Ultimi argomenti
» Ritiro merce da cliente
Da Giosistri Mer Dic 04, 2019 4:42 pm

» Esenzione totale 1.1.3.1 c)
Da gam66 Mar Dic 03, 2019 1:54 am

» Requisiti responsabile tecnico - anni di esperienza
Da MattiaC Lun Dic 02, 2019 6:37 pm

» Pannelli sandwich con carta catramata
Da STEBER Lun Dic 02, 2019 10:19 am

» raggruppamento rifiuti hp differenti
Da pascozzi Mer Nov 27, 2019 11:24 am

» Codici a specchio e analisi
Da isamonfroni Mer Nov 27, 2019 11:05 am

» Come gestire i rifiuti prodotti in diversi luoghi
Da cirillo Mer Nov 27, 2019 10:34 am

» [TOP] Consulente ADR
Da MattiaC Mer Nov 27, 2019 9:48 am

» ufficio e rif pericolosi
Da Admin Lun Nov 25, 2019 7:15 pm

» Quiz consulente ADR 2019
Da gianluca corrieri Mar Nov 19, 2019 1:52 pm


cantieri marittimi

Andare in basso

cantieri marittimi Empty cantieri marittimi

Messaggio  gianni lettera il Lun Feb 28, 2011 9:58 am

Buongiorno, sottopongo una particolare questione legata all'applicazione del sistri nel caso dei cantieri marittimi. La mia unità locale è ubicata all'interno di un'area portuale in cui vengono effettuati lavori di edilizia marittima.
Qualora dovessi aprire un cantiere (> di 6 mesi) in un'area portuale strettamente adiacente a quella in cui è ubicata la mia unità locale (formalmente tale area ha un indirizzo diverso e fisicamente è separata dalla prima) dovrei formalmente aprire una nuova unità locale, con nuova usb e nuovo delegato. Presumo che tale procedura dovrebbe essere valida anche nel campo civile, per esempio, nel caso in cui la stessa impresa ha due cantieri diversi ma adiacenti. La stranezza di tutto ciò è che in tali casi, operativamente, un'unica unità locale di cantiere può gestire diversi cantieri che insistono in una stessa area, anche se formalmente distinti.

Confermate tale interpretazione?

Grazie
Gianni
gianni lettera
gianni lettera
Membro della community

Messaggi : 19
Data d'iscrizione : 20.10.10
Località : Brindisi

Torna in alto Andare in basso

cantieri marittimi Empty Re: cantieri marittimi

Messaggio  Admin il Lun Feb 28, 2011 10:22 pm

Confermo.
In realtà la situazione non è poi così strana perchè la norma richiede la tracciabilità dei rifiuti, indipendentemente dal fatto che la gestione avvenga da un'unica unità operativa.
Immagino che già oggi i veicoli escano dai cantieri con formulario ed i relativi movimenti siano annotati sui registri di carico e scarico.
Admin
Admin
Amministratore

Messaggi : 6578
Data d'iscrizione : 13.01.10
Età : 46

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum