Ultimi argomenti
» Sentenza Corte Europea c115-03 2004 e registro
Da marcogio85 Gio Dic 08, 2016 8:20 pm

» mancato versamento contributo SISTRI 2016 pagarlo oggi oppure no
Da Enrico Mer Dic 07, 2016 8:55 pm

» CER nastri in gomma
Da euclione Mer Dic 07, 2016 7:10 pm

» SALDATURA AD ARIA CALDA - EMISSIONI IN ATMOSFERA
Da Aurora Brancia Mer Dic 07, 2016 1:03 am

» milleproroghe
Da benassaisergio Mar Dic 06, 2016 12:43 am

» Problema pagamento Albo autotrasporto 2017 ..
Da kompei77 Lun Dic 05, 2016 6:22 pm

» Roma: rifiuti da attività edilizie
Da PiazzaPulita Lun Dic 05, 2016 1:44 pm

» lavaggio vasche chi è il produttore del rifiuto
Da fallacara ecologia Ven Dic 02, 2016 4:39 pm

» disposizione speciale 375/2015
Da cirillo Ven Dic 02, 2016 4:03 pm

» Trasporto transfrontaliero Raee - qualche chiarimento.
Da Userro Ven Dic 02, 2016 10:26 am


Esito Analisi Rifiuto: sono in ADR?

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Esito Analisi Rifiuto: sono in ADR?

Messaggio  Francy78 il Mar Giu 05, 2012 4:38 pm

Promemoria primo messaggio :

Buongiorno,
ho ricevuto le analisi di un rifiuto che non sappiamo se rientra in ADR o meno. Questo è l'esito:
https://i44.servimg.com/u/f44/17/44/81/78/analis14.jpg

Ma non mi è chiaro comunque: ADR Sì o No? chairfall

Grazie mille

Francy78
Membro della community

Messaggi : 26
Data d'iscrizione : 06.10.10

Tornare in alto Andare in basso


Re: Esito Analisi Rifiuto: sono in ADR?

Messaggio  Aurora Brancia il Mar Lug 09, 2013 8:01 am

aaaahhhh, santissimapumitrozzolamadre, e cominciamo bene anche stamattina!
L'impianto che produce le ceneri è un 13.2, quello che di destino un 18.11: se leggi quel fac-simile di certificato-tipo che ho riportato è esattamente quello il destino!
Forse adesso che ti sei riposato hai la mente più sgombra e vedrai che ti sei fatto mezza nottata sveglio senza alcun motivo.
P.S.: ripeto: trattandosi di un codice NP senza specchio, NON si devono eseguire analisi. Hai speso soldi inutilmente.

_________________
Ognuno di noi, da solo, non vale nulla.

Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3463
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 63
Località : Napoli

Tornare in alto Andare in basso

Re: Esito Analisi Rifiuto: sono in ADR?

Messaggio  AlePIS il Mar Lug 09, 2013 8:42 am

Aurora Brancia ha scritto:aaaahhhh, santissimapumitrozzolamadre, e cominciamo bene anche stamattina!
L'impianto che produce le ceneri è un 13.2, quello che di destino un 18.11: se leggi quel fac-simile di certificato-tipo che ho riportato è esattamente quello il destino!
Forse adesso che ti sei riposato hai la mente più sgombra e vedrai che ti sei fatto mezza nottata sveglio senza alcun motivo.
P.S.: ripeto: trattandosi di un codice NP senza specchio, NON si devono eseguire analisi. Hai speso soldi inutilmente.

Il fatto è che in autorizzazione ARPAT indica esplicitamente che "vista la tipologia di materie prime impiegate nel processo di combustione, si ritiene che il rifiuto sia da individuare al paragrafo 13.2 dell'allegato 1 al DM 5/2/98". Dicendo questa cosa temo che non accetti come destinatario un impianto di compostaggio che ritira secondo il paragrafo 18.11.
In più, ahimè, dall'analisi delle ceneri è risultato anche un valore piuttosto elevato di diossine > 0,1 ppb il che mi precluderebbe anche l'invio a recupero secondo il paragrafo 13.2. Da tutti questi ragionamenti non mi resta che il D9, sempre che trovi un impianto in zona.

Ho iniziato a lavorare per questa azienda da una settimana e mi sono subito trovato queste belle analisi sul groppone, a saperlo prima facevo come mi dicevi tu!!! Mannaggia!!!

AlePIS
Membro della community

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 08.10.10
Età : 36
Località : Calci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Esito Analisi Rifiuto: sono in ADR?

Messaggio  homer il Mar Lug 09, 2013 8:45 am

Concordo con il prof. Pinco Pallo di Staminchia

homer
Utente Attivo

Messaggi : 624
Data d'iscrizione : 24.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Esito Analisi Rifiuto: sono in ADR?

Messaggio  Aurora Brancia il Mar Lug 09, 2013 10:13 pm

AlePIS ha scritto: Il fatto è che in autorizzazione ARPAT indica esplicitamente che "vista la tipologia di materie prime impiegate nel processo di combustione, si ritiene che il rifiuto sia da individuare al paragrafo 13.2 dell'allegato 1 al DM 5/2/98". Dicendo questa cosa temo che non accetti come destinatario un impianto di compostaggio che ritira secondo il paragrafo 18.11.
In più, ahimè, dall'analisi delle ceneri è risultato anche un valore piuttosto elevato di diossine > 0,1 ppb il che mi precluderebbe anche l'invio a recupero secondo il paragrafo 13.2. Da tutti questi ragionamenti non mi resta che il D9, sempre che trovi un impianto in zona.

AlePIS, o ti spieghi male tu o non riesco a farmi capire io:
Il rifiuto da individuare per bruciarlo nell'impianto di combustione è quello della tipologia 13.2. Ed è questo che dice anche l'arpa.
OK. Quindi, nell'impianto di combustione arriva un rifiuto che è quello previstro da 13.2 in semplificata. Fin qui, ci sei? tutto bene, mi segui?.

Perfetto.
Adesso, il rifiuto come da tipologia di recupero 13.2 si è bruciato, restano le ceneri: che ce ne facciamo ??? Quelle cacchiarole di ceneri derivanti dalla combustione NON sono più il rifiuto che è entrato, e che è morto bruciato, ma sono un nuovo rifiuto prodotto dall'impianto di combustione. Bene, queste hanno un nuovo Codice CER, probabilmente un 10 01 03 o un 10 01 17, ed andranno come ceneri di legno non trattato ad un impianto di compostaggio che sia autorizzato alla produzione di fertilizzanti con quelle ceneri secondo la tipologia 18.11.

Mi dici cosa è che non capisci? Cosa ti potrebbe trovare da ridire l'arpat se il rifiuto di un 13.2 va in un 18.11 ? è quella la fine giusta !
Ultima nota sulle diossine: guarda che un dosaggio serio delle diossine non può costare meno di 400-450 €, i cosiddetti "screening analitici" non danno valori affidabili e soprattutto non consentono il calcolo di diossine in TEq: non tutte le diossine (da capire con quale cloro si formino, in ogni caso, e dov'è l'introppo con temperatura < 500°C in un forno di quella specie) hanno la stessa tossicità, ed è su quella che si fanno le caratterizzazioni. In ogni caso, a meno che non siamo davanti ad un co-combustore o ad un cogeneratore, le analisi delle ceneri da legno vergine NON si eseguono perchè sono non pericolose per legge e da secoli.

Basta, non lo ripeto più: mi sono stancata.


AlePIS ha scritto:Ho iniziato a lavorare per questa azienda da una settimana e mi sono subito trovato queste belle analisi sul groppone, a saperlo prima facevo come mi dicevi tu!!! Mannaggia!!!
Non ci siamo: immagino tu sia il consulente ambientale, di quest'azienda che hai acquisito da 1 settimana. E uno che si va vendendo come consulente ambientale, e perdonami la schiettezza anche brusca con cui lo dico, queste cose le deve sapere.
O tu, quando vai dal notaio per comprare casa, accetti che quello ti dica "torni tra una settimana, devo ultimare il corso per sapere cosa serve nelle compravendite di abitazioni civili" ? E se vai dal dentista che ti fa male un incisivo accetti che ti curi un premolare perchè la parte finale del corso di studio con la cura degli incisivi non la portavano in programma d'esame?

Il primo che lagna che Standards & Poor ci ha passato a BBB, in queste condizioni di approssimazione generale, lo meno.

_________________
Ognuno di noi, da solo, non vale nulla.

Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3463
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 63
Località : Napoli

Tornare in alto Andare in basso

Re: Esito Analisi Rifiuto: sono in ADR?

Messaggio  AlePIS il Mer Lug 10, 2013 1:35 pm

Buongiorno Aurora,

Parto dal primo punto che hai segnalato.
Qui stiamo parlando delle ceneri di un impianto che non riceve rifiuti, bensì cippato di legna vergine che arriva in impianto con documento di trasporto e viene poi bruciato in caldaia a 900°C per produrre energia elettrica e termica. Dal processo di combustione derivano le ceneri pesanti di caldaia a cui sto facendo riferimento.
Nell’autorizzazione dell’impianto, come scritto nella mia precedente comunicazione, ARPAT richiede espressamente una caratterizzazione analitica e non merceologica e recita testualmente "vista la tipologia di materie prime impiegate nel processo di combustione, si ritiene che il rifiuto sia da individuare al paragrafo 13.2 dell'allegato 1 al DM 5/2/98" e quindi quando parla di rifiuto si riferisce alle ceneri derivanti dal processo di combustione facente parte del ciclo produttivo dell’impianto.

Al punto 13.2 del 5/2/98 si parla di “ceneri dalla combustione di biomasse (paglia, vinacce) ed affini, legno, pannelli, fanghi di cartiere” mentre al punto 18.11 si parla di “ceneri di combustione di sansa esausta e da materiali organici vari di origine naturale”. Visto che noi bruciamo legno e non siamo un frantoio, tra le due a mio avviso è più corretto destinare il nostro rifiuto a recupero secondo quanto previsto dal 13.2.3, piuttosto che inviarlo a compostaggio.  

Chiarito questo primo punto passiamo al secondo: diossine. E’ stata fatta una speciazione ponderando la tossicità dei singoli congeneri per la determinazione della diossina equivalente totale. Sul perché ci sia così tanto cloro disponibile me lo chiedo anche io e anche su questo argomento sono ben accetti ulteriori spunti di riflessione.

Per quanto riguarda invece il terzo punto se ti può confortare non sono il consulente ambientale bensì un lavoratore assunto con l’incarico di gestire l’impianto, dagli ordini ai fornitori, al peso dei camion, all’allaccio all’ENEL, ai controlli sul cippato fino alla gestione dei rifiuti. Probabilmente in questo forum c’è gente molto più brava ed esperta di me in materia ambientale ma forse tanti non saprebbero smontare una coclea o guidare una pala, non trovi?

Spero che tu abbia la voglia di rispondermi perché sarebbe un utile momento di crescita, se invece hai bisogno di smontare una coclea fammi un fischio che vengo io! ;-)

Grazie ancora e buona giornata

AlePIS
Membro della community

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 08.10.10
Età : 36
Località : Calci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Esito Analisi Rifiuto: sono in ADR?

Messaggio  CROCIDOLITE il Mer Lug 10, 2013 4:28 pm

il 13.2 contempla il riutilizzo di ceneri di biomasse per la produzione di cemento, laterizi, ....
il 16.1 capo "n" contempla il riutilizzo di "ceneri di combustione di sanse esauste e di scarti vegetali con le caratteristiche di cui al punto 18.11"
Il 18.11 contempla il riutilizzo di ceneri di biomasse per la produzione di fertilizzanti.

Le ceneri di AlePIS sono riutilizzabili in tutti e tre i cicli di riutilizzo.

la ricerca delle diossine è prevista al 13.2.2 del DM 05/02/98, per le forme di recupero di cui al punto 13.2.3

CROCIDOLITE
Utente Attivo

Messaggi : 3053
Data d'iscrizione : 29.09.10
Località : IO/NOI/GAIA

Tornare in alto Andare in basso

Re: Esito Analisi Rifiuto: sono in ADR?

Messaggio  AlePIS il Mer Lug 10, 2013 5:45 pm

Però se ARPA mi impone il 13.2 perché secondo loro è più aderente al ciclo produttivo le diossine le devo rispettare.

Col senno di poi era durante la conferenza di servizi che si doveva essere più scaltri, ora che c'è scritto in autorizzazione poco si può fare.

AlePIS
Membro della community

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 08.10.10
Età : 36
Località : Calci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Esito Analisi Rifiuto: sono in ADR?

Messaggio  Robicheaux il Mer Lug 10, 2013 6:25 pm

AlePIS forse non ci si riesce ad intendere per come hai descritto il tuo caso. Dici che il tuo impianto non tratta rifiuti, ma cippato di legno, biomassa vergine, ergo non dovrebbe essere in possesso di una autorizzazione ai sensi dell'art.208 o 216 del D.Lgs 152_06. Tuttavia più avanti parli di un'autorizzazione, di una prescrizione di Arpat e di una conferenza servizi. Di che autorizzazione si tratta? Forse del permesso di costruire, DIA, SCIA, PAS, autorizzazione unica per impianti a fonti rinnovabili (art.12 Dlgs 387/03), autorizzazione alle emissioni in atmosfera?? Qual'è l'istituzione alla quale è stata chiesta l'approvazione del tuo impianto? Non può essere Arpat, che non è autorità, ma è di supporto agli enti locali, e rilascia solo pareri. Sarà il Comune o la Provincia o chia ltro....In ogni caso l'indicazione di Arpat è l'indirizzo che dovrai seguire qualora tu volessi destinare al recupero le ceneri del tuo impianto, te ne ha esplicitato uno solo, il 13.2 del DM 5/2/98, la possibilità cioè di conferire le ceneri a:
a) produzione di conglomerati cementizi [R5];
b) cementifici [R5];
c) industria dei laterizi e dell'argilla espansa [R5];
d) formazione di rilevati e riutilizzo per recuperi ambientali previo rispetto del test di cessione.
Perchè tu possa conferirli a queste destinazioni le tue ceneri devono avere quelle caratteristiche, cioè le diossine sotto 0,1 ppb e i PCB/PCT sotto i 5 ppm, oppure rispettare i limiti di cessione per i diversi parametri richiesti con l'applicazione del test allegato III al decreto nel caso con le tue ceneri si voglia realizzare un rilevato.
Ora, se le tua analisi è stata svolta da un laboratorio serio, la concentrazione delle diossine supera il valore ammesso, non è più possibile conferire le ceneri al recupero come da categoria 13.2, ti rimangono la 16.1 o la 18.11 per gli impianti che effettuano recupero in procedura semplificata, oppure puoi inviare le ceneri ad impianti in possesso di autorizzazione ordinaria allo smaltimento o al recupero di rifiuti pericoloso e non che abbiano lo stesso tuo codice CER nell'atto autorizzativo.

Robicheaux
Membro della community

Messaggi : 19
Data d'iscrizione : 19.01.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Esito Analisi Rifiuto: sono in ADR?

Messaggio  Robicheaux il Mer Lug 10, 2013 6:27 pm

.....rifiuti pericolosi o non pericolosi, che abbiano lo stesso tuo codice CER nell'atto autorizzativo. -

Robicheaux
Membro della community

Messaggi : 19
Data d'iscrizione : 19.01.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Esito Analisi Rifiuto: sono in ADR?

Messaggio  AlePIS il Gio Lug 11, 2013 6:31 pm

Innanzitutto ringrazio tutti per l'interesse su questo argomento.

Confermo che l'impianto è in possesso di autorizzazione unica per gli impianti a fonti rinnovabili.

All’interno dell’autorizzazione la Provincia come prescrizione recepisce il parere di ARPA e indica come unica possibilità il recupero secondo la tipologia 13.2.

Sono sempre più orientato verso la destinazione D9 per potermi cautelare e poi provvederò ad approfondire il motivo per cui ci sono quei valori nelle ceneri se quello che bruciamo è solo ed esclusivamente legno vergine.

Cmq vi terrò aggiornati sul finale di questa “appassionante” vicenda! 

Ciao a tutti

AlePIS
Membro della community

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 08.10.10
Età : 36
Località : Calci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Esito Analisi Rifiuto: sono in ADR?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato Oggi a 1:53 pm


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum