RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  Maw il Ven Lug 08, 2011 12:26 pm

Salve ragazzi,nei rifiuti con CER 010413 "rifiuti prodotti dalla lavorazione della pietra" sono incluse anche le polveri? intendo quelle che i marmisti producono(in stato liquido) facendo i tagli, e che poi buttano dentro i sacchi (big bag)ad essiccare ? Question Question
avatar
Maw
Utente Attivo

Messaggi : 207
Data d'iscrizione : 24.05.11
Età : 53
Località : Sardo sono

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  mapi68 il Ven Lug 08, 2011 3:24 pm

credo che si possa utilizzare il codice CER 010410 - polveri e residui affini, diversi da quelli di cui alla voce 010407
anche se non specificato che derivino dalla lavorazione della pietra, come nel codice da te citato
un codice specifica la lavorazione da cui hanno origine i rifiuti, l'altro lo stato polverulento che contraddistingue il rifiuti dopo l'asciugatura nei sacchi
sta al produttore del rifiuto stabilire quale codice usare.. li trovo validi entrambi se lo smaltimento del rifiuto avviene dopo l'asciugatura ed esso si presenta allo stato polverulento
avatar
mapi68
Moderatrice

Messaggi : 1234
Data d'iscrizione : 12.03.10
Età : 49
Località : Treviso

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  Maw il Ven Lug 08, 2011 4:08 pm

mapi68 ha scritto:credo che si possa utilizzare il codice CER 010410 - polveri e residui affini, diversi da quelli di cui alla voce 010407
anche se non specificato che derivino dalla lavorazione della pietra, come nel codice da te citato
un codice specifica la lavorazione da cui hanno origine i rifiuti, l'altro lo stato polverulento che contraddistingue il rifiuti dopo l'asciugatura nei sacchi
sta al produttore del rifiuto stabilire quale codice usare.. li trovo validi entrambi se lo smaltimento del rifiuto avviene dopo l'asciugatura ed esso si presenta allo stato polverulento

Ok grazie,come pensavo anche io,credi si possa conferire senza la caratterizzazione ?
avatar
Maw
Utente Attivo

Messaggi : 207
Data d'iscrizione : 24.05.11
Età : 53
Località : Sardo sono

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  mapi68 il Ven Lug 08, 2011 4:22 pm

ritengo che dipenda dalla tipologia di pietra che viene lavorata.. se dovesse risultare palesemente che non contenga minerali metalliferi o altre sostanze pericolose, grazie ad analisi svolte per la lavorazione, credo che le stesse possano ritenersi valide anche per i rifiuti prodotti
.. non mi risulta che durante le normali procedure di taglio vengano utilizzati agenti chimici di varia natura che possano determinare pericolosità nei fanghi o nelle polveri prodotte.. ma dovresti verificare il processo ed esserne certo
se invece non siete in possesso di analisi effettuate su campioni del marmo che viene lavorato, temo sarà necessario effettuare analisi per accertare la non pericolosità dei rifiuti prodotti
avatar
mapi68
Moderatrice

Messaggi : 1234
Data d'iscrizione : 12.03.10
Età : 49
Località : Treviso

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  isamonfroni il Ven Lug 08, 2011 4:58 pm

Ti consiglio comunque di farle, almeno periodicamente.
Se sono lavorazioni di marmo (ad esempio taglio e lucidatura lastre) può essere presente lo stirene il quale è una sostanza pericolosa e quindi è indispensabile la caratterizzazione chimica di polveri e fanghi di segagione per escluderne la presenza o verificarne la concentrazione.
Ciao
Isa

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12419
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 60
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  Maw il Ven Lug 08, 2011 6:28 pm

Ok grazie x le info, ora ho le idee piu chiare ,chiedo al cliente di fare le carat.. una o ,due volte l'anno almeno mi paro il c... grazie ancora e buon fine sett... a tutti Very Happy Very Happy Very Happy
avatar
Maw
Utente Attivo

Messaggi : 207
Data d'iscrizione : 24.05.11
Età : 53
Località : Sardo sono

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  giovanni gatti il Sab Lug 09, 2011 10:26 am

Ciao MAW,

per i rifiuti prodotti da lavorazione di marmi, siano essi di origine metamorfica (marmo di Carrara), sedimentaria (Rosso Verona) o ignea (granito), il codice normalmente in uso é il 010413 sia che si tratti di fanghi da segagione o lucidatura che di sfridi da taglio (cocciame).
Vi é una differenza sostanziale per quanto concerne l'origine e l'eventuale recupero (difatti i residui dalla lavorazione dei lapidei vengono destinati per il 99% dei casi ad operazioni di recupero, male che vada R10).

1) fanghi derivanti dal taglio, molatura e lucidatura pietre a composizione prettamente calcarea (marmi in genere, bianchi o colorati), vengono destinati, sempre che il titolo in CaCO3 sia superiore all'85% alla produzione id stabilizzati (fungono da ottimo legante per miscelare i rifiuti da C&D) oppure, in alternativa, vanno alle centrali termoelettriche per il trattamento dei fumi acidi o, ancora agli stabilimenti che producono lo slurry per le cartiere.
In questo caso il costo di smaltimento é abbastanza contenuto perché facilmente recuperabili. Le analisi vengono richieste piu che altro per determinare il titolo di CaCO3, ma é un rifiuto "standard" e, per esperienza diretta, ti posso dire che le analisi non hanno mai dato "sorprese". La segagione ed il taglio vengono effettuate con lame (su telai pendolari), dischi ed utensili diamantati, senza alcun apporto di prodotti chimici, pertanto, in linea di massima la composizione del rifiuto é identia a quella della materia prima, con la sola aggiunta di acqua utlizzata per il raffreddamento.

2) fanghi derivanti dal taglio, molatura e lucidatura pietre a composizione prettamente silicea (graniti). In questo caso il taglio viene effettuato con lame in ferro, coadiuvato da limaia metallica (polveri di ferro) e calce idrata o bentonite quale lubrificante per consentire il moto "avanti-indietro" ( Laughing) delle lame montate sui telai pendolari. Il rifiuto prodotto solitamente viene destinato ad operazioni di recupero -R10- e solo in piccola parte alla produzione di stabilizzato per via della sua alcaliità dovuta alla presenza della calce.

A parte le divagazioni, il codice é 010413, stato di aggregazione, fangoso palabile per i fanghi e solido per il cocciame.

Una parentesi per le lastre resinate (trattate con resine epossidiche bicomponente o poliestere -base stirene - ). La resinatura delle lastre o dei blocchi viene normalmente effettuata per i marmi colorati i quali, hanno resistenza meccanica decisamente inferiore ai calcari metamorfici o ai graniti, pertanto, per evitare che lastre di 3-4 mm si rompano con conseguente graviosa perdita economica (vengono quasi tutti da paesi strani e sono molto pregiati), si inserisce una rete in materiale plastico sulla faccia non lucidata, utilizzando le resine quale legante. ovviamente, quando le lastre vengono poi tagliate per ottenere manufatti, si producono delgi sfridi seppur in quantità limitata.
Ebbene, questo forse é l'unico rifiuto derivante dalla lavorazione dei lapidei di difficile riutilizzo.

Spero di esserti stato utile, ciao Giovanni
avatar
giovanni gatti
Utente Attivo

Messaggi : 161
Data d'iscrizione : 01.04.10
Età : 54
Località : Carrara

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  isamonfroni il Sab Lug 09, 2011 2:38 pm

cavoli gatti. questo lo potresti mettere in un TOP marmi
vero è che essendo carrarino............. clap clap clap
Ciao Isa

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12419
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 60
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  marcosperandio il Sab Lug 09, 2011 9:00 pm

R10? recupero in agricoltura? Dubito fortemente data l'assenza di sostanza organica (C, N e P).

_________________
santa
Gli uomini malvagi sopravvivono alle loro gesta. I buoni vengono selpolti insieme alle loro ossa. -- William Shakespeare- "Giulio Cesare"
avatar
marcosperandio
Moderatore

Messaggi : 4732
Data d'iscrizione : 14.09.10
Età : 49
Località : Provincia Bergamo

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  isamonfroni il Dom Lug 10, 2011 9:39 am

marcosperandio ha scritto:R10? recupero in agricoltura? Dubito fortemente data l'assenza di sostanza organica (C, N e P).

Marco è considerato R10 anche il ripristino ambientale = riempire le vecchie cave dismesse.....
Ciao isa

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12419
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 60
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  giovanni gatti il Lun Lug 11, 2011 7:51 am

Buon giorno, scusate se non ho puntualizzato riguardo ad R10 ma si tratta, per l'appunto, di ripristino ambientale di vecchie cave dismesse. Grazie Isa.

avatar
giovanni gatti
Utente Attivo

Messaggi : 161
Data d'iscrizione : 01.04.10
Età : 54
Località : Carrara

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  Maw il Lun Lug 11, 2011 6:22 pm

giovanni gatti ha scritto:Ciao MAW,

per i rifiuti prodotti da lavorazione di marmi, siano essi di origine metamorfica (marmo di Carrara), sedimentaria (Rosso Verona) o ignea (granito), il codice normalmente in uso é il 010413 sia che si tratti di fanghi da segagione o lucidatura che di sfridi da taglio (cocciame).
Vi é una differenza sostanziale per quanto concerne l'origine e l'eventuale recupero (difatti i residui dalla lavorazione dei lapidei vengono destinati per il 99% dei casi ad operazioni di recupero, male che vada R10).

1) fanghi derivanti dal taglio, molatura e lucidatura pietre a composizione prettamente calcarea (marmi in genere, bianchi o colorati), vengono destinati, sempre che il titolo in CaCO3 sia superiore all'85% alla produzione id stabilizzati (fungono da ottimo legante per miscelare i rifiuti da C&D) oppure, in alternativa, vanno alle centrali termoelettriche per il trattamento dei fumi acidi o, ancora agli stabilimenti che producono lo slurry per le cartiere.
In questo caso il costo di smaltimento é abbastanza contenuto perché facilmente recuperabili. Le analisi vengono richieste piu che altro per determinare il titolo di CaCO3, ma é un rifiuto "standard" e, per esperienza diretta, ti posso dire che le analisi non hanno mai dato "sorprese". La segagione ed il taglio vengono effettuate con lame (su telai pendolari), dischi ed utensili diamantati, senza alcun apporto di prodotti chimici, pertanto, in linea di massima la composizione del rifiuto é identia a quella della materia prima, con la sola aggiunta di acqua utlizzata per il raffreddamento.

2) fanghi derivanti dal taglio, molatura e lucidatura pietre a composizione prettamente silicea (graniti). In questo caso il taglio viene effettuato con lame in ferro, coadiuvato da limaia metallica (polveri di ferro) e calce idrata o bentonite quale lubrificante per consentire il moto "avanti-indietro" ( Laughing) delle lame montate sui telai pendolari. Il rifiuto prodotto solitamente viene destinato ad operazioni di recupero -R10- e solo in piccola parte alla produzione di stabilizzato per via della sua alcaliità dovuta alla presenza della calce.

A parte le divagazioni, il codice é 010413, stato di aggregazione, fangoso palabile per i fanghi e solido per il cocciame.

Una parentesi per le lastre resinate (trattate con resine epossidiche bicomponente o poliestere -base stirene - ). La resinatura delle lastre o dei blocchi viene normalmente effettuata per i marmi colorati i quali, hanno resistenza meccanica decisamente inferiore ai calcari metamorfici o ai graniti, pertanto, per evitare che lastre di 3-4 mm si rompano con conseguente graviosa perdita economica (vengono quasi tutti da paesi strani e sono molto pregiati), si inserisce una rete in materiale plastico sulla faccia non lucidata, utilizzando le resine quale legante. ovviamente, quando le lastre vengono poi tagliate per ottenere manufatti, si producono delgi sfridi seppur in quantità limitata.
Ebbene, questo forse é l'unico rifiuto derivante dalla lavorazione dei lapidei di difficile riutilizzo.

Spero di esserti stato utile, ciao Giovanni

Ok, perfetto, grazie, veramente esaustivo !!!!! Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy
avatar
Maw
Utente Attivo

Messaggi : 207
Data d'iscrizione : 24.05.11
Età : 53
Località : Sardo sono

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  geofranz67 il Mar Lug 12, 2011 3:53 pm

Ciao
concordo con quanto hanno detto gli altri, soprattutto gatti.
Comunque ti ricordo di stare attento alla questione "stirene", in quanto girano parecchi "siluri", dati da fanghi di lavorazione delle marmoresine spacciati per fanghi di segagione dei marmi naturali.
Fare SEMPRE le analisi e verificare la provenienza.
avatar
geofranz67
Partner

Messaggi : 387
Data d'iscrizione : 21.12.10
Età : 50
Località : Desio (MB)

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  giovanni gatti il Mar Lug 12, 2011 4:01 pm

Ciao franz,

certamente riguardo allo stirene come non darti ragione, spesso i produttori per risparmiare qualche lira fanno dei pasticci incredibili. Per fortuna l'utilizzo di resine poliestere sta cadendo in disuso, completamente soppinatate dalle epossidiche che hanno caratteristiche chimiche completamente diverse.
Anche se debbo dire che qualche sin troppo zelante funzionario facente parte dei vari enti di controllo ogni tanto ci prova con la storiella dell'epicloridrina......della serie, le analisi mica le pago io.....
avatar
giovanni gatti
Utente Attivo

Messaggi : 161
Data d'iscrizione : 01.04.10
Età : 54
Località : Carrara

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  geofranz67 il Mar Lug 12, 2011 4:26 pm

Concordo.....purtroppo i funzionari sono dei fenomeni 1 Qui in Lombardia ogni tanto mi chiedo se all'ARPA ed all'ufficio rifiuti della provincia hanno assunto laureati in lettere sumere (vista la loro capacità tecnica ed il loro linguaggio....) Very Happy Shocked
avatar
geofranz67
Partner

Messaggi : 387
Data d'iscrizione : 21.12.10
Età : 50
Località : Desio (MB)

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  giovanni gatti il Mar Lug 12, 2011 4:32 pm

geofranz67 ha scritto:Concordo.....purtroppo i funzionari sono dei fenomeni 1 Qui in Lombardia ogni tanto mi chiedo se all'ARPA ed all'ufficio rifiuti della provincia hanno assunto laureati in lettere sumere (vista la loro capacità tecnica ed il loro linguaggio....) Very Happy Shocked


Razz Razz Razz
avatar
giovanni gatti
Utente Attivo

Messaggi : 161
Data d'iscrizione : 01.04.10
Età : 54
Località : Carrara

Tornare in alto Andare in basso

Re: RIFIUTI PRODOTTI DAI MARMISTI

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum