Ultimi argomenti
» conferimento a onlus o croce rossa
Da isamonfroni Sab Ott 12, 2019 9:51 am

» residui merce pericolosa su imballaggi ADR
Da benassaisergio Sab Ott 12, 2019 8:35 am

» definizione di imballaggio - cartucce silicone
Da pascozzi Ven Ott 11, 2019 12:04 pm

» RINNOVO AUTORIZZAZIONE CAT 4
Da ri-cicla Ven Ott 11, 2019 9:40 am

» PROCEDIMENTO DI R12
Da beltrale Mar Ott 08, 2019 1:07 pm

» DOPPIO PASSAGGIO R13 IMPIANTI
Da beltrale Lun Ott 07, 2019 3:17 pm

» Cisterna operante sotto sotto vuoto - Barrato Rosa - Mod DTT 306M
Da Enrico Lun Set 30, 2019 10:52 am

» pannelli veicolo ed esenzione 1.1.3.6
Da valterb Dom Set 29, 2019 12:05 pm

» cessione ramo d'azienda
Da valterb Dom Set 29, 2019 12:01 pm

» Corso Esperto Campionatore Ottobre 2019
Da geofranz67 Gio Set 26, 2019 12:57 pm


Peso verificato a destino

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Peso verificato a destino

Messaggio  ambieco il Ven Apr 27, 2012 2:53 pm

Buon pomeriggio a tutti ed anche se in anticipo buon I Maggio
Volevo una delucidazione O conferma.
Un conoscente ha subito un controllo dalla Polizia Stradale che in accordo con quella Provinciale e gli è stato riferito che NON deve assolutamente riportare nel registro di C/S il peso verificato a destino, ma segnare solo quello in partenza.

Ormai da anni davo assodato di inserire nelle annotazioni la voce" Peso verificato a destino KG..... " per anche essere facilitati poi con il Mud ed eventualmente se vi erano discrepanze con i carichi in corrispondenza dell' ultimo carico segnalare anche qui nelle annotazioni " Sulla base del peso varificato a destino del formulario.. , il peso varia in ..."
E' orrendamente sbagliato ???
Chiedo l' aiuto dei super esperti e RINGRAZIO delle risposte, che giungeranno.
ambieco
ambieco
Utente Attivo

Messaggi : 103
Data d'iscrizione : 28.06.10
Età : 55
Località : milano

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  isamonfroni il Ven Apr 27, 2012 3:04 pm

Ma perchè mai la Polizia Stradale deve guardare il registro?
Ma guardasse in giro per le strade come guida la gente........!

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
isamonfroni
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12714
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 61
Località : roma

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  pastorenomade il Ven Apr 27, 2012 3:09 pm

I "vigilanti" hanno detto giusto (la Polizia Stradale non si può sentire!).

Come giustamente e in modo illuminante disse il dott. ... di Assindustria di Venezia al convegno di Roma del 2009, organizzato dal Ministero e da Confindustria, sul Sistri (quando il Sistri era una creatura di belle speranze pale ), se fosse stato in vigore il Sistri non avresti mai e poi mai potuto annotare il peso verificato a destino, dato che il sistema informatizzato non permette correzioni. Dunque, è importante stimare meno approssimativamente possibile i pesi in partenza: tutto il sistema delle annotazioni e della dichiarazione annuale è fondato su stime dei pesi (a meno che il produttore non abbia una pesa).
pastorenomade
pastorenomade
Utente Attivo

Messaggi : 751
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 64
Località : Ameria-Umbria

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  cirillo il Ven Apr 27, 2012 3:51 pm

A cosa serve restituire la 4^ copia del FIR, oltre a dimostrare che il rifiuto è giunto a destinazione se non a comunicare al produttore il peso reale del rifiuto conferito?
E come possiamo presentare MUD con dati diversi (peso conferito / peso ricevuto) tra i produttori e i destinatari?
Follia pura...
beh, però, pensandoci, c'è anche la storia dell'asterisco....

_________________
si deficit fenum accipe stramen Peso verificato a destino  Musik710
cirillo
cirillo
Moderatore

Messaggi : 7376
Data d'iscrizione : 24.05.11
Età : 64
Località : veneto

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  mapi68 il Ven Apr 27, 2012 4:59 pm

eppure esistono registri di carico e scarico che sono dotati di apposita casella "peso verificato a destino"
.. ed esistono anche materiali il cui peso può variare durante il trasporto (per esempio a causa di umidità)
e mi resta il dubbio sul controllo dei registri da parte della polizia stradale
Shocked
mapi68
mapi68
Moderatrice

Messaggi : 1234
Data d'iscrizione : 12.03.10
Età : 51
Località : Treviso

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  cirillo il Ven Apr 27, 2012 5:04 pm

mapi68 ha scritto:eppure esistono registri di carico e scarico che sono dotati di apposita casella "peso verificato a destino"
.. ed esistono anche materiali il cui peso può variare durante il trasporto (per esempio a causa di umidità)
e mi resta il dubbio sul controllo dei registri da parte della polizia stradale
Shocked
Da me son stati verificati anche dalla Guardia Costiera

_________________
si deficit fenum accipe stramen Peso verificato a destino  Musik710
cirillo
cirillo
Moderatore

Messaggi : 7376
Data d'iscrizione : 24.05.11
Età : 64
Località : veneto

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  Paolo UD il Ven Apr 27, 2012 6:18 pm

pastorenomade ha scritto: se fosse stato in vigore il Sistri non avresti mai e poi mai potuto annotare il peso verificato a destino, dato che il sistema informatizzato non permette correzioni. Dunque, è importante stimare meno approssimativamente possibile i pesi in partenza: tutto il sistema delle annotazioni e della dichiarazione annuale è fondato su stime dei pesi (a meno che il produttore non abbia una pesa).
Mica vero. Proprio essendo un sistema informatizzato il dato messo dal destinatario appare anche agli altri soggetti (e vale questo) senza che questi abbiano la necessità di riportarlo per conto loro.
Quello che il SISTRI sostiene è che non serve adeguare i carichi al peso verificato a destino come spesso si fa con il cartaceo.
E non è neanche vero che il peso da dichiarare è quello stimato, ma bensì è quello verificato in quanto altrimenti buonanotte alle statistiche che lo stato deve mandare all'europa.

Paolo
Paolo UD
Paolo UD
Utente Attivo

Messaggi : 511
Data d'iscrizione : 23.08.10
Età : 54
Località : Udine

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  pastorenomade il Ven Apr 27, 2012 7:23 pm

Io il MUD, per il produttore, lo faccio sulla base del registro (le cui annotazioni vanno fatte entro 10 gg. sia in carico che scarico) e in questo modo l'errore di stima è compensato su tutte le annotazioni.
Se lo facessi come dici tu, mi troverei ad avere 2 misure di cui una stimata e una misurata, con incongruenze non giustificabili sia a livello di registro che di Mud stesso.

pastorenomade
pastorenomade
Utente Attivo

Messaggi : 751
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 64
Località : Ameria-Umbria

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  Aurora Brancia il Sab Apr 28, 2012 4:17 pm

vecchia, annosa questione...
Nata male, cresciuta peggio e sta invecchiando in maniera addirittura ignominiosa.

C'è un giudizio che sto seguendo dove la contestazione al solo conferitore è di traffico illecito di rifiuti (manco a dirlo!) perchè secondo il PM se il carico è partito con FIR che indica kg 10.000 (es.) e la casella di "peso da verificarsi a destino" barrata, se all'arrivo il peso verificato è di 10.800 chissà in quegli 800 kg di eccesso il coferitore cosa ci ha fatto passare...
Ora, i fatti non sono molti: se il produttore ha la pesa, tarata e certificata, e il conferitore anche, assodato che ci sono degli scarti massimi di tolleranza (appunto fosse solo perchè ha piovuto nel carico) occorre verificare in ATP - se si è ancora in tempo - se c'è oggettivamente quel certo range. Ma teniamo presente che a parità di targa della motrice si può anche cambiare il bilico, e lo si potrà fare anche on le black box visto che sono istallate sulla motrice..., e quindi al più le domande sono da fare al trasportatore.
Se invece, come nel caso in questione, il produttore non ha la pesa ma ha dato una stima di peso sui metri cubi mandati e a loro volta stimati, nulla di più facile che possa non avere indovinato il peso. E già, perchè chi non ha una pesa può tutt'al più indovinarlo, come se il gioco fosse "ok, il peso è giusto".

Ora, sino a che si resta nella tolleranza di precisione delle pese già a me non pare il caso di impiantare un giudizio che comunque costa proprio a soldi, oltre che a tempo sprecato dei magistrati e dei tribunali. Se invece si eccede davvero troppo, allora almeno è da chiedere anche e soprattutto al trasportatore "scusa, ma com'è che questo carico è partito a 20000 kg e dopo soli 30 km che ha trascorso solo in mano a te è ingrassato sino a 30000 kg ?".

Peraltro, a me pare che così come funziona da che è in vigore il 152, anche prescindendo dal sistri, il fatto che i registri C/S nonchè i MUD siano non obbligatori per chiunque rende davvero difficile una oggettiva programmazione della gestione dei rifiuti.
E allora, io un paio di parole sul MUD, sul come nasce e che voleva significare le spendo volentieri. Il MUD così com'è ora, reltivo solo ai rifiuti, è la megazione più completa della sua stessa origine. La L. 70/94 infatti prevedeva un Modello Unico di Dichiarazione Ambientale per tutto: per le acque, per i rifiuti, per i rischi di incidente rilevante, per le attività di riciclaggio e recupero compresi i consorzi obbligatori, sino alle emissioni in atmosfera(cfr. tabella A). E però poi si devono essere persi qualcosa per strada, perchè hanno emanato solo il MUD per i rifiuti, cfr dpcm 6 luglio 1995, sostituito con il dpcm 21 marzo 1997. Se andate su normattiva a leggere cosa dice la L. 70/94, scoprirete che l'art. 6 "disposizioni transitorie" ha avuto ben 4 aggiornamenti, l'ultimo dei quali che è quello vigente è in vigore dal 21 luglio 2010 ed ancora dice "in attesa dell'emanazione del dpcm di cui all'art.1 comma 1...". Infatti, il presunto MUD, che di U non ha assolutamente niente, con cui l'italico popolo si sollazza a termini più o meno fissi continua a riguardare solo i rifiuti.
Atteso che per sapere quanta e quale munnezza è finita che sappiamo dove sta e che fine ha fatto serve il dato finale fornito dagli impianti finali appunto, per sapere quanta se ne produce, specie in relazione alle attività produttive di beni materiali occorre proprio il MUD come inizialmente concepito, ovvero su tutto, e la valutazione di congruità dev'essere fatta anche sul peso del prodotto finale commercializzato.
Immagino comprendiate la logica: ad esempio, se io ho prodotto/venduto 50 tonnellate di qualcosa che per il proprio intrinseco ciclo di produzione mi provoca uno scarto del 10% sulle materie prime o accessorie consumate, io mi devo trovare che ho comprato circa 55 tonnellate di materie prime ed accessorie necessarie ed ho buttato fuori circa 5 tonnellate di tra rifiuti solidi, reflui, vapori, polveri, gas, e ci devono anche essere i bilanci energetici relativi a tutto ciò. Il mio pensiero è che forse non nel 1994, ma oggi ci sono senza dubbio alcuno i sistemi telematici per fare tutto questo davvero semplificando gli adempimenti.
Questo, volendo fare davvero un sistema di ecogestione e audit ambientale che alla fine hanno lasciato alla registrazione EMAS, come noto su base volontaria, mentre a leggere il titolo della L.70/94 sembrerebbe che volessero farlo davvero.

L'unica conclusione cui giungo è quindi che siamo stati presi in giro già tanto tempo fa, e intanto ci siamo abituati a fare cose che non hanno una utilità programmatica di prospettiva, nè in campo ambientale nè in quello industriale nè in quello fiscale nè in quello commerciale. Ma continuiamo a farle per obbligo sanzionato, e questo ci distoglie per carenza oggettiva di tempo dal riflettere sulla inutilità sociale effettiva di quanto facciamo.
La prossima volta vi racconto che se ne sono fatti i comuni delle copie di mud che gli arrivavano, se e quando gli arrivavano, ok?
Aurora Brancia
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3806
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 66
Località : Napoli

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  pastorenomade il Dom Apr 29, 2012 6:49 pm

Francamente, devo dire che questa questione è per me chiara (benchè annosa).

Chi, come me ha visto sanzioni di 1.500€ per la mancata annotazione del fir entro i 10 gg. prescritti (era l'undicesimno giorno), converrà che non è possibile "far quadrare" i conti dei carichi con il peso a destino. A me dell'uso statistico dei dati MUD non interessa un fico secco (anche se in un sistema razionale ed efficiente, tale raccolta di dati dovrebbe essere la base per la programmazione di settore, ma siamo in Italia purtroppo), so solo che devo annotare in modo completo i dati del fir entro 10 gg e poi sulla base delle annotazioni fare il MUD. La difficoltà più grande è far capire al produttore che non ha una pesa che la stima del peso in partenza deve essere la più approssimata possibile al reale.

Per me ilpeso a destino ha un valore solo economico (fatturazione). Se poi qualcuno è riuscito a tenere un registro correttamente aggiornato con il peso a destino me lo dica (esclusi "perditempo" Smile , quali ad es.: lascio la casella del peso vuota o annotata a matita o faccio correzioni).
pastorenomade
pastorenomade
Utente Attivo

Messaggi : 751
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 64
Località : Ameria-Umbria

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  Paolo UD il Mer Mag 02, 2012 9:53 am

pastorenomade ha scritto:Francamente, devo dire che questa questione è per me chiara (benchè annosa).

Chi, come me ha visto sanzioni di 1.500€ per la mancata annotazione del fir entro i 10 gg. prescritti (era l'undicesimno giorno), converrà che non è possibile "far quadrare" i conti dei carichi con il peso a destino.
E' abbastanza normale ricevere via fax la IV copia del formulario con il peso riscontrato. Ci sono aziende che mettono on-line i pesi riscontrati. Il tutto abbondantemente entro i 10 gg della data di spedizione
...
Per me ilpeso a destino ha un valore solo economico (fatturazione).
Anche se nel registro non viene riportato il peso verificato perché lo si è appreso troppo tempo dopo, il dato reale è quello verificato e riportato nella IV copia che va abbianta alla prima e diventa parte integrante del registro.
Quindi al momento della stesura del MUD è noto che, ad es., i 100 kg smaltiti in data x prodotti negli n movimenti riportati nel rigo dello scarico erano in realtà 110 Kg, ne consegue che la produzione è di 110 e non di 100, indipendentemente dalle cifre riportare sul registro.

Se poi qualcuno è riuscito a tenere un registro correttamente aggiornato con il peso a destino me lo dica (esclusi "perditempo" Smile , quali ad es.: lascio la casella del peso vuota o annotata a matita o faccio correzioni).
già spiegato sopra. La collaborazione tra smaltitore e produttore non è così rara.
Paolo UD
Paolo UD
Utente Attivo

Messaggi : 511
Data d'iscrizione : 23.08.10
Età : 54
Località : Udine

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  cirillo il Mer Mag 02, 2012 10:24 am

Quoto PaoloUD e mi sembra che la cosa sia oramai piuttosto ritrita.
Personalmente sono per una tenuta "lineare" del registro considerando che, la stragrande maggioranza dei produttori, è sprovvista di pesa.
Il fatto che il MUD sia una "mera" questione statistica, a mio avviso, è motivo in più, per il produttore, per dichiarare il peso reale e non quello presunto ricavato dalle scritture periodiche.
Come può essere che il produttore Paolo Rossi dichiari nel suo MUD di aver conferito 1000 al destinatario Giuseppe Verdi e il destinario Giuseppe Verdi dichiari invece nel suo MUD di aver ricevuto 1120 (o 870) dal produttore Paolo Rossi?
Il produttore privo di pesa avrà cura di effettuare le scritture con pesi presunti (ovviamente) quanto più possibile vicini alla realtà (ma fortunatamente non c'è legge che imponga di avere occhio di lince) e se annota 100 nel suo registro non dovrà fare stupidaggini del tipo lasciare una casella in bianco o, peggio, scritture a matita per far "quadrare i conti". Sono furberie da poco e facilmente riscontabili in quanto alla casella 6 "quantità" del FIR ci sarà sempre un peso presunto che non troverà riscontro in nessuna scrittura e, come dichiarato da ARPAV, eventuali annotazion del tipo "differenza per peso riscontrato a destino" sono considerate scritture non corrette in quanto fatte oltre i termini dei 10 gg lavorativi previsti dalla normativa; se il peso riscontato è superiore.... e se il peso riscontrato è inferiore che facciamo? Una scrittura di carico in negativo sul tipo "- 120 Kg"?
Pertanto, a mio avviso la correttezza è:
1) somma dei carichi stimati = a kg 1000
2) scarico = kg 1000 con spunta della casella "peso da verificare a destino" nel FIR
3) annotazione di scarico nel registro = 1000 con richiamo del n° di riferimento dei carichi
4) attesa della 4^ copia con peso verificato = 1120 0 870 Kg che sarà riportato nella casella "Annotazioni".
5) presentazione del MUD, se dovuta, con il peso reale riscontrato.
Solo così, senza artifici, si mette sul tavolo la realtà di quanto accaduto.


_________________
si deficit fenum accipe stramen Peso verificato a destino  Musik710
cirillo
cirillo
Moderatore

Messaggi : 7376
Data d'iscrizione : 24.05.11
Età : 64
Località : veneto

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  marcosperandio il Mer Mag 02, 2012 11:24 am

Quella di forzare il MUD sui pesi a destino e non su quelli dichiarati al momento della partenza è una posizione che non mi trova d'accordo.
Vero che solo così facendo il dato è omogeneo tra produttore e smaltitore, ma in questo modo non torna il discorso sul produttore che si troverebbe giacenza positiva o negativa che non ha!
è il famoso sitema di aggiustamenti ex post (già ora non legali) che sistri avrebbe tolto di mezzo con la sua partenza.
In caso di utilizzo di software gestionali (che compilano MUD autonomamente) questo aggiustamento non è ovviamente possibile, fermo il fatto che l'annotazione sul registro del peso verificato è da farsi.

_________________
santa
Gli uomini malvagi sopravvivono alle loro gesta. I buoni vengono selpolti insieme alle loro ossa. -- William Shakespeare- "Giulio Cesare"
marcosperandio
marcosperandio
Moderatore

Messaggi : 4732
Data d'iscrizione : 14.09.10
Età : 51
Località : Provincia Bergamo

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  Paolo UD il Mer Mag 02, 2012 11:33 am

marcosperandio ha scritto:Quella di forzare il MUD sui pesi a destino e non su quelli dichiarati al momento della partenza è una posizione che non mi trova d'accordo.
Vero che solo così facendo il dato è omogeneo tra produttore e smaltitore, ma in questo modo non torna il discorso sul produttore che si troverebbe giacenza positiva o negativa che non ha!
Scusa se insisto Smile
Quando si registra uno scarico si riportano i riferimenti alle operazioni di carico che hanno generato quel quantitativo di rifiuti smaltiti.
La sommatoria di questi carichi deve essere pari al peso presunto al momento dello scarico e riportato nel formulario (ovviamente siamo nel capo di ipotesi in cui il produttore sia sprovvisto di apparecchi per la misurazione).
Una volta ritornata la IV copia con il peso riscontrato sappiamo che il nostro peso presunto in realtà era diverso dal reale.
In sede di MUD quindi dichiarerò come prodotto quello che ho realmente smaltito (da peso riscontrato) [più ovviamente l'eventuale prodotto dopo l'ultimo smaltimento] e come smaltito quanto riportato nelle IV copie. A questo punto non ho giacenze neanche contabili (oltre che fisiche) in quanto ho scaricato tutto come quanto riportato sul registro [fermo restando l'eventuale produzione post smaltimento]

Paolo
Paolo UD
Paolo UD
Utente Attivo

Messaggi : 511
Data d'iscrizione : 23.08.10
Età : 54
Località : Udine

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  cirillo il Mer Mag 02, 2012 11:38 am

marcosperandio ha scritto:Quella di forzare il MUD sui pesi a destino e non su quelli dichiarati al momento della partenza è una posizione che non mi trova d'accordo.
Vero che solo così facendo il dato è omogeneo tra produttore e smaltitore, ma in questo modo non torna il discorso sul produttore che si troverebbe giacenza positiva o negativa che non ha!
è il famoso sitema di aggiustamenti ex post (già ora non legali) che sistri avrebbe tolto di mezzo con la sua partenza.
In caso di utilizzo di software gestionali (che compilano MUD autonomamente) questo aggiustamento non è ovviamente possibile, fermo il fatto che l'annotazione sul registro del peso verificato è da farsi.
Certo, ma con sistri il peso verificato a destino è in automatico e, conseguentemente, i dati produttore e destinatario divengono omegenei. Non ci sono "forzature" in nessun caso.
Il produttore non si trova assolutamente con giacenze "positive o negative" semplicemente perchè dichiara, nella casella di scarico, che i 1000 presunti, derivanti dai carichi nr. 1, 3, 5, 7.... in realtà non sono 1000 ma sono 1120 (o 870). I conteggi, perchè possano essere corretti si possono fare solo presunto su presunto o reale su reale. Ma nel momento in cui azzero la mia situazione presunta e, a distanza di qualche giorno, mi arriva il peso reale, significa solamente che, quello che avevo presunto, in realtà... è un'altra cosa e questo, a mio avviso si deve considerare, senza voler "fregare" nulla e nessuno. Tutto qua.
Dopodichè (OT) andiamo comunque a sciare assieme....

_________________
si deficit fenum accipe stramen Peso verificato a destino  Musik710
cirillo
cirillo
Moderatore

Messaggi : 7376
Data d'iscrizione : 24.05.11
Età : 64
Località : veneto

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  marcosperandio il Mer Mag 02, 2012 11:40 am

Non è grave, non siamo d'accordo.
Per quanto mi riguarda non andrei mai a modificare i miei carichi per far tornare lo scarico indipendentemente da quando ricevo l'informazione relativa al peso verificato.
Pensa poi ad uno stoccaggio che non avrebbe la possibilità (cosa che io ho come produttore) di "inventarsi" materiale in più o in meno per far tornare lo scarico.
Questo era lo spirito (buono) del sistri, evitare continui pastrocchi sui registri per far tornare a tutti costi cose che normalmente non possono tornare.
Mandi.
marco

_________________
santa
Gli uomini malvagi sopravvivono alle loro gesta. I buoni vengono selpolti insieme alle loro ossa. -- William Shakespeare- "Giulio Cesare"
marcosperandio
marcosperandio
Moderatore

Messaggi : 4732
Data d'iscrizione : 14.09.10
Età : 51
Località : Provincia Bergamo

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  Paolo UD il Mer Mag 02, 2012 2:35 pm

marcosperandio ha scritto:
Pensa poi ad uno stoccaggio che non avrebbe la possibilità (cosa che io ho come produttore) di "inventarsi" materiale in più o in meno per far tornare lo scarico.
Ma trattandosi di un impianto di gestione di rifiuti "dovrebbe" avere una pesa certificata all'interno (o quanto meno una di riferimento). Qui stiamo parlando del produttore.

Non è grave, non siamo d'accordo.
Smile ovvio, siamo qui per scambiarci idee e punti di vista (oltre che esperienze Wink

Per quanto mi riguarda non andrei mai a modificare i miei carichi per far tornare lo scarico indipendentemente da quando ricevo l'informazione relativa al peso verificato.
Ma io non ho mai detto di modificare le operazioni di carico, ci mancherebbe. Dico semplicemente che se credevo di aver prodotto 100 e poi riscontro 90 piuttosto che 110, a chi mi chiede quanto ho prodotto (MUD) rispondo 90 ( o 110 ) e non 100.

ciao
Paolo
Paolo UD
Paolo UD
Utente Attivo

Messaggi : 511
Data d'iscrizione : 23.08.10
Età : 54
Località : Udine

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  marcosperandio il Mer Mag 02, 2012 2:40 pm

Paolo UD ha scritto:
marcosperandio ha scritto:
Per quanto mi riguarda non andrei mai a modificare i miei carichi per far tornare lo scarico indipendentemente da quando ricevo l'informazione relativa al peso verificato.
Ma io non ho mai detto di modificare le operazioni di carico, ci mancherebbe. Dico semplicemente che se credevo di aver prodotto 100 e poi riscontro 90 piuttosto che 110, a chi mi chiede quanto ho prodotto (MUD) rispondo 90 ( o 110 ) e non 100.

ciao
Paolo
se non modifichi il carico sia che il tuo software sia quello che ti elabora anche il mud che no, avresti una giacenza positiva/negativa.
Guarda che anche con pesa certificata per uno stoccaggio che magari fa microraccolta/raggruppamento/lavorazioni far tornare eventuali delta in uscita è molto problematico.
ciao

_________________
santa
Gli uomini malvagi sopravvivono alle loro gesta. I buoni vengono selpolti insieme alle loro ossa. -- William Shakespeare- "Giulio Cesare"
marcosperandio
marcosperandio
Moderatore

Messaggi : 4732
Data d'iscrizione : 14.09.10
Età : 51
Località : Provincia Bergamo

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  pastorenomade il Mer Mag 02, 2012 2:54 pm

marcosperandio ha scritto:

se non modifichi il carico sia che il tuo software sia quello che ti elabora anche il mud che no, avresti una giacenza positiva/negativa.

Inoltre, sul MUD indicheresti 2 pesi: uno stimato (prodotto) e uno misurato (smaltito/recuperato). Non mi sembra il massimo, anche dal punto di vista statistico.
pastorenomade
pastorenomade
Utente Attivo

Messaggi : 751
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 64
Località : Ameria-Umbria

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  marcosperandio il Mer Mag 02, 2012 3:07 pm

pastorenomade ha scritto:
marcosperandio ha scritto:

se non modifichi il carico sia che il tuo software sia quello che ti elabora anche il mud che no, avresti una giacenza positiva/negativa.

Inoltre, sul MUD indicheresti 2 pesi: uno stimato (prodotto) e uno misurato (smaltito/recuperato). Non mi sembra il massimo, anche dal punto di vista statistico.
lA TUA OBIEZIONE è verso di me o Paolo?
Nel mio caso il mio dato MUD torna in quanto il peso a destino va nelle annotazioni e non nella casella peso, utile a fine mud e giacenze, ovviamente il mio dato MUD non combacerà con il dato mud dello smaltitore, che però a sua volta avrà il suo mud a posto.

_________________
santa
Gli uomini malvagi sopravvivono alle loro gesta. I buoni vengono selpolti insieme alle loro ossa. -- William Shakespeare- "Giulio Cesare"
marcosperandio
marcosperandio
Moderatore

Messaggi : 4732
Data d'iscrizione : 14.09.10
Età : 51
Località : Provincia Bergamo

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  pastorenomade il Mer Mag 02, 2012 3:16 pm

marcosperandio ha scritto:
pastorenomade ha scritto:
marcosperandio ha scritto:

se non modifichi il carico sia che il tuo software sia quello che ti elabora anche il mud che no, avresti una giacenza positiva/negativa.

Inoltre, sul MUD indicheresti 2 pesi: uno stimato (prodotto) e uno misurato (smaltito/recuperato). Non mi sembra il massimo, anche dal punto di vista statistico.
lA TUA OBIEZIONE è verso di me o Paolo?
Nel mio caso il mio dato MUD torna in quanto il peso a destino va nelle annotazioni e non nella casella peso, utile a fine mud e giacenze, ovviamente il mio dato MUD non combacerà con il dato mud dello smaltitore, che però a sua volta avrà il suo mud a posto.

Volevo rafforzare la tua osservazione. Io faccio il MUD come te. Ciao
pastorenomade
pastorenomade
Utente Attivo

Messaggi : 751
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 64
Località : Ameria-Umbria

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  Paolo UD il Mer Mag 02, 2012 4:27 pm

pastorenomade ha scritto:
marcosperandio ha scritto:

se non modifichi il carico sia che il tuo software sia quello che ti elabora anche il mud che no, avresti una giacenza positiva/negativa.

Inoltre, sul MUD indicheresti 2 pesi: uno stimato (prodotto) e uno misurato (smaltito/recuperato). Non mi sembra il massimo, anche dal punto di vista statistico.
Guardate che nel programma del mud messo a disposizione di Ecocerved potete modificare i pesi. Non so quale gestionale usiate , ma se fa utilizzare solo il peso scritto nell'apposito campo e non eventuali rettifiche nel campo annotazioni mi pare limitativo.

Comunque da un punto di vista statistico il mud che senso avrebbe se ognuno può dichiara quello che vuole purché combacci con i dati stimati? confused
E che senso avrebbe fare l'incrocio dei dati tra lo smaltitore e il produttore (che sarebbero sempre diversi stante la difficoltà di avere un peso preciso in partenza? )
E se il registro lo tengo a volume e non a peso?

Comunque, anche per quest'anno il 30 aprile è passato Very Happy
Paolo UD
Paolo UD
Utente Attivo

Messaggi : 511
Data d'iscrizione : 23.08.10
Età : 54
Località : Udine

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  marcosperandio il Mer Mag 02, 2012 4:51 pm

Potrei citarti i soloni MATM e selex che vedevano proprio sistri e la sua gestione del peso a destino come panacea del brutto vizio di taroccare le registrazioni per far tornare i pesi.
Del resto sistri attuale si comporta come dico io, tiene buoni i pesi del produttore salvo aggiornare le registrazioni con il dato a destino (che ovviamente per me smaltitore sarà quello che entra a registro ma non per il produttore).
Che ecocerved permetta tutto è ovvio, che il mio gestionale che pago per gestire diverse migliaia di FIR anno sia un pò più rigido è altrettanto ovvio (non avendo io come smaltitore, comunque problemi di giacenza essendo un D8-D9).
Il campo annotazioni dove registrare il peso a destino ritengo giusto non entri nel mud altrimenti avrei già detti problemi sul movimento di carico, a meno di non cambiare anche quelli (e come e quando se il registro lo stampo entro i due giorni?).
Non se ne esce, ecco perchè questo (e qualche altro) è uno dei motivi per il quale se partisse (e beninteso funzionasse) questo sistema sinceramente mi semplificherebbe alcuni controlli.

_________________
santa
Gli uomini malvagi sopravvivono alle loro gesta. I buoni vengono selpolti insieme alle loro ossa. -- William Shakespeare- "Giulio Cesare"
marcosperandio
marcosperandio
Moderatore

Messaggi : 4732
Data d'iscrizione : 14.09.10
Età : 51
Località : Provincia Bergamo

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  Paolo UD il Mer Mag 02, 2012 5:06 pm

Tu ragioni da smaltitore e non da produttore Wink
E' ovvio che tu in fase di registazione abbia il peso corretto: hai la pesa!
E sono fin troppi i due giorni di tempo per stampare il registro. All'epoca della 915 dovevamo stampare i registri a fine giornata! E c'erano i registri per l'olio che dovevi annotare il movimento subito se superava i 10 lt!

Del resto sistri attuale si comporta come dico io, tiene buoni i pesi del produttore salvo aggiornare le registrazioni con il dato a destino (che ovviamente per me smaltitore sarà quello che entra a registro ma non per il produttore)
Stiamo dicendo la stessa cosa, se non te ne sei accorto: tiene buoni i pesi perché non gli interessa rettificarli in quanto sa che tutto è stato smaltito con quello scarico che tu impianto avrai pesato e dirai che aveva un determinato peso! Quindi vale il peso che dici tu e non quello che scrive il produttore!

Exclamation
Paolo UD
Paolo UD
Utente Attivo

Messaggi : 511
Data d'iscrizione : 23.08.10
Età : 54
Località : Udine

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  Admin il Mer Mag 02, 2012 5:39 pm

Il produttore, però, non dovrà brigare per far quadrare i pesi.
Il sistema terrà per buono quello in partenza e se dovessero emergere anomalie non altrimenti spiegabili partiranno i controlli (ma ci credo poco, considerata la farraginosità della piattaforma e le forze schierate in campo).
Admin
Admin
Amministratore

Messaggi : 6577
Data d'iscrizione : 13.01.10
Età : 46

Torna in alto Andare in basso

Peso verificato a destino  Empty Re: Peso verificato a destino

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum