Ultimi argomenti
» CER 150103 Bancali rotti
Da chiale Oggi alle 9:55 am

» Trasporto in ADR di Rifiuti
Da Dernullo Oggi alle 1:46 am

» Doppio passaggio R13
Da Windi92 Ieri alle 6:00 pm

» Doppio passaggio R13
Da Windi92 Ieri alle 5:59 pm

» AVIS TRASPORTO RIFIUTI SANITARI
Da Aurora Brancia Ieri alle 1:59 am

» Nozione di rifiuto
Da matteorossi Mar Gen 16, 2018 1:16 pm

» campionamento terre da scavo
Da mauriziobg Mar Gen 16, 2018 10:17 am

» Rifiuti da manutenzione
Da MichelleTaylor Lun Gen 15, 2018 7:53 pm

» cer materiale escavato
Da magonero Lun Gen 15, 2018 6:29 pm

» Variazione per trasformazione Ragione Sociale
Da isamonfroni Lun Gen 15, 2018 6:19 pm


trasporto in conto proprio di rifiuti non pericolosi per i quali non si ha la caratteristica di produttor e iniziale

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

trasporto in conto proprio di rifiuti non pericolosi per i quali non si ha la caratteristica di produttor e iniziale

Messaggio  fabio randazzo il Mer Mar 14, 2012 1:14 pm

L'albo Nazionale Gestori – Sede Centrale – ha comunicato che il comune (titolare e gestore di una discarica) non può essere considerato produttore iniziale del percolato in quanto la caratteristica di produttore iniziale nel caso del percolato non coincide con quella stabilita dall'articolo 183, c. 1, lett. “f” del D.Lgs. 152/2006 atteso che non vi è alcun procedimento di trasformazione con mezzi e uomini del produttore medesimo (non vi è in sostanza alcun processo industriale di trasformazione ma solo un processo naturale).
Quindi la registrazione all''Albo, del mezzo di proprietà comunale, per il trasporto del percolato dalla discarica all'impianto di smaltimento, dovrà essere effettuata in categoria IV e cioè come se il comune effettuasse un trasporto per conto terzi!

Venendo meno la caratteristica di produttore iniziale può essere comunque conservata quella di trasporto in conto proprio?

Infatti, nel caso di risposta affermativa trattandosi di rifiuti NON pericolosi NON vi è l'obbligo di iscrizione al Sistri quindi non vanno installate le BB. Chi si vuole cimentare con una risposta gliene sarò grato.
avatar
fabio randazzo
Nuovo Utente

Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 26.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: trasporto in conto proprio di rifiuti non pericolosi per i quali non si ha la caratteristica di produttor e iniziale

Messaggio  Mattia8 il Mer Mar 14, 2012 1:38 pm

A me pare un'assurdità visto che il Comune è titolare e gestore. ka
avatar
Mattia8
Utente Attivo

Messaggi : 209
Data d'iscrizione : 04.02.10

Tornare in alto Andare in basso

risposta

Messaggio  fabio randazzo il Mer Mar 14, 2012 2:07 pm

Mattia8 ha scritto:A me pare un'assurdità visto che il Comune è titolare e gestore. ka
sarà un'assurdità ma non me lo sono inventato quello che ho detto. E' invece importante rispondere ad una domanda:
produttore iniziale è sempre uguale al soggetto che effettua il trasporto in conto proprio o, in virtù di questa differenziazione, può essere diverso?
avatar
fabio randazzo
Nuovo Utente

Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 26.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: trasporto in conto proprio di rifiuti non pericolosi per i quali non si ha la caratteristica di produttor e iniziale

Messaggio  isamonfroni il Mer Mar 14, 2012 2:35 pm

Allora, premesso il fatto che è abbastanza un'assurdità.........
comunque in punta di diritto e di definizioni la risposta che hai ricevuto è corretta.

Possono iscriversi all'Albo Gestori nella categoria cp (detta anche superlight), i produttori iniziali di rifiuti.
La definizione di produttore iniziale è ben specificata nell'art. 183, comma 1, lettera f del TUA e così come descritta pare esulare dall'attività specifica del Comune, anche perchè il percolato di discarica si codifica con i CER 19.07 che non possono individuare rifiuti urbani (i quali per definizione sono prodotti dal Comune).

A questo punto per portar via il percolato ci sono due possibili strade:
1) affidi il trasporto ad un trasportatore terzo autorizzato in categoria 4 o forse meglio 5 perchè scommetto qualcosa che il percolato sarà pericoloso (questa è la soluzione che io preferirei)

2) iscrivi l'automezzo del comune all'Albo Gestori nella categoria 4 o 5. Se il mezzo del Comune è immatricolato per uso proprio ed è in possesso di licenza di autotrasporto di cose in conto proprio (se di portata superiore a 6 ton), devi solo verificare se tra le classi di cose trasportabili sono previsti i rifiuti, se sì puoi iscriverlo all'Albo Gestori in Cat 4 o 5 in forza di questa circolare http://www.albogestoririfiuti.it/Download/it/CircolariComitatoNazionale/001-Circ8595_16.10.1995.pdf
tuttora vigente.

E' ovvio che se lo iscrivi in cat 4 o 5 sei obbligato al SISTRI con annessi e connessi.

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12432
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 60
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

le assurdità dell'albo

Messaggio  fabio randazzo il Mer Mar 14, 2012 4:34 pm

isamonfroni ha scritto:Allora, premesso il fatto che è abbastanza un'assurdità.........
comunque in punta di diritto e di definizioni la risposta che hai ricevuto è corretta.

Possono iscriversi all'Albo Gestori nella categoria cp (detta anche superlight), i produttori iniziali di rifiuti.
La definizione di produttore iniziale è ben specificata nell'art. 183, comma 1, lettera f del TUA e così come descritta pare esulare dall'attività specifica del Comune, anche perchè il percolato di discarica si codifica con i CER 19.07 che non possono individuare rifiuti urbani (i quali per definizione sono prodotti dal Comune).

A questo punto per portar via il percolato ci sono due possibili strade:
1) affidi il trasporto ad un trasportatore terzo autorizzato in categoria 4 o forse meglio 5 perchè scommetto qualcosa che il percolato sarà pericoloso (questa è la soluzione che io preferirei)

2) iscrivi l'automezzo del comune all'Albo Gestori nella categoria 4 o 5. Se il mezzo del Comune è immatricolato per uso proprio ed è in possesso di licenza di autotrasporto di cose in conto proprio (se di portata superiore a 6 ton), devi solo verificare se tra le classi di cose trasportabili sono previsti i rifiuti, se sì puoi iscriverlo all'Albo Gestori in Cat 4 o 5 in forza di questa circolare http://www.albogestoririfiuti.it/Download/it/CircolariComitatoNazionale/001-Circ8595_16.10.1995.pdf
tuttora vigente.

E' ovvio che se lo iscrivi in cat 4 o 5 sei obbligato al SISTRI con annessi e connessi.
E' meglio che non scommetti niente perchè perderesti, il percolato non è rifiuto pericoloso e non è nemmeno urbano, ergo è un rifiuto speciale non pericoloso.

La scelta di effettuare il trasporto in conto proprio del percolato dalla discarica fino all'impianto di smaltimento non deriva dal desiderio di complicarsi inutilmente la vita, ma all'interno dei comuni si fanno pure i calcoli economici (e si risponde ad obiettivi di efficienza ed efficacia), da questi ne derivato che, pur acquistando le attrezzature e pagando stipendi, il costo unitario della gestione in economia, per tonn. di percolato prelevato/trasportato e smaltito, è sensibilmente inferiore a quello che si sostiene facendo ricorso ad appalto esterno
Date queste premesse la soluzione 1 è da scartare perchè, a mio avviso, il criterio principe che deve guidare nelle scelte non può essere l'asfitticità delle norme e delle interpretazioni che vengono date..

Con riferimento alla soluzione 2, preliminarmente bisogna superare la “contraddizione in termini” connessa alla circostanza che l'iscrizione in categoria IV è per coloro che effettuano il trasporto per conto di terzi.
Non vedo il motivo per cui ad una interpretazione rigida del concetto di produttore iniziale a cui richiama l'albo se ne deve affiancare una molto elastica dello stesso albo che induce all'iscrizione nella categoria in assenza del presupposto principale che è il trasporto per conto di terzi.
Pertanto si ripresenta la questione: Può coesistere in capo al medesimo soggetto (comune titolare e gestore di una discarica) il trasporto in conto proprio di un rifiuto del quale, il medesimo comune, non può assumere la caratteristica di produttore iniziale?
Non vorrei essere presuntuoso nel manifestare l'idea che la definizione, o meglio l'interpretazione, di produttore iniziale in rapporto al caso specifico sia un po' stretta e non idonea a mettere dentro tutte le possibili realtà e ciò anche in rapporto alle conseguenze distorte cui si perviene nel caso che stiamo trattando.

A margine, faccio presente che l'iscrizione in conto proprio emerge dal libretto di circolazione del mezzo di proprietà comunale (non potrebbe essere altrimenti per un mezzo comunale). La normativa vigente, per i comuni, non prevede, (seppure per mezzi con portata superiore a 6 tonn.) alcuna licenza di autotrasporto di cose in conto proprio, pertanto non può essere assunta a documento di riferimento all'interno del quale rinvenire la possibilità di trasportare rifiuti.

Per finire con gli annessi e i connessi e la punta di diritto va a finire che il ragionamento economico che porta a privilegiare una modalità di gestione deve essere mortificato da chi seduto sul suo scranno fa interpretazioni che dire “rigide” è solo un eufemismo con tutte le conseguenze connesse agli appesantimenti procedurali e oneri economici impropri che hanno il sicuro effetto di rimpinguare le casse dell'albo. Cosa ne pensate?
avatar
fabio randazzo
Nuovo Utente

Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 26.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: trasporto in conto proprio di rifiuti non pericolosi per i quali non si ha la caratteristica di produttor e iniziale

Messaggio  Mattia8 il Mer Mar 14, 2012 4:51 pm

Ma a questo punto vorrei fare una domanda, se non è il Comune che è gestore della discarica, nonchè proprietario della stessa, chi è il produttore del rifiuto che viene indicato nel formulario?
avatar
Mattia8
Utente Attivo

Messaggi : 209
Data d'iscrizione : 04.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: trasporto in conto proprio di rifiuti non pericolosi per i quali non si ha la caratteristica di produttor e iniziale

Messaggio  Admin il Mer Mar 14, 2012 4:58 pm

Il Comune.
Ma, stando all'interpretazione dell'Albo, si configura come "detentore" e non come "produttore iniziale".
avatar
Admin
Amministratore

Messaggi : 6491
Data d'iscrizione : 13.01.10
Età : 44

Tornare in alto Andare in basso

Re: trasporto in conto proprio di rifiuti non pericolosi per i quali non si ha la caratteristica di produttor e iniziale

Messaggio  isamonfroni il Mer Mar 14, 2012 5:26 pm

@fabio randazzo

premesso che in termini personali ti do ragione su tutto.........
ti suggerisco di proporti come Legislatore.......al momento la normativa è quella, e se non fosse asfittica, rigida, contraddittoria, opinabile, interpretabile, farraginosa, antiquata eccetera eccetera non avrebbe ragione di esistere nè questo nè altri forum, non credi?

Fermo restando che personalmente non sono nè uno dei Legislatori, nè un funzionario dell'Albo Gestori, nè dell'Albo trasportatori, nè tantomeno un Organo di controllo.....fai pure come ritieni meglio.
Avevi chiesto se qualcuno voleva cimentarsi in una risposta e io mi sono cimentata ka immaginavo che non ti sarebbe piaciuta..........

PS sono lieta che il tuo percolato sia Non Pericoloso e ci siano opportune analisi chimiche a dimostrarlo, personalmente nel corso della mia carriera ho visto dei percolati di discariche di RSU che facevano rabbrividire............

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12432
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 60
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

ringraziamenti

Messaggio  fabio randazzo il Gio Mar 15, 2012 9:37 am

isamonfroni ha scritto:@fabio randazzo

premesso che in termini personali ti do ragione su tutto.........
ti suggerisco di proporti come Legislatore.......al momento la normativa è quella, e se non fosse asfittica, rigida, contraddittoria, opinabile, interpretabile, farraginosa, antiquata eccetera eccetera non avrebbe ragione di esistere nè questo nè altri forum, non credi?

Fermo restando che personalmente non sono nè uno dei Legislatori, nè un funzionario dell'Albo Gestori, nè dell'Albo trasportatori, nè tantomeno un Organo di controllo.....fai pure come ritieni meglio.
Avevi chiesto se qualcuno voleva cimentarsi in una risposta e io mi sono cimentata ka immaginavo che non ti sarebbe piaciuta..........

PS sono lieta che il tuo percolato sia Non Pericoloso e ci siano opportune analisi chimiche a dimostrarlo, personalmente nel corso della mia carriera ho visto dei percolati di discariche di RSU che facevano rabbrividire............
Gentile moderatrice isamonfroni,
Se il tuo riferimento alla mia proposizione come legislatore, vuole essere solo un complimento, lo accetto, anche se nella vita ho scelto di fare altro, tuttavia visto che hai deciso di rendere pubblica questa parte della risposta ti sarò grato se vorrai spiegare a tutti il senso dei puntini a seguire.

Se non lo è, vorrai spiegare, sempre a tutti, visto che parliamo di cose serie, il motivo dell'apprezzamento, diversamente ritengo di avere anch'io discrete capacità di fare dell'ironia a buon mercato.
cordialmente
avatar
fabio randazzo
Nuovo Utente

Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 26.02.10

Tornare in alto Andare in basso

Comune....gestione di discarica....produzione di percolato

Messaggio  lu_2011 il Gio Mar 15, 2012 10:26 am

Admin ha scritto:Il Comune.
Ma, stando all'interpretazione dell'Albo, si configura come "detentore" e non come "produttore iniziale".

Domanda: ma il DM 52/2011 non specifica che il gestore di una discarica si debba iscrivere anche come produttore?
Se Sistri mi chiede l'iscrizione come produttore poi può chiedermi anche l'iscrizione come trasportatore conto terzi per lo stesso rifiuto?? Suspect

....la mia in questo caso è pura curiosità.... Rolling Eyes

Lu
avatar
lu_2011
Utente Attivo

Messaggi : 83
Data d'iscrizione : 02.11.11
Età : 42

Tornare in alto Andare in basso

Re: trasporto in conto proprio di rifiuti non pericolosi per i quali non si ha la caratteristica di produttor e iniziale

Messaggio  zorba il Gio Mar 15, 2012 11:59 am

Non si dovrebbe mai dimenticare che chi risponde ai quesiti proposti sul forum lo fa nell’ambito di quella che è la sua scienza-conoscenza-esperienza (che può essere anche di tutto rispetto) ed in ogni caso lo fa gratis, mentre le consulenze dei “professionisti” si pagano (senza avere per questo la certezza di ottenere risposte più corrette, anzi…).
Solo che davanti al conto di certe parcelle ed alla targa di ottone sulla porta, magari uno abbassa anche le proprie presunzioni di avere discrete capacità di fare dell'ironia a buon mercato.

La questione può anche essere interessante, ma il tono utilizzato dal proponente indispone.
avatar
zorba
Utente Attivo

Messaggi : 370
Data d'iscrizione : 01.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: trasporto in conto proprio di rifiuti non pericolosi per i quali non si ha la caratteristica di produttor e iniziale

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum