Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  REPRINTER il Ven Mag 11, 2012 8:26 am

http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/inchiesta-italiana/2012/05/10/news/sistri_finmeccanica-34879060/






IL CASO di CARLO BONINI



Bidoni di rifiuti speciali
Doveva diventare l'arma definitiva per sconfiggere le eco-mafie, ma dietro al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti si nasconde una voragine di sperperi pubblici a vantaggio della holding di Stato, incaricata - attraverso la controllata Selex - di progettare e mettere a regime il sistema. Tutto sancito da un contratto siglato in gran segreto con il Ministero dell'Ambiente che Repubblica è in grado di rivelare.

E che scoperchia un business da quasi 500 milioni di euro ai danni di 400 mila aziende italiane





ROMA - Nel pozzo nero di Finmeccanica, la holding che si è fatta tasca della Politica e sua stanza di compensazione, c'è un affare da 500 milioni di euro il cui costo è stato caricato per intero sul Paese. Su almeno 400 mila piccole, medie e grandi aziende che dal 2010 versano un contributo obbligatorio, di fatto una tassa, per un servizio mai erogato e di cui per sette volte in due anni è stata prorogata l'entrata a regime (l'ultima, al 30 giugno prossimo). Una commessa pubblica per la quale la holding ha già incassato oltre 100 milioni di euro e battezzata "Sistri", Sistema Integrato di controllo della tracciabilità dei rifiuti. Lo strumento doveva diventare l'arma definitiva nella lotta alle eco-mafie. Sostituire la manipolabile burocrazia di carta che oggi governa il trasporto e lo smaltimento, con un controllo digitale trasparente ed efficiente. Non è andata così.
Con l'opacità propria di ogni affare su cui vengono caricati costi inconfessabili - e di cui ora "Repubblica" è in grado di documentare, svelandoli, alcuni passaggi chiave - la realizzazione del Sistri, nel tempo, annega nelle nebbie e nelle fumisterie dei regolamenti ministeriali, delle norme a misura infilate in decreti legge omnibus (il "mille proroghe" su tutti). Fino a diventare un rebus per iniziati. Soprattutto, l'affare gode di uno status curioso. Diciamo pure assai anomalo. Il governo, il 5 settembre del 2008, con decreto firmato dall'allora Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, pone il "segreto amministrativo" "sul progetto, le opere, i servizi, e le forniture per la realizzazione del Sistema" che il ministero dell'Ambiente, a quella data, ha già scelto di affidare alla "Selex Service management", società del gruppo Finmeccanica.
Per quale motivo? Perché impedire al Parlamento e dunque all'opinione pubblica di conoscere i termini di un affare di tale rilievo economico e sociale?

Il contratto svelato. Il progetto, la sua esistenza, la sua architettura, non sono un mistero. Ci ha cominciato a lavorare il governo di centro-sinistra già nel 2007. Si tratta di predisporre presso il Ministero dell'Ambiente una rete di dati integrata cui i produttori e i trasportatori di rifiuti "speciali pericolosi" dovranno agganciarsi, garantendo così la tracciabilità dell'intero processo di smaltimento. Per giustificare dunque il "segreto", al Paese, nel 2008, viene rifilata una frottola che pure ha una sua plausibilità. Finmeccanica - si dice - lavora con una "avanzatissima tecnologia militare" che deve godere della massima protezione e dunque rimanere inaccessibile alle mille mafie che lucrano sul ciclo dei rifiuti. Peccato non sia vero.

"Repubblica" è riuscita a ottenere il contratto siglato il 14 dicembre del 2009 dal Ministero dell'Ambiente e la "Selex service management" su cui il Governo, come abbiamo visto, ha curiosamente posto il segreto già un anno prima, a scatola chiusa, quando ancora non esiste alcun progetto esecutivo. E la lettura delle sue 35 pagine ne documenta la ragione. (LEGGI IL DOCUMENTO ESCLUSIVO)

Non c'è nessun paragrafo dell'accordo che custodisca dettagli sensibili relativi alle tecnologie utilizzate. Ciò che il Paese non deve conoscere sono i termini economici dell'intesa. Le sue condizioni capestro, i suoi formidabili costi. Cuciti, gli uni e gli altri, sulle esigenze di Finmeccanica. Il contratto prevede infatti, per una durata di cinque anni (la scadenza è fissata nel dicembre 2014), che per la realizzazione del Sistema, la sua manutenzione, nonché la fornitura ad aziende e trasportatori dei due marchingegni funzionali al software che assicura la tracciabilità dei rifiuti (chiavette usb per il carico dei dati, nonché "black-box", scatole nere da montare sulle motrici dei camion adibiti al trasporto), la "Selex" incassi a regime dal Ministero dell'Ambiente una quota fissa di 28 milioni di euro l'anno e una quota variabile, stimata tra i 65 e i 70 milioni, legata al gettito assicurato dal contributo che ciascun utente (azienda o trasportatore) del Sistri sarà chiamato a versare al momento dell'iscrizione obbligatoria al Sistema e del ritiro della chiavetta usb o della "scatola nera" che li renderanno parte della rete.

Sono numeri da tombola. E per comprenderlo è sufficiente un dato. Le "black-box", le scatole nere che Selex monterà sulle motrici dei camion e che altro non sono che dei normali transponder che indicano la posizione e la percorrenza di un mezzo, sono prodotte dalla "Viacom", una società che, come pubblicizza il suo sito, affitta normalmente il dispositivo alle pubbliche amministrazioni o ai privati per 35 euro l'anno. Ebbene, nel contratto il ministero le paga 500.

C'è di più. L'alea economica che apparentemente grava su Finmeccanica - vale a dire quei 65-70 milioni di euro annui di quota variabile dei compensi legati ai contributi degli "iscritti" al Sistri - in realtà è del tutto nominale. Per le 400 mila aziende e i trasportatori dell'indotto dei rifiuti, infatti, non solo il contratto prevede l'obbligo di iscrizione al Sistema, ma, al suo articolo 14, prevede un sistema sanzionatorio che deve rendere il pagamento dei contributi un capestro ineludibile. Si legge infatti: "Il contratto si basa sul presupposto che venga elaborato un sistema sanzionatorio efficace per rendere cogente l'obbligo di iscrizione al Sistema e di pagamento delle annualità successive all'iscrizione e che tale sistema sanzionatorio entri in vigore contestualmente all'operatività del Sistema".

La "tassa" Finmeccanica. E' evidente che il contratto "segreto" fa di Finmeccanica una concessionaria di fatto di un servizio per il quale non è prevista alcuna concessione. Non solo. Ne fa una concessionaria atipica, che dello status ha solo i vantaggi, ma non gli svantaggi. Perché accolla per intero allo Stato il rischio economico che il Sistema, una volta realizzato, resti inoperativo. L'accordo prevede infatti che se il Sistri non dovesse mai vedere la luce, gli investimenti in reti e software resteranno per intero a carico delle casse pubbliche e, naturalmente, delle tasche private, da cui nel frattempo saranno usciti i "contributi". Insomma, il 14 dicembre del 2009, il Governo, segretamente, impone di fatto, con un contratto commerciale, un nuovo tributo al Paese, una tassa vera e propria a beneficio della holding allora guidata da Pierfrancesco Guarguaglini. E' un trucco di cui il Governo e Finmeccanica sono evidentemente consapevoli e di cui non è dato sapere i termini dello scambio. E che ha il suo volto pubblico nel ministro dell'epoca Stefania Prestigiacomo e nel suo potente capo della segreteria Luigi Pelaggi, protagonisti entrambi, tra il 2009 e il 2010, di una convulsa trattativa.

Il decreto e la campagna "ad hoc". Il 17 dicembre del 2009, tre giorni dopo la firma del contratto, un decreto ministeriale stabilisce le categorie di soggetti obbligati ad aderire al Sistri, le sue linee guida di funzionamento, il regime transitorio di passaggio dal sistema cartaceo a quello digitale, gli apparati che le aziende dovranno ritirare e installare (chiavette Usb e "black-box"), i costi a carico delle imprese. E tuttavia, nello stabilire l'obbligo di adesione al sistema, non viene fissata alcuna sanzione per chi non adempie. E' una "falla" significativa, che pure, sulle prime sembra non preoccupare Finmeccanica.

Il Sistri, infatti, parte con una robusta campagna mediatica che deve convincere il Paese della bontà del progetto, far dimenticare la sua illegittima segretezza (fino all'agosto del 2010, resterà ignoto persino il nome della "Selex management", la società controllata da Finmeccanica che ha l'incarico di progettare e mettere a regime il Sistema), convincere 400 mila imprese (le più grandi delle quali associate di Confindustria) a mettere mano al portafogli senza fare troppe domande. Del resto, che la "vendita" del Sistri al Paese sia cruciale è documentato ancora dal contratto del dicembre 2009. Dal suo "allegato C", coperto da segreto come il resto dell'accordo, che, al punto "A", vede Ministero e Finmeccanica dettagliare, "come parte integrante del contratto", una "Campagna di stampa" che deve coinvolgere, con l'autorità politica, l'Arma dei Carabinieri (è previsto che un aliquota del Noe, il nucleo ambientale dell'Arma lavori alla gestione operativa Sistri ndr.), l'Unioncamere, "oltre che gli organismi pubblici (Ispra) e privati (Federambiente ecc.) operanti in campo ambientale".

Confindustria si adegua. La "macchina del rumore" funziona a dovere. La Confindustria di Emma Marcegaglia si adegua. Governa e contiene i malumori dei suoi iscritti, soprattutto dei piccoli associati, che pure non sono fessi e vorrebbero saperne di più. Coincidenza vuole, per giunta, che nel febbraio del 2010, pochi giorni dopo che, a Torino, Pelaggi ha illustrato all'Unioncamere il Sistri, diventi di pubblico dominio la notizia che il padre della Marcegaglia è indagato per traffico illecito di rifiuti pericolosi. Una storia che per altro riaffiorerà anche quando la Procura di Napoli inciamperà nell'inchiesta sul minacciato dossieraggio del "Giornale" a carico della Marcegaglia. Una fonte interna a Confindustria la spiega in altro modo e riferisce oggi che, "in quei mesi, l'accondiscendenza sul Sistri era oggetto di scambio con la richiesta al Governo della cassa integrazione straordinaria". E' un fatto che, alla fine di quell'anno, 2010, gli iscritti al Sistri siano 300 mila aziende e circa 60 mila trasportatori. E' un fatto che tutti paghino e che dunque l'incasso dei contributi raggiunga i 70 milioni di euro. Come da previsione di Finmeccanica. Ma poi qualcosa va storto.

Il flop e l'ultimo regalo a Selex. E' storia dell'anno appena trascorso. Il Sistema non è pronto. Peggio, un flop. Il 2010 se ne è andato in chiacchiere. L'entrata in vigore del Sistri, prevista per luglio, quindi affannosamente prorogata ad ottobre, è nuovamente rinviata. Gli imprenditori mangiano la "foglia" e i contributi per il 2011 precipitano a poco più di 30 milioni. Finmeccanica entra in allarme. E, come documenteranno le intercettazioni dell'inchiesta napoletana sulla P4, Sabatino Stornelli, amministratore delegato di "Selex" si sbatte come un ossesso per imporre al Ministero che l'obbligo di pagare diventi una norma sanzionata con severità. Cosa che accade proprio alla fine di dicembre 2010, con decreto. Chi non paga la "tassa" a Finmeccanica è passibile di una sanzione fino a 90 mila euro.

Passano altri 10 mesi. A ottobre del 2011, il "click-day", la prova generale del Sistema è una Caporetto. Due "scatole nere" su 5 scaricano le batterie dei mezzi su cui sono montate o non riescono a emettere il segnale di partenza. Molte chiavette Usb non caricano correttamente i dati o non vengono "riconosciute". L'entrata in vigore del Sistema è nuovamente rinviata. L'Avvocatura dello Stato e il Ministero dell'Ambiente ammettono che sul contratto tra il Ministero e Selex non esiste più, e forse non sarebbe mai potuto esistere, il segreto amministrativo.

Con il 2012, lo spettacolo che si presenta agli occhi del nuovo ministro dell'ambiente Clini è desolante. L'incarico dato alla "DigitPa", l'Ente nazionale per la digitalizzazione della Pubblica amministrazione, di una spending review sul contratto con Finmeccanica conclude che le scelte seguite per il Sistri non sono compatibili con i principi di trasparenza. Sabatino Stornelli, suo fratello Maurizio, Luigi Pelaggi vengono iscritti al registro degli indagati della Procura di Napoli per associazione a delinquere finalizzata alla truffa, all'abuso di ufficio, alle false fatturazioni in un'indagine che non ha ancora avuto una sua discovery. La nuova Confindustria di Sergio Squinzi, il 20 aprile scorso, con una nota, segnala al Governo che ha "il dovere morale di annullare un contributo per il 2012, per un Sistema rinviato ben sette volte e che ha perso ogni credibilità". Quello stesso giorno, Clini posticipa la data di pagamento al 30 novembre e prende tempo "per valutare insieme le modalità per finalmente operativo il Sistema". Finmeccanica, intanto ha già scontato in banca due anni di "tassa". Poco più di 100 milioni di euro. Gliene restano altri 3. In febbraio, la "Selex management" vince con il Sistri l'Innovation Awards riconosciuto da Cisco per "il progetto di maggiore impatto di rete digitale dell'anno". Sembra uno scherzo. Ma non lo è.


10 maggio 2012


Ultima modifica di REPRINTER il Ven Mag 11, 2012 2:34 pm, modificato 1 volta

REPRINTER
Utente Attivo

Messaggi : 286
Data d'iscrizione : 26.10.10
Età : 52
Località : La Spezia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  pastorenomade il Ven Mag 11, 2012 8:48 am

Grande Bonini (benchè orfano di D'Avanzo).

pastorenomade
Utente Attivo

Messaggi : 745
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 61
Località : Ameria-Umbria

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  Lilika il Ven Mag 11, 2012 9:03 am

Meno male che ho visto questo post, stavo per linkarlo anche io Very Happy

Roba da ridere per non piangere disperati, comunque.

Lilika
Utente Attivo

Messaggi : 1230
Data d'iscrizione : 23.11.11
Età : 34
Località : Vercelli

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  astroboy il Ven Mag 11, 2012 9:14 am

che tempismo :cyclops: solo tre anni per accorgesi dell'ovvio .... ma come si dice meglio tardi che mai

astroboy
Membro della community

Messaggi : 44
Data d'iscrizione : 16.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  carruba il Ven Mag 11, 2012 9:39 am

Che altro serve al Ministro Clini per prendere i necessari provvedimenti ovvero: celebrare le esequie del SISTRI?

molto VERGOGNOSO = molto ITALIANO

carruba
Membro della community

Messaggi : 35
Data d'iscrizione : 30.06.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  Costy il Ven Mag 11, 2012 9:59 am

Per par condicio attendiamo la pubblicazione dell'articolo in questione sul sito ufficiale del sistri, sezione "aggiornamento sezione rassegna stampa"
Ciao Costy

Costy
Utente Attivo

Messaggi : 547
Data d'iscrizione : 18.02.10
Età : 46
Località : Brescia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  isamonfroni il Ven Mag 11, 2012 10:09 am

Costy ha scritto:Per par condicio attendiamo la pubblicazione dell'articolo in questione sul sito ufficiale del sistri, sezione "aggiornamento sezione rassegna stampa"
Ciao Costy
Attendiamo fiduciosi......... Pinocchio

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!

isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12090
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 59
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  ska il Ven Mag 11, 2012 11:55 am

Ma c'è anche il famigerato contratto: http://download.repubblica.it/pdf/2012/inchieste/contratto-selex.pdf

ska
Membro della community

Messaggi : 19
Data d'iscrizione : 29.10.10
Località : Pordenone

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  Mariangela il Ven Mag 11, 2012 12:19 pm

Vergogna!!! No

Mariangela
Utente Attivo

Messaggi : 940
Data d'iscrizione : 03.06.10
Età : 52
Località : PROVINCIA DI MILANO

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  Admin il Ven Mag 11, 2012 1:11 pm

E il tutto si colloca nel seguente incoraggiante scenario:

- 49 giorni alla partenza
- data di piena operativita' per i piccoli produttorI ancora ignota (manca il DM)
- proroga del contributo 2012 "sulla parola" (manca il DM)
- eventuale ulteriore slittamento subordinato ad un decreto legge
- governo che intervista i cittadini in tema di contenimento della spesa pubblica (evidentemente non legge "LaRepubblica" e non guarda Report)
- governo che annuncia misure per la crescita delle imprese (le quali, se non ci sono novita', dovrebbero versare entro il 1 luglio un centinaio di milioncini alla Selex per evitare sanzioni)

Admin
Amministratore

Messaggi : 6384
Data d'iscrizione : 13.01.10
Età : 43

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  Mariangela il Ven Mag 11, 2012 1:17 pm

Admin ha scritto:E il tutto si colloca nel seguente incoraggiante scenario:

- 49 giorni alla partenza
- data di piena operativita' per i piccoli produttorI ancora ignota (manca il DM)
- proroga del contributo 2012 "sulla parola" (manca il DM)
- eventuale ulteriore slittamento subordinato ad un decreto legge
- governo che intervista i cittadini in tema di contenimento della spesa pubblica (evidentemente non legge "LaRepubblica" e non guarda Report)
- governo che annuncia misure per la crescita delle imprese (le quali, se non ci sono novita', dovrebbero versare entro il 1 luglio un centinaio di milioncini alla Selex per evitare sanzioni)

aggiungo:
-dal 19 dicembre 2011 aspetto sostituzione black-box.....sono in lista...ma nessuno si vede all'orizzonte!!! Evil or Very Mad Evil or Very Mad

Mariangela
Utente Attivo

Messaggi : 940
Data d'iscrizione : 03.06.10
Età : 52
Località : PROVINCIA DI MILANO

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  REPRINTER il Ven Mag 11, 2012 2:35 pm

REPRINTER ha scritto:
Sono numeri da tombola. E per comprenderlo è sufficiente un dato. Le "black-box", le scatole nere che Selex monterà sulle motrici dei camion e che altro non sono che dei normali transponder che indicano la posizione e la percorrenza di un mezzo, sono prodotte dalla "Viacom", una società che, come pubblicizza il suo sito, affitta normalmente il dispositivo alle pubbliche amministrazioni o ai privati per 35 euro l'anno. Ebbene, nel contratto il ministero le paga 500.




pissed pissed pissed pissed pissed
sadomaso sadomaso sadomaso sadomaso
jail jail jail jail jail jail jail jail



SDR

REPRINTER
Utente Attivo

Messaggi : 286
Data d'iscrizione : 26.10.10
Età : 52
Località : La Spezia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  sviluppo il Ven Mag 11, 2012 3:30 pm

Parole....paroleee.....paroooleeeeeee:
http://www.partitodemocratico.it/doc/235807/rifiuti-della-seta-governo-intervenga-su-sistri-azzeri-contratto-con-selex.htm

sviluppo
Utente Attivo

Messaggi : 242
Data d'iscrizione : 08.03.10
Età : 31
Località : Mercato San Severino

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  Sato il Ven Mag 11, 2012 3:31 pm

REPRINTER ha scritto:
REPRINTER ha scritto:
Sono numeri da tombola. E per comprenderlo è sufficiente un dato. Le "black-box", le scatole nere che Selex monterà sulle motrici dei camion e che altro non sono che dei normali transponder che indicano la posizione e la percorrenza di un mezzo, sono prodotte dalla "Viacom", una società che, come pubblicizza il suo sito, affitta normalmente il dispositivo alle pubbliche amministrazioni o ai privati per 35 euro l'anno. Ebbene, nel contratto il ministero le paga 500.
SDR
E come ho sempre sostenuto, di controllo in tempo reale non c'è ne neanche l'ombra....La BB si limita a mandare sms ad intervalli prefissati, rilevando la posizione dal satellite o dalla sim in gprs...Altro che "smacco alle ecomafie col controllo satellitare"...!!! BUFFONI..!!!..Un normalissimo cellulare svolge la stessa funzione GRATUITAMENTE, e viene fatto per 50 Milioni di abbonati...!!!!!
..Sato.. comp
P.S. la BB in realtà non è un trasponder, ma un semplice ricevitore GPS che risolve la posizione dello stesso in tempo reale..E' come un navigatore (un Tom-Tom) ma senza mappe....


Ultima modifica di Sato il Ven Mag 11, 2012 3:41 pm, modificato 1 volta

Sato
Utente Attivo

Messaggi : 1470
Data d'iscrizione : 23.12.10
Località : Ovunque ce ne fosse il bisogno...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  sviluppo il Ven Mag 11, 2012 3:40 pm

Admin ha scritto:E il tutto si colloca nel seguente incoraggiante scenario:

- 49 giorni alla partenza
- data di piena operativita' per i piccoli produttorI ancora ignota (manca il DM)
- proroga del contributo 2012 "sulla parola" (manca il DM)
- eventuale ulteriore slittamento subordinato ad un decreto legge
- governo che intervista i cittadini in tema di contenimento della spesa pubblica (evidentemente non legge "LaRepubblica" e non guarda Report)
- governo che annuncia misure per la crescita delle imprese (le quali, se non ci sono novita', dovrebbero versare entro il 1 luglio un centinaio di milioncini alla Selex per evitare sanzioni)

Quoto pienamente Admin.....
Parlano di semplificazione.........tutte parole........basta paroleeee.....vogliamo i fatti!!!!!

sviluppo
Utente Attivo

Messaggi : 242
Data d'iscrizione : 08.03.10
Età : 31
Località : Mercato San Severino

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  PiazzaPulita il Ven Mag 11, 2012 4:43 pm

a pag 61/62 del contratto milionario c'è un elenco di attrezzature riferito al networking.

tutto rigorosamente CISCO (quelli del premio Innovation Award 2012 a Selex)

con una piccolissima ricerca sia per il Router 7206 (http://www.cisco.com/en/US/products/hw/routers/ps341/ps349/index.html) di pag 61 che per il CISCO LMS (Lan Management Sistem) citato a pag 62, dal sito risulta questo:

NOTE: This product is no longer being sold and might not be supported.

e che mi stà a significare? (come direbbe il Commissario Montalbano)

PiazzaPulita
Utente Attivo

Messaggi : 941
Data d'iscrizione : 30.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  Sato il Ven Mag 11, 2012 4:54 pm

PiazzaPulita ha scritto:a pag 61/62 del contratto milionario c'è un elenco di attrezzature riferito al networking.

tutto rigorosamente CISCO (quelli del premio Innovation Award 2012 a Selex)

con una piccolissima ricerca sia per il Router 7206 (http://www.cisco.com/en/US/products/hw/routers/ps341/ps349/index.html) di pag 61 che per il CISCO LMS (Lan Management Sistem) citato a pag 62, dal sito risulta questo:

NOTE: This product is no longer being sold and might not be supported.

e che mi stà a significare? (come direbbe il Commissario Montalbano)
Che è un prodotto OBSOLETO e non sarà più supportata l'assistenza....

Ora capisco perchè gli han dato un premio...La selex ha fatto fuori alla CISCO tutti i fondi di magazzino....!!! (Risparmiando così i costi di smaltimento per i 16.02.14.! Shocked )
..Sato.. comp

Sato
Utente Attivo

Messaggi : 1470
Data d'iscrizione : 23.12.10
Località : Ovunque ce ne fosse il bisogno...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  PiazzaPulita il Ven Mag 11, 2012 5:02 pm

... la domanda di Montalbano chiede una risposta diversa...

Montalbano indaga, cerca, domanda, interroga e poi... poi riferisce alla Magistratura che decide di conseguenza

... ma questo non è un romanzo di Camilleri ambientato a Vigata...

PiazzaPulita
Utente Attivo

Messaggi : 941
Data d'iscrizione : 30.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  cirillo il Ven Mag 11, 2012 5:19 pm

PiazzaPulita ha scritto:
... ma questo non è un romanzo di Camilleri ambientato a Vigata...
infatti, è stato una Viagrata, esseserviva......

cirillo
Moderatore

Messaggi : 7013
Data d'iscrizione : 24.05.11
Età : 61
Località : veneto

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  REPRINTER il Ven Mag 11, 2012 5:55 pm

Sato ha scritto:
REPRINTER ha scritto:
REPRINTER ha scritto:
Sono numeri da tombola. E per comprenderlo è sufficiente un dato. Le "black-box", le scatole nere che Selex monterà sulle motrici dei camion e che altro non sono che dei normali transponder che indicano la posizione e la percorrenza di un mezzo, sono prodotte dalla "Viacom", una società che, come pubblicizza il suo sito, affitta normalmente il dispositivo alle pubbliche amministrazioni o ai privati per 35 euro l'anno. Ebbene, nel contratto il ministero le paga 500.
SDR
E come ho sempre sostenuto, di controllo in tempo reale non c'è ne neanche l'ombra....La BB si limita a mandare sms ad intervalli prefissati, rilevando la posizione dal satellite o dalla sim in gprs...Altro che "smacco alle ecomafie col controllo satellitare"...!!! BUFFONI..!!!..Un normalissimo cellulare svolge la stessa funzione GRATUITAMENTE, e viene fatto per 50 Milioni di abbonati...!!!!!
..Sato.. comp
P.S. la BB in realtà non è un trasponder, ma un semplice ricevitore GPS che risolve la posizione dello stesso in tempo reale..E' come un navigatore (un Tom-Tom) ma senza mappe....



http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/inchiesta-italiana/2012/05/10/news/contratto_segreto_sistri_selex-34882282/

COPIA INCOLLA DAL FILE PDF

ECCO ALCUNI STRALCI.........

PAGINA 20



Per i dispositivi USB consegnati e i dispositivi Black box installati in
ciascuno degli anni del Contratto il corrispettivo sarà pari ad Euro 75,00
più IVA per ciascun dispositivo USB consegnato e ad Euro 500,00 più
IVA per ciascun dispositivo Black box installato.



Il numero dei dispositivi previsti in fase di avvio del Sistema è indicato in via
del tutto presuntiva nell'allegato A "Requisiti del Sistema". Detto numero sarà
aggiornata sulla base del numero effettivo degli Utenti e dello loro richieste sul
numero dei dispositivi a valle del periodo d'iscrizione.







Sulla Black Box deve essere predisposta una porta USB in grado di
accogliere i Token del SISTRI per il trasferimento dei dati. Il trasferimento
delle informazioni tra la Black Box ed il centro SISTRI deve avvenire
tramite la porta USB in grado di accogliere i Token del SISTRI per il
trasferimento dei dati.
aggiornamento del software presente all'interno della Black Box. Le
funzioni della Black Box sono le seguenti:
deve archiviare tutti i dati di posizione rilevati dal GPS in un file
ciclico in grado di permettere che siano reperiti in occasioni di
richieste.

deve fornire i satelliti utilizzati per il fix e la lista dei satelliti in
visibilità.
deve essere memorizzato con cadenza configurabile ( es. 1 sec, ...
30 sec.) l'intervallo temporale dei dati raccolti dal GPS
Inoltre, deve essere prevista una funzione di •
deve--'prevedere una modalità di funzionamento " non in servizio".
Questa funzionalità è ad uso delle officine.
Il ricevitore GPS presente all'interno della BB dovrà essere appositamente
configurato in modo da produrre il riferimento temporale ed i dati di
posizionamento in formato NMEA-0183 ed in modalità configurabile.
comunicatore della Black Box deve essere basato su tecnologia GPRS.

Le funzionalità in assenza di alimentazione saranno garantite per
minimolO minuti attraverso la batteria interna per consentire il salvataggio
degli ultimi dati registrati.
La Black Box deve rispettare il requisito di resistenza alle poveri secondo
quanto previsto dallo standard IP 54. I requisiti di alimentazione della
Black Box devono prevedere il funzionamento sia a 12 Volt che a 24 Volt.







A leggere tutte le 80 pagine c'è da piangere o ridere a crepapelle.........

Con che faccia ci diranno che serve per le ECOMAFIE........

Quali Ecomafie quelle di Palazzo G............ grrrrrrrrr


SDR





REPRINTER
Utente Attivo

Messaggi : 286
Data d'iscrizione : 26.10.10
Età : 52
Località : La Spezia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  Sato il Ven Mag 11, 2012 6:07 pm

[quote="REPRINTER"]
Sato ha scritto:
E come ho sempre sostenuto, di controllo in tempo reale non c'è ne neanche l'ombra....La BB si limita a mandare sms ad intervalli prefissati, rilevando la posizione dal satellite o dalla sim in gprs...Altro che "smacco alle ecomafie col controllo satellitare"...!!! BUFFONI..!!!..Un normalissimo cellulare svolge la stessa funzione GRATUITAMENTE, e viene fatto per 50 Milioni di abbonati...!!!!!
..Sato.. comp
P.S. la BB in realtà non è un trasponder, ma un semplice ricevitore GPS che risolve la posizione dello stesso in tempo reale..E' come un navigatore (un Tom-Tom) ma senza mappe....
Non per dire di essere un profeta, ma questo scrivevo, in altro post, qualche mese fa:..
Sato ha scritto:
....Se vai su Youtube, e cerchi il filmato che mostra la sala di controllo del sistri, potrai notare che si vedono 4 (dicasi 4) monitor "striminziti" che dovrebbero gestire e visualizzare il percorso di 80.000 "ecomafiosi" con i loro camioncini carichi di rifiuti tossici.... Very Happy Very Happy Very Happy

Poichè neanche il "fantomatico Echelon" riuscirebbe in un'impresa così titanica, dal momento che visualizzare in "tempo reale" il movimento di 80.000 oggetti con canali satellitari duali (andata e ritorno dal mezzo osservato) significherebbe impegnare tutta la flotta satellitare di ASTRA, HOT-BIRD, IRIDIUM, (oltre all'inevitabile aiuto di E.T.), la cosa mi fa pensare che in REAL-TIME questi signori non visualizzano niente, ma si limitano a ricevere gli SMS che le nostre sim inviano dalla black box ad intervalli regolari, utilizzando la geo-referenziazione dei ponti radio cellulari per indicare la posizione del mezzo in un preciso istante di tempo, e memorizzando questi sms nel database per un eventuale utilizzo futuro.....

Ma leggendo il contratto, la realtà è ancora peggiore, ovvero la comunicazione tra BB e Sede Sistri, avviene tramite chiavetta USB... a fine viaggio...!!!! Shocked Shocked Shocked

..Sato.. comp

Sato
Utente Attivo

Messaggi : 1470
Data d'iscrizione : 23.12.10
Località : Ovunque ce ne fosse il bisogno...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  Admin il Sab Mag 12, 2012 11:26 am

La replica di Selex sul Corriere della sera: http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Economia/Sistri-Selex-Elsag-contratto-336mln-ritardi-non-problemi-piattaforma/11-05-2012/1-A_001546704.shtml

Admin
Amministratore

Messaggi : 6384
Data d'iscrizione : 13.01.10
Età : 43

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  Sato il Sab Mag 12, 2012 11:39 am

Admin ha scritto:La replica di Selex sul Corriere della sera: http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Economia/Sistri-Selex-Elsag-contratto-336mln-ritardi-non-problemi-piattaforma/11-05-2012/1-A_001546704.shtml
Quanto ai ritardi nell'avvio del programma l'azienda dice che "I motivi dei rinvii (che hanno danneggiato Selex Service Management) sono riportati nei decreti che si sono susseguiti e mai si fa riferimento a malfunzionamenti della piattaforma. Le proroghe sono state effettuate per consentire modifiche della normativa tese ad accogliere le istanze delle varie Associazioni; la piattaforma e' infatti operativa dal 13 Gennaio 2010 e a quella data implementava perfettamente la normativa all'epoca vigente"

Questa risposta è la prova provata che il classico detto " Faccia di bronzo" o "Faccia come il C..o" trova dei riscontri reali..... Shocked
..Sato.. comp

Sato
Utente Attivo

Messaggi : 1470
Data d'iscrizione : 23.12.10
Località : Ovunque ce ne fosse il bisogno...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  pastorenomade il Sab Mag 12, 2012 1:08 pm

Sato ha scritto:
Admin ha scritto:La replica di Selex sul Corriere della sera: http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Economia/Sistri-Selex-Elsag-contratto-336mln-ritardi-non-problemi-piattaforma/11-05-2012/1-A_001546704.shtml
Quanto ai ritardi nell'avvio del programma l'azienda dice che "I motivi dei rinvii (che hanno danneggiato Selex Service Management) sono riportati nei decreti che si sono susseguiti e mai si fa riferimento a malfunzionamenti della piattaforma. Le proroghe sono state effettuate per consentire modifiche della normativa tese ad accogliere le istanze delle varie Associazioni; la piattaforma e' infatti operativa dal 13 Gennaio 2010 e a quella data implementava perfettamente la normativa all'epoca vigente"

Questa risposta è la prova provata che il classico detto " Faccia di bronzo" o "Faccia come il C..o" trova dei riscontri reali..... Shocked
..Sato.. comp

La faccia di cui dici è un classico di chi esercita il potere politico (almeno in Italia), negare sempre l'evidenza; in fondo se pensi che uno come Belsito stava nel CdA di Finmeccanica e come gestiscono a tutti i livelli gli appalti, beh di che ti meravigli. Siamo a livello di Ruby nipote di Mubarak! afro

pastorenomade
Utente Attivo

Messaggi : 745
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 61
Località : Ameria-Umbria

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  PiazzaPulita il Sab Mag 12, 2012 4:11 pm

...la piattaforma e' infatti operativa dal 13 Gennaio 2010 e a quella data implementava perfettamente la normativa all'epoca vigente
ma questo non vuol dire che fosse in grado di supportare tutte le richieste degli utenti e quindi di garantire il servizio del quale Selex è affidatario

ma lo vogliono dire che la "piattaforma operativa" è una ciofeca antiquata e neppure più supportata da Cisco oppure no?

ma davvero sono convinti che così com'è strutturato tutto il sistema è in grado di reggere l'ondata degli accessi degli operatori?

ma perché risponde solo Selex mentre il Ministero dell'Ambiente tace?

ma la "Commissione di verifica del ProgettoEsecutivo/Offerta" del 2007 e del 2009 (punti G) e H) del contratto d'affidamento) cosa ha verificato e approvato se, come sembra, parte o tutto l'hardaware è obsoleto?




PiazzaPulita
Utente Attivo

Messaggi : 941
Data d'iscrizione : 30.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sistri, costi gonfiati e flop tecnologico L'affare milionario di Finmeccanica

Messaggio  Contenuto sponsorizzato Oggi a 8:19 pm


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum