Se il sistema partirà , come comportarsi per limitare i danni ?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Se il sistema partirà , come comportarsi per limitare i danni ?

Messaggio  Stefano_Settentrionale il Gio Mag 19, 2011 11:36 am

Buongiorno ,

visto come si stanno mettendo le cose , mi sto ponendo il problema di cosa fare se il sistema sarà confermato dal 1 Giugno.

La scelta meno dolorosa in quanto trasportatore secondo me sarà :

1. tenere fermi i TUTTI i veicoli per qualche giorno mettendo in ferie gli autisti in attesa di verificare a che livello sarà il disastro
2. contattare tutti i Clienti per formulare tariffe di trasporto compatibili con gli oneri e soprattuto i tempi del SISTRI

Se infatti si parte "allo sbaraglio" , pur avendo fatto da parte della mia azienda tutto il previsto ( chiavette , black box ) finirò per effettuare metà dei trasporti nello stesso tempo , subendo tutti i costi specialmente del personale ma non potendo ribaltare soste a nessuno ( tantomeno al SISTRI .... ).
Il problema vero è capire a quale livello di costo ci si posizionerà dopo l'introduzione del sistema , è verosimile pensare ad aumenti del 30-40 % , che sono peraltro pura follia in un momento economico tanto delicato per il sistema produttivo ; l'alternativa è comunque una sola , la chiusura dell'azienda per eccesso di costi sui ricavi.

Quando da me detto non si configura con la proposta di un fermo ( che non sollecito a nessun altro ) , semplicemente cerco di farmi meno male possibile , ovviamente in accordo con i Clienti con i quali sono e sarò sempre di più in contatto.

Qualcuno ha suggerimenti migliori per minimizzare i danni ?






Stefano_Settentrionale
Membro della community

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 17.05.11
Età : 46
Località : Possagno ( Treviso )

Tornare in alto Andare in basso

Re: Se il sistema partirà , come comportarsi per limitare i danni ?

Messaggio  REPRINTER il Gio Mag 19, 2011 11:47 am

Stefano_Settentrionale ha scritto:Buongiorno ,

visto come si stanno mettendo le cose , mi sto ponendo il problema di cosa fare se il sistema sarà confermato dal 1 Giugno.

La scelta meno dolorosa in quanto trasportatore secondo me sarà :

1. tenere fermi i TUTTI i veicoli per qualche giorno mettendo in ferie gli autisti in attesa di verificare a che livello sarà il disastro
2. contattare tutti i Clienti per formulare tariffe di trasporto compatibili con gli oneri e soprattuto i tempi del SISTRI

Se infatti si parte "allo sbaraglio" , pur avendo fatto da parte della mia azienda tutto il previsto ( chiavette , black box ) finirò per effettuare metà dei trasporti nello stesso tempo , subendo tutti i costi specialmente del personale ma non potendo ribaltare soste a nessuno ( tantomeno al SISTRI .... ).
Il problema vero è capire a quale livello di costo ci si posizionerà dopo l'introduzione del sistema , è verosimile pensare ad aumenti del 30-40 % , che sono peraltro pura follia in un momento economico tanto delicato per il sistema produttivo ; l'alternativa è comunque una sola , la chiusura dell'azienda per eccesso di costi sui ricavi.

Quando da me detto non si configura con la proposta di un fermo ( che non sollecito a nessun altro ) , semplicemente cerco di farmi meno male possibile , ovviamente in accordo con i Clienti con i quali sono e sarò sempre di più in contatto.

Qualcuno ha suggerimenti migliori per minimizzare i danni ?









Per come la penso io, 4 aziende hanno fatto un casino per le quote latte.

Qualche centinaio di migliaia di aziende possono far cadere un governo, figuriamoci un Ministro "OTTUSO".

01/06 MERCOLEDI
02/06 FESTA
03/06 VENERDI (possibile ponte per molte persone)

06/06 RESA DEI CONTI..... con possibili BLOCCHI DEL GRA di ROMA, MILANO.

Tutti uniti si vince.

Il Governo è stato eletto dal Popolo e non dalla GRAZIA DIVINA.

Poi se tempestate BOSSI di telefonate ed email.......

SDR

REPRINTER
Utente Attivo

Messaggi : 286
Data d'iscrizione : 26.10.10
Età : 52
Località : La Spezia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Se il sistema partirà , come comportarsi per limitare i danni ?

Messaggio  CROCIDOLITE il Gio Mag 19, 2011 11:50 am

il sistema non è multitasking, il risultato è che non puoi fare contemporaneamente più operazioni, ad esempio:

nella discarica dove lavoro, per scaricare un viaggio di eternit, ci vogliono circa 30 minuti;
inoltre ci sono circa 20 minuti di tempi morti tra verifica ed accettazione formulario, pesa, manovre del mezzo alkl'interno della discarica. totale circa 1 ora.

ovviamente in quest'ora si accettano e si movimentano anche carichi diversi dall'eternit, che hanno tempi di gestione diversi; si è verificato, che si possno movimentare fino a 6 mezzi ora (concludendo tutte le pratiche tecnico-amministrative-burocratiche).

con SISTRI, non si possono (o almeno a me risulta così) tenere aperte più pratiche contemporaneamente sulla stessa sessione di lavoro, e quindi, ne consegue che per poter aprire una sessione (scaricare un viaggio) è necessario aver chiuso totalmente la sessione precedente.

ta 50 viaggi giorno, ci ritroveremo a poter gestire 8 viaggi giorno. cherry

quindi aumenteranno i prezzi

quindi la genbte si incazzerà

qundi la presti finirà su un palo, a monito per il futuro (I have a dream)


CROCIDOLITE
Utente Attivo

Messaggi : 3053
Data d'iscrizione : 29.09.10
Località : IO/NOI/GAIA

Tornare in alto Andare in basso

Re: Se il sistema partirà , come comportarsi per limitare i danni ?

Messaggio  Enzo Galli il Gio Mag 19, 2011 12:45 pm

Stefano_Settentrionale ha scritto:Buongiorno ,

visto come si stanno mettendo le cose , mi sto ponendo il problema di cosa fare se il sistema sarà confermato dal 1 Giugno.

La scelta meno dolorosa in quanto trasportatore secondo me sarà :

1. tenere fermi i TUTTI i veicoli per qualche giorno mettendo in ferie gli autisti in attesa di verificare a che livello sarà il disastro
2. contattare tutti i Clienti per formulare tariffe di trasporto compatibili con gli oneri e soprattuto i tempi del SISTRI

Se infatti si parte "allo sbaraglio" , pur avendo fatto da parte della mia azienda tutto il previsto ( chiavette , black box ) finirò per effettuare metà dei trasporti nello stesso tempo , subendo tutti i costi specialmente del personale ma non potendo ribaltare soste a nessuno ( tantomeno al SISTRI .... ).
Il problema vero è capire a quale livello di costo ci si posizionerà dopo l'introduzione del sistema , è verosimile pensare ad aumenti del 30-40 % , che sono peraltro pura follia in un momento economico tanto delicato per il sistema produttivo ; l'alternativa è comunque una sola , la chiusura dell'azienda per eccesso di costi sui ricavi.

Quando da me detto non si configura con la proposta di un fermo ( che non sollecito a nessun altro ) , semplicemente cerco di farmi meno male possibile , ovviamente in accordo con i Clienti con i quali sono e sarò sempre di più in contatto.

Qualcuno ha suggerimenti migliori per minimizzare i danni ?

Avendo lo stesso problema concordo con la tua analisi, però, penso che tenere fermi i mezzi per restare alla finestra sia improponibile, io penso di far partire la normale operatività del traffico (avvertendo i clienti che tutte le tempistiche di carico e scarico, eventuali mancati carichi nelle programmazioni successive sono subordinati al corretto funzionamento del sistema ed alla capacità di operare di tutti i soggetti coinvolti).

Se dovessero esserci i problemi del click day, e di conseguenza tutto si bloccasse, dinnanzi alla più totale debacle, l'intero processo industriale si troverebbe dopo qualche ora ad affrontare il blocco delle produzioni, al che si vedrà cosa faranno le associazioni imprenditoriali per far rinsavire i vertici del ministero e riportarli a riconsiderare il Sistema nel suo complesso (Quindi teniamo a portata di mano Formulari e Registri).

Se invece il Sistri dovesse reggere dovremmo ragionare sull'impatto che questo sistema (che nella sua filosofia di base è condivisibile ma nella sostanza non è fruibile da parte di operatori professionali) imporrà alla realizzazione del servizio di trasporto.

Penso ad una seria interoperatività che permetta la gestione contemporanea di tutti delegati sulla gestione delle schede, al sistema ridondante di firme da apporre alle schede ed alle movimentazioni dei registri, (senza la quale si dovrà pensare ad una seria e radicale riorganizzazione del personale degli uffici traffico) al monitoraggio dei tempi di esecuzione dei servizi.
A fronte di tutto ciò dovremmo giocoforza riversare i costi sulle tariffe di trasporto per poter continuare ad operare, tariffe che appariranno fuori da ogni logica per i clienti.





Enzo Galli
Nuovo Utente

Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 09.03.11
Età : 46
Località : Lecco

Tornare in alto Andare in basso

Re: Se il sistema partirà , come comportarsi per limitare i danni ?

Messaggio  unmaredirifiuti il Gio Mag 19, 2011 12:54 pm

Io ho 3 camion e sono disposto il primo di giugno a partire per Roma e passare il 2 giugno fuori dal MINISTERO con i miei camion...e visto che è festa non potrò circolare quindi potrebbe bloccarsi il traffico se non fossi solo io...

unmaredirifiuti
Membro della community

Messaggi : 45
Data d'iscrizione : 24.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Se il sistema partirà , come comportarsi per limitare i danni ?

Messaggio  Sato il Gio Mag 19, 2011 12:56 pm

Enzo Galli ha scritto:
Stefano_Settentrionale ha scritto:Buongiorno ,

visto come si stanno mettendo le cose , mi sto ponendo il problema di cosa fare se il sistema sarà confermato dal 1 Giugno.

La scelta meno dolorosa in quanto trasportatore secondo me sarà :

1. tenere fermi i TUTTI i veicoli per qualche giorno mettendo in ferie gli autisti in attesa di verificare a che livello sarà il disastro
2. contattare tutti i Clienti per formulare tariffe di trasporto compatibili con gli oneri e soprattuto i tempi del SISTRI

Se infatti si parte "allo sbaraglio" , pur avendo fatto da parte della mia azienda tutto il previsto ( chiavette , black box ) finirò per effettuare metà dei trasporti nello stesso tempo , subendo tutti i costi specialmente del personale ma non potendo ribaltare soste a nessuno ( tantomeno al SISTRI .... ).
Il problema vero è capire a quale livello di costo ci si posizionerà dopo l'introduzione del sistema , è verosimile pensare ad aumenti del 30-40 % , che sono peraltro pura follia in un momento economico tanto delicato per il sistema produttivo ; l'alternativa è comunque una sola , la chiusura dell'azienda per eccesso di costi sui ricavi.

Quando da me detto non si configura con la proposta di un fermo ( che non sollecito a nessun altro ) , semplicemente cerco di farmi meno male possibile , ovviamente in accordo con i Clienti con i quali sono e sarò sempre di più in contatto.

Qualcuno ha suggerimenti migliori per minimizzare i danni ?

Avendo lo stesso problema concordo con la tua analisi, però, penso che tenere fermi i mezzi per restare alla finestra sia improponibile, io penso di far partire la normale operatività del traffico (avvertendo i clienti che tutte le tempistiche di carico e scarico, eventuali mancati carichi nelle programmazioni successive sono subordinati al corretto funzionamento del sistema ed alla capacità di operare di tutti i soggetti coinvolti).

Se dovessero esserci i problemi del click day, e di conseguenza tutto si bloccasse, dinnanzi alla più totale debacle, l'intero processo industriale si troverebbe dopo qualche ora ad affrontare il blocco delle produzioni, al che si vedrà cosa faranno le associazioni imprenditoriali per far rinsavire i vertici del ministero e riportarli a riconsiderare il Sistema nel suo complesso (Quindi teniamo a portata di mano Formulari e Registri).

Se invece il Sistri dovesse reggere dovremmo ragionare sull'impatto che questo sistema (che nella sua filosofia di base è condivisibile ma nella sostanza non è fruibile da parte di operatori professionali) imporrà alla realizzazione del servizio di trasporto.

Penso ad una seria interoperatività che permetta la gestione contemporanea di tutti delegati sulla gestione delle schede, al sistema ridondante di firme da apporre alle schede ed alle movimentazioni dei registri, (senza la quale si dovrà pensare ad una seria e radicale riorganizzazione del personale degli uffici traffico) al monitoraggio dei tempi di esecuzione dei servizi.
A fronte di tutto ciò dovremmo giocoforza riversare i costi sulle tariffe di trasporto per poter continuare ad operare, tariffe che appariranno fuori da ogni logica per i clienti.


La tua analisi la trovo ottima, anche se personalmente penso che il sistri non parta più...
la cosa da aggiungere sarebbe un esposto alla procura di competenza ( in caso di blocco o inattività del sistema), in cui ci si cerca di manlevare dalle responsabilità penale per il mancato utilizzo del sistri, non imputabili a colpe dell'operatore...Ovviamente con richiesta danni al ministero per il mancato guadagno..Non dimentichiamo che le attrezzature informatiche (Token, BB e computer centrale) sono in comodato gratuito e non di ns. proprietà.Gli avvocati ci sguazzerebbero in una cosa simile....
...Sato... comp

Sato
Utente Attivo

Messaggi : 1470
Data d'iscrizione : 23.12.10
Località : Ovunque ce ne fosse il bisogno...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Se il sistema partirà , come comportarsi per limitare i danni ?

Messaggio  Giovi il Gio Mag 19, 2011 1:03 pm

unmaredirifiuti ha scritto:Io ho 3 camion e sono disposto il primo di giugno a partire per Roma e passare il 2 giugno fuori dal MINISTERO con i miei camion...e visto che è festa non potrò circolare quindi potrebbe bloccarsi il traffico se non fossi solo io...
Intanto si potrebbe fare un po di casino il 25 maggio

Giovi
Utente Attivo

Messaggi : 166
Data d'iscrizione : 10.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Se il sistema partirà , come comportarsi per limitare i danni ?

Messaggio  samoht il Gio Mag 19, 2011 1:37 pm

Il problema non è fermare o meno i mezzi e naturalmete i relativi autisti, ma non fare errori nelle compilazioni di registri e schede perchè altrimenti partono le sanzioni e con quelle non si scherza. La paura di molti è che se il 1° giugno tutto parte e se i ritiri devono essere fatti magari si faranno anche, ma con chissà quali errori (io personalmente ho decine di schede con "viaggio in corso" ma con viaggio già terminato e dimenticato e questo a causa del sistema che ogni tanto va - poco - e ogni tanto no - spesso -). Perciò chi si troverà ad operare dovrà farlo con molta attenzione per non ritrovarsi con centinaia di migliaia di euro di sanzioni (e a questo punto mi pare che il tutto sia studiato per spillare soldi a tutti un pò).

samoht
Membro della community

Messaggi : 35
Data d'iscrizione : 31.03.11
Località : Trento

Tornare in alto Andare in basso

Re: Se il sistema partirà , come comportarsi per limitare i danni ?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato Oggi a 11:29 pm


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum