Ultimi argomenti
» Autodemolizione
Da Vincenzota Ieri alle 5:20 pm

» obblighi destinatario merci in ADR
Da benassaisergio Ieri alle 4:48 pm

» DAVIDE4189
Da isamonfroni Gio Set 21, 2017 2:02 pm

» proroga SISTRI
Da annariri Mer Set 20, 2017 6:27 pm

» Disponibili i Quiz delle Verifiche di idoneità del Responsabile Tecnico Albo Gestori Ambientali
Da vaghestelledellorsa Mer Set 20, 2017 9:59 am

» carico accettato ma contestato, intermediario
Da Paolo UD Mer Set 20, 2017 9:37 am

» Cambio autorizzazione e mud
Da nickcla Mar Set 19, 2017 12:58 pm

» Unità locale-Posizione del rifiuto
Da Spigola Mar Set 19, 2017 8:31 am

» Quiz Incomprensibile RT cat 1-4-5
Da matteorossi Lun Set 18, 2017 7:01 pm

» CARICO/SCARICO IN CISTERNA
Da matteo85 Lun Set 18, 2017 3:58 pm


La "maledizione di Sandokan" contro gli archeologi campani

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La "maledizione di Sandokan" contro gli archeologi campani

Messaggio  Admin il Lun Nov 26, 2012 5:41 pm

http://www.liberoquotidiano.it/news/1129960/Rifiuti-oncologo-Istituto-Pascale--maledizione-di-Sandokan--contro-archeologi-campani.html
avatar
Admin
Amministratore

Messaggi : 6479
Data d'iscrizione : 13.01.10
Età : 44

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "maledizione di Sandokan" contro gli archeologi campani

Messaggio  tfrab il Lun Nov 26, 2012 6:16 pm

Admin ha scritto:http://www.liberoquotidiano.it/news/1129960/Rifiuti-oncologo-Istituto-Pascale--maledizione-di-Sandokan--contro-archeologi-campani.html

che ci sia un problema di smaltimento abusivo è fuori discussione, penso siamo tutti d'accordo su questo forum. però mi vengono due dubbi:

1. nella "popolazione" degli addetti agli scavi non ci sono altre fonti di esposizione all'amianto?
2. interrati fusti di diossina? è diossina PURA? mi pare improbabile, per tutta una serie di considerazioni

non so se sia una sintesi brutale del giornalista, o altro, però ho il dubbio che semplificare un po' troppo si danneggi la causa, giustissima, che si vuole portare avanti
avatar
tfrab
Utente Attivo

Messaggi : 365
Data d'iscrizione : 14.09.11
Età : 43
Località : Centro Italia

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "maledizione di Sandokan" contro gli archeologi campani

Messaggio  isamonfroni il Lun Nov 26, 2012 7:00 pm

tfrab ha scritto: non so se sia una sintesi brutale del giornalista, o altro, però ho il dubbio che semplificare un po' troppo si danneggi la causa, giustissima, che si vuole portare avanti

sul fatto che i giornalisti sappiano qualcosa di ambiente..........
un fusto di Diossina (così come è scritto) sarei ansiosa di vederlo......... Very Happy

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12382
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 59
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "maledizione di Sandokan" contro gli archeologi campani

Messaggio  tfrab il Lun Nov 26, 2012 7:05 pm

isamonfroni ha scritto:
un fusto di Diossina (così come è scritto) sarei ansiosa di vederlo......... Very Happy

io un fusto di diossina pura avrei paura anche a vederlo da lontano, ma ho la ragionevole speranza che non capiti Rolling Eyes
avatar
tfrab
Utente Attivo

Messaggi : 365
Data d'iscrizione : 14.09.11
Età : 43
Località : Centro Italia

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "maledizione di Sandokan" contro gli archeologi campani

Messaggio  Aurora Brancia il Mer Nov 28, 2012 12:35 pm

... Beh, io conosco di persona Antonio Marfella, che è ottima persona, con il quale spesso mi sono trovata ad incontri pubblici in tema di oncogenesi e gestione rifiuti. Riconosco che ha grandi capacità comunicative, che sia persona decisamente super partes e non legato ad alcun potentato economico e altre cose estremamente positive ed ammirevoli come queste. Però, come capita spesso ai medici ma anche ad alcuni magistrati o comunque a chi non viene da studi basati sulle prove di evidenza scientifica o matematica, è affezionato alla sua maniera di intendere e vedere le cose.

Io invece, avendo un approccio alla mia professione più di tipo sperimental-positivista (ipotizzo, teorizzo e cerco conferma sperimentale ad ipotesi e teorie), da anni vado dicendo che fare l'archeologo significa comunque fare scavi: e scavando il suolo si finisce per lo stare giorni e giorni in ambienti dove, oltre le ovvie polveri non abbattibili per umidificazione come negli scavi a fini edilizi, di certo si trovano immersi in tenori di radon di tutto rispetto.
Per di più, rispetto agli speleologi che pure secondo me sono professionalmente esposti di défault, c'è che la loro permanenza di questi ambienti è pressocché quotidiana.
Se infine parliamo di far l'archeologo in una regione praticamente tutta di origine vulcanica come la campania, giustappunto scavando in ceneri e fanghi vulcanici su substrati tufacei a loro volta vulcanici, credo che la dose di radon superi ampiamente i 3 millisievert/anno ritenuti cautelativi per l'insorgenza di malattie neoplastiche da Radiazioni Ionizzanti. Aggiungiamo che poi, molto spesso, la catalogazione dei reperti avviene dei sotterranei dei musei: a qualche valente RSPP delle sovrintendenze queste cosette saranno mai venute in mente???

Detto ciò, credo che fusti con diossina pura non se ne siano fatti nemmeno a seveso.

Quanto agli scavi di pompei, ho personalmente seguito nel 1993-94 il rifacimento del tetto del Gymnasium con travi di castagno (enormi, bellissime ed importate dalla slovenia, se ben ricordo) e coppi in cotto fatti con argilla ns. locale. La presistente copertura era in eternit poggiato su capriate di travi e travetti in cemento armato, come da "recupero archeologico" ( Sad ) eseguito alla fine degli anni 50.
Se marfella cerca appena fuori casa, che non è nemmeno troppo distante da casa mia, scoprirà che non è per nulla infrequente trovare lastre di cemento amianto persino nei cassonetti...

_________________
Ognuno di noi, da solo, non vale nulla.
avatar
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3617
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 64
Località : Napoli

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "maledizione di Sandokan" contro gli archeologi campani

Messaggio  homer il Mer Nov 28, 2012 12:50 pm

... bella sta cosa dei fusti di diossina..... pura fantasia
ottime le osservazioni di aurora

il tema della percezione del rischio l'ho sempre trovato affascinante, trovo che somigli molto alla nota vicenda della pagliuzza e della trave nell'occhio..........
avatar
homer
Utente Attivo

Messaggi : 657
Data d'iscrizione : 24.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "maledizione di Sandokan" contro gli archeologi campani

Messaggio  isamonfroni il Gio Nov 29, 2012 12:22 am

homer ha scritto:... bella sta cosa dei fusti di diossina..... pura fantasia
ottime le osservazioni di aurora

il tema della percezione del rischio l'ho sempre trovato affascinante, trovo che somigli molto alla nota vicenda della pagliuzza e della trave nell'occhio..........

clapclap clapclap clapclap

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12382
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 59
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: La "maledizione di Sandokan" contro gli archeologi campani

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum