino, altri mille impianti che gesticono gli stessi rifiuti tra la Lombardia e la Calabria.
Se, invece, si tratta di dare una parvenza di liceità ad una vicenda che lecita non è, allora non rientra assolutamente nei tuoi compiti.
E, consiglio spassionato, non ci proverei nemmeno.
avatar
Admin
Amministratore

Messaggi : 6482
Data d'iscrizione : 13.01.10
Età : 44

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  Enrico F. il Mer Feb 13, 2013 3:27 pm

Admin ha scritto:
Insomma..cercavo una soluzione normativamente, tecnicamente ed economicamente accettabile, ma più ci ragiono più mi pare che non ci sia.
La soluzione c'è ed è quella che ti ha indicato Isa.
E ci sono, immagino, altri mille impianti che gesticono gli stessi rifiuti tra la Lombardia e la Calabria.
Se, invece, si tratta di dare una parvenza di liceità ad una vicenda che lecita non è, allora non rientra assolutamente nei tuoi compiti.
E, consiglio spassionato, non ci proverei nemmeno.

Infatti. Dopo litigi, polemiche, riunioni inutili, comincio a credere che la soluzione migliore sia dire: la situazione è questa. Si deve fare così. Se non lo volete fare rischiate questo, questo e questo. Punto.
Non gliel'ha mica prescritto il medico di fare gli industriali.
avatar
Enrico F.
Membro della community

Messaggi : 36
Data d'iscrizione : 02.08.10
Età : 41
Località : Sesto S.G.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  isamonfroni il Mer Feb 13, 2013 3:46 pm

Enrico F. ha scritto: Infatti. Dopo litigi, polemiche, riunioni inutili, comincio a credere che la soluzione migliore sia dire: la situazione è questa. Si deve fare così. Se non lo volete fare rischiate questo, questo e questo. Punto.
Non gliel'ha mica prescritto il medico di fare gli industriali.

Enrico, scusami di nuovo se ti sono sembrata acida, però è evidente (dato che ti sei risposto da solo) che "c'è sotto qualcosa" per lo meno di "bizzarro" visto che di impianti tra la Lombardia e la Calabria ce ne saranno forse anche più di 1000 (Grazie ADMIN) e visto soprattutto che con quel che costa un trasporto da Milano alla Calabria, in Lombardia troveresti almeno 10 impianti disposti a scaricare "a mano" il tuo rifiuto, grattando direttamente il fondo del cassone con le unghie.

In ogni caso, ti suggerisco caldamente di esporre le tue ragioni (riportando la correttezza normativa) per iscritto e poi di lasciargli fare quello che vogliono, però almeno tu tuteli la tua professionalità.

Quoto tutto ciò che ha scritto ADMIN

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12389
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 59
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  Enrico F. il Mer Feb 13, 2013 3:53 pm

isamonfroni ha scritto:
Enrico F. ha scritto: Infatti. Dopo litigi, polemiche, riunioni inutili, comincio a credere che la soluzione migliore sia dire: la situazione è questa. Si deve fare così. Se non lo volete fare rischiate questo, questo e questo. Punto.
Non gliel'ha mica prescritto il medico di fare gli industriali.

Enrico, scusami di nuovo se ti sono sembrata acida, però è evidente (dato che ti sei risposto da solo) che "c'è sotto qualcosa" per lo meno di "bizzarro" visto che di impianti tra la Lombardia e la Calabria ce ne saranno forse anche più di 1000 (Grazie ADMIN) e visto soprattutto che con quel che costa un trasporto da Milano alla Calabria, in Lombardia troveresti almeno 10 impianti disposti a scaricare "a mano" il tuo rifiuto, grattando direttamente il fondo del cassone con le unghie.

In ogni caso, ti suggerisco caldamente di esporre le tue ragioni (riportando la correttezza normativa) per iscritto e poi di lasciargli fare quello che vogliono, però almeno tu tuteli la tua professionalità.

Quoto tutto ciò che ha scritto ADMIN

Purtroppo caratterialmente sono portato a sentire le ragioni di tutti e a cercare una soluzione (sempre nel rispetto della Legge, lo scrivo e lo penso davvero!) che non sia limitarsi a dire "Fai così e basta" ma quando mi scrivono (cito per far capire il senso della mia frustrazione): Se per ogni formulario devo fare sto sbattimento non ci siamo!!chiedi perché è diverso, manda certificato delle pese, vedi che ha fatto il trasportatore……Facevo prima a mettere il FLAG in “peso da verificarsi a destino” che imbattermi nel ginepraio della verifica del drift delle pese certificate!!! allora stiamo ragionando proprio su piani diversi.

"Facevo prima"...ma per piacere.

Ancora grazie.
avatar
Enrico F.
Membro della community

Messaggi : 36
Data d'iscrizione : 02.08.10
Età : 41
Località : Sesto S.G.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  Admin il Mer Feb 13, 2013 3:59 pm

Non lo so se si fa prima a barrare la casella "peso da verificarsi a destino", il problema è un altro (e sta a te farlo comprendere a chi di dovere):

1) Il fatto di barrare quella casella non vi esime da responsabilità in caso di discordanze non giustificabili tra i pesi (e quelle in oggetto non sono giustificabili).
2) Il viaggio di ritorno con rifiuti a bordo e con il formulario su cui è indicato che il carico è stato accettatto per intero è un trasporto di rifiuti sprovvisto di formulario (nella più benevola delle contestazioni).


Ultima modifica di Admin il Mer Feb 13, 2013 4:11 pm, modificato 1 volta
avatar
Admin
Amministratore

Messaggi : 6482
Data d'iscrizione : 13.01.10
Età : 44

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  Enrico F. il Mer Feb 13, 2013 4:07 pm

Admin ha scritto:Non lo se si fa prima a barrare la casella "peso da verificarsi a destino", il problema è un altro (e sta a te farlo comprendere a chi di dovere):

1) Il fatto di barrare quella casella non vi esime da responsabilità in caso di discordanze non giustificabili tra i pesi (e quelle in oggetto non sono giustificabili).
2) Il viaggio di ritorno con rifiuti a bordo e con il formulario su cui è indicato che il carico è stato accettatto per intero è un trasporto di rifiuti sprovvisto di formulario (nella più benevola delle contestazioni).

E' l'atteggiamento che mi manda in bestia. Si perde più tempo a scrivere mail polemiche di questo tenore che a fermarsi un attimo a ragionare e/o a fare le verifiche del caso.
E quando, 152 alla mano, hai dimostrato che si rischiano una serie di illeciti (occhio al termine "rischio" perchè è importante), la risposta è: ma fino ad oggi, in tutte le verifiche ci hanno fatto, non ci hanno detto niente! allora non stiamo facendo così male!
E giù a spiegare che se hai provato a saltare col trapezio una volta e non ti sei fatto male, non vuol dire necessariamente che sei un trapezista.
avatar
Enrico F.
Membro della community

Messaggi : 36
Data d'iscrizione : 02.08.10
Età : 41
Località : Sesto S.G.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  isamonfroni il Mer Feb 13, 2013 4:27 pm

Quella del trapezista mi è piaciuta davvero!!! cheers

Se per "verifiche" i tuoi intendono quelle dell'ISO, ma per piacere.......... Evil or Very Mad ne ho sentite di ogni.....
Se invece si riferiscono a controlli istituzionali (ARPA, Provincia, NOE ecc ecc.) è ovvio che in una verifica a posteriori non sia facile risalire al "misfatto", invece è facilissimo se, per caso, fermano per strada il camion tra la Calabria e Milano (un bel 1500 km), accorgersi che ci son su 6/7 ton di rifiuto che sono figli di nessuno e viaggiano senza FIR allegramente.


Comunque, scusami ma dove sarebbe lo sbattimento di barrare una casellina "accettato per la seguente quantità - 12000 kg" e 2 parole nelle annotazioni?
Forse lo sbattimento è che la loro fattura sarebbe più bassa?

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12389
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 59
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  Aurora Brancia il Mer Feb 13, 2013 5:01 pm

isamonfroni ha scritto:
Comunque, scusami ma dove sarebbe lo sbattimento di barrare una casellina "accettato per la seguente quantità - 12000 kg" e 2 parole nelle annotazioni?
Forse lo sbattimento è che la loro fattura sarebbe più bassa?
Io ho adorato "Ipotesi di complotto", con Mel Gibson e Julia Roberts (e non per la roberts...) e qualche traccia me l'ha lasciata.
Traccia che mi fa ipotizzare quanto possa fare comodo, e a chi ,che 1/3 di carico si faccia in quelle condizioni tutto lo stivale.
E siccome la buonanima di Falcone - che secondo me si sta rivoltando nella tomba da parecchio - diceva follow the money, poichè qua di money su un trasporto che richiede 2 giorni di viaggio o in alternativa 2 autisti ce n'è non malaccio soprattutto se non ha un gran senso farsi 3000 km, che il money di farsi pagare 3/3 anzichè 2/3 nemmeno sarà da buttare, ed infine soprattutto che se l'1/3 non scaricato nessuno se lo ricarica ciò avrà un suo perchè...
Ecco, questi davvero devono ringraziare che nessuno serio gli ha mai fermato il camion.

Se posso esprimere una mia curiosità, ma il trasportatore è interno? perchè io, sinceramente, una controllatina qualitativa a ciò che "torna indietro" la darei, così come già se solo fossi io il loro auditor 14000 mi leverei lo sfizio di segnalare come NC uno smaltimento che solo di gasolio (e di relatvi gas di scarico sperciati lungo l'intera penisola) di ambientalmente compatibile ha molto, ma molto, ma davvero molto poco. E se fossi al posto tuo, che mi sa sei anche arrivato da pochino, con l'aria più imbecille del mondo predisporrei una tabella di confronto: costo al kg smaltimento in piena locride € X, costo medio trasporto sino alla piena locride, € Y/tonn , costo per trasporto e smaltimento in impianto a 70 km (non dico dietro l'angolo,quindi) = € Z/kg, dove Z< X + Y/1000. Portando questo prospetto ufficialmente come miglioramento delle performance ambientali alla luce del risparmio economico, quindi con plauso degli ispettori 14000, la loro risposta ti potrà illuminare su quelli che a me paiono aspetti misteriosi alla base dell'attuale comportamento aziendale.
Ah, a proposito: il costo Y del trasporto, se è un esterno, va monitorato con attenzione , perchè quando il mezzo non ritorna vuoto, e quindi non si può assicurare una commessa per il viaggio di ritorno, in genere finisce con l'essere giustamente raddoppiato. Magari il Grande Capo geniale questo non lo sa perchè nessuno gliel'ha ancora spiegato.

Concludo dicendo che non vorrei essere al posto tuo.

_________________
Ognuno di noi, da solo, non vale nulla.
avatar
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3630
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 64
Località : Napoli

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  zorba il Mer Feb 13, 2013 5:09 pm

Enrico F. ha scritto:Noi: produttore, pesa certificata.
Il carico arriva ma, a causa delle condizioni di umidità, spesso non si riesce a scaricarlo tutto, ameno che in quel momento non sia disponibile un ragno che riesce a "grattarlo" dal cassone. Ne consegue che tra la nostra pesa e quella dell'impianto, ballano anche 7000 kg su 19000 kg affraid

Due problemi, anzi tre:
- se non faccio verificare il peso a destino mi cautelo sul trasporto ma posso arrivare a pagare molto di più di quello che effettivamente smaltisco.
- se faccio barrare il peso a destino ammette implicitamente (come spesso si è detto) che non ho la certezza di quanto affido al vettore (e in verifica 14001 il consulente mi legna..ma quello sarebbe il meno).
- se il vettore tornia a rendermi lo scarrabile con 7000 kg di rifiuto...di chi è il rifiuto che a quel punto viaggia senza FIR?
Scusa la mia diffidenza, ma...
Visto che l'impianto di destinazione guadagna sulla base delle quantità di rifiuti che si trova a trattare, vorrei sapere chi è quell'imprenditore che rimanda indietro oltre il 35% di rifiuto BUONO (7 ton su 19) solo perché non ha un ragno con cui scaricare completamente il cassone...
E tutto questo dopo un viaggio dalla Lombardia alla Calabria?

Probabilmente qualcuno sta facendo il furbo e - come diceva giustamente Aurora - non vorrei essere nei tuoi panni.
avatar
zorba
Utente Attivo

Messaggi : 370
Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  Enrico F. il Mer Feb 13, 2013 5:15 pm

zorba ha scritto:
Enrico F. ha scritto:Noi: produttore, pesa certificata.
Il carico arriva ma, a causa delle condizioni di umidità, spesso non si riesce a scaricarlo tutto, ameno che in quel momento non sia disponibile un ragno che riesce a "grattarlo" dal cassone. Ne consegue che tra la nostra pesa e quella dell'impianto, ballano anche 7000 kg su 19000 kg affraid

Due problemi, anzi tre:
- se non faccio verificare il peso a destino mi cautelo sul trasporto ma posso arrivare a pagare molto di più di quello che effettivamente smaltisco.
- se faccio barrare il peso a destino ammette implicitamente (come spesso si è detto) che non ho la certezza di quanto affido al vettore (e in verifica 14001 il consulente mi legna..ma quello sarebbe il meno).
- se il vettore tornia a rendermi lo scarrabile con 7000 kg di rifiuto...di chi è il rifiuto che a quel punto viaggia senza FIR?
Scusa la mia diffidenza, ma...
Visto che l'impianto di destinazione guadagna sulla base delle quantità di rifiuti che si trova a trattare, vorrei sapere chi è quell'imprenditore che rimanda indietro oltre il 35% di rifiuto BUONO (7 ton su 19) solo perché non ha un ragno con cui scaricare completamente il cassone...
E tutto questo dopo un viaggio dalla Lombardia alla Calabria?

C'è stato un misunderstanding: il viaggio è dalla Calabria alla..Calabria. Si rifletteva se non valesse la pena trovare altrove altri impianti più disponibili a grattare il rifiuto (come diceva Isa).
avatar
Enrico F.
Membro della community

Messaggi : 36
Data d'iscrizione : 02.08.10
Età : 41
Località : Sesto S.G.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  Admin il Mer Feb 13, 2013 5:20 pm

Questa è già una buona notizia ma, in merito alla liceità della condotta, non cambia nulla.
Continuano a valere le considerazioni già espresse.
avatar
Admin
Amministratore

Messaggi : 6482
Data d'iscrizione : 13.01.10
Età : 44

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  CROCIDOLITE il Mer Feb 13, 2013 5:27 pm

Ferme restando i dubbi sulla correttezza dell'operazione sopradescritta, ma ipotizzando che il tutto venga fatto in modo corretto, ricordo a tutti quelli che sono gli obblighi contrattuali di un caricatore:

Obbligazioni a carico del caricatore

Il caricatore, la persona o l’impresa che si occupa di sistemare la merce sul veicolo del vettore, ha come obbligo principale quello di verificare e prendersi cura della sistemazione del carico. Se non adempie a quest’obbligo incorre in responsabilità di natura pubblicistica e privatistica.
Pubblicistica quando il conducente del vicolo ha commesso delle violazioni durante il trasporto come il superamento dei limiti di velocità, mancato rispetto dei tempi di guida e di riposo, cattiva sistemazione del carico sul mezzo, eccedenza di massa sui veicoli a motore, eccedenza dei limiti di sagoma e massa.
Privatistica quando in conseguenza delle violazioni di cui sopra il conducente abbia causato danni a cose e persone.


Alla luce di quanto sopra, il caricatore, a mio avviso, ha l'obbligo di accertarsi che la merce (o il rifiuti) sia tecnicamente scaricabile. Nel caso in questione, Isa ha correttamente indicato la possibilità di porre un telo a perdere tra il rifiuto ed il cassone. Il barrare la casella "peso da verificare a destino" non esula da quanto sopra, in quanto serve solo a sanare le differenze di peso che possano derivare da tolleranze dei sistemi di pesatura, o da variazioni (minime) della tara (esempio differenza di peso causata da un serbatoio carburante pieno o serbatoio vuoto. Non è accettabile una perdita sul netto, in quanto le prescrizioni riportate sulle iscrizioni all'albo gestori ambientali obbligano ad impedire che ciò possa avvenire, se non con differenze davvero minime (es perdita per evaporazione).

Agire sugli impianti perché si adoperino per "grattare il grattabile" è sbagliato: chi paga i danni di un'eventuale grattatina troppo violenta?

A mio modesto avviso, il produttore di un rifiuto, (qualunque sia la sua natura e la quantità) DEVE accettare il fatto che lo stesso fa parte del ciclo delle sue produzioni, e non deve essere solo una "scocciatura", da delegare al primo che viene, sia esso il trasportatore o lo smaltitore/recuperatore finale.

avatar
CROCIDOLITE
Utente Attivo

Messaggi : 3053
Data d'iscrizione : 29.09.10
Località : IO/NOI/GAIA

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  Admin il Mer Feb 13, 2013 5:39 pm

A mio modesto avviso, il produttore di un rifiuto, (qualunque sia la sua natura e la quantità) DEVE accettare il fatto che lo stesso fa parte del ciclo delle sue produzioni, e non deve essere solo una "scocciatura", da delegare al primo che viene, sia esso il trasportatore o lo smaltitore/recuperatore finale.
Crocidolite, Santo subito!
avatar
Admin
Amministratore

Messaggi : 6482
Data d'iscrizione : 13.01.10
Età : 44

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  Enrico F. il Mer Feb 13, 2013 5:41 pm

Admin ha scritto:
A mio modesto avviso, il produttore di un rifiuto, (qualunque sia la sua natura e la quantità) DEVE accettare il fatto che lo stesso fa parte del ciclo delle sue produzioni, e non deve essere solo una "scocciatura", da delegare al primo che viene, sia esso il trasportatore o lo smaltitore/recuperatore finale.
Crocidolite, Santo subito!

Il soglio è pure vacante tra un paio di settimane!!
avatar
Enrico F.
Membro della community

Messaggi : 36
Data d'iscrizione : 02.08.10
Età : 41
Località : Sesto S.G.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ancora e sempre su Peso a destino

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum