ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  valely46 il Mer Feb 23, 2011 6:30 pm

Buon pomeriggio a tutti!
Ho letto i diversi post sul tema ma ancora non riesco a capire quando sono obbligatorie le analisi!
Io lavoro per una ditta che trasporta rifiuti pericolosi e non pericolosi per diversi clienti. Volevo capire quando e per che cer devo consigliare ai miei clienti di fare le analisi ai loro rifiuti per non aver così problemi ne per il loro stoccaggio ne per il nostro trasporto e accettazione in discarica.

Grazie mille per il vostro aiuto
avatar
valely46
Nuovo Utente

Messaggi : 4
Data d'iscrizione : 22.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  homer il Mer Feb 23, 2011 6:59 pm

le analisi sono obbligatorie SOLO per il conferimento in discarica, anzi no. Per il conferimento in discarica è obbligatoria la caratterizzazione di base, di cui l'analisi fa parte.
Se sei in cerca di un criterio chiaro e semplice per capire quando servono le analisi e quando no.........
scordatelo!
Auguri
avatar
homer
Utente Attivo

Messaggi : 661
Data d'iscrizione : 24.07.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  Cristina Cadamuro il Mer Feb 23, 2011 7:01 pm

Se ti riferisci al conferimento in discarica:

il produttore del rifiuto deve effettuare la ‘caratterizzazione di base’ di ciascun rifiuto conferito in discarica, secondo quanto previsto dall’art. 2 del DM 27/09/2010 (che ha sostituito l’art. 2 del DM 03/08/2005). La caratterizzazione di base deve essere effettuata in corrispondenza del primo conferimento e ripetuta ad ogni variazione significativa del processo che origina i rifiuti e, comunque, almeno una volta all’anno.

In cosa consiste la caratterizzazione di base? L’allegato 1 del DM 27/09/2010 definisce la caratterizzazione di base come “determinazione delle caratteristiche
dei rifiuti, realizzata con la raccolta di tutte le informazioni necessarie per
uno smaltimento finale in condizioni di sicurezza


1. Scopi della caratterizzazione di base.
La caratterizzazione di base ha i seguenti scopi:
a) fornire le informazioni fondamentali in merito ai rifiuti (tipo e origine,
composizione, consistenza, tendenza a produrre percolato e ove necessario e ove
possibile, altre caratteristiche);
b) fornire le informazioni fondamentali per comprendere il comportamento dei
rifiuti nelle discariche e individuare le possibilità di trattamento previste
all'art. 7, comma 1 del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36;
c) fornire una valutazione dei rifiuti tenendo conto dei valori limite;

d) individuare le variabili principali (parametri critici) per la verifica di
conformità di cui all'art. 3 del presente decreto e le eventuali possibilità di
semplificare i test relativi (in modo da ridurre il numero dei componenti da
misurare, ma solo dopo verifica delle informazioni pertinenti).
Determinando le caratteristiche dei rifiuti si possono stabilire dei rapporti
tra la caratterizzazione di base e i risultati delle procedure di test
semplificate, nonché la frequenza delle verifiche di conformità.


2. Requisiti fondamentali per la caratterizzazione di base (….)
3. Caratterizzazioni analitiche.

Per ottenere le informazioni di cui al precedente punto 2 è necessario
sottoporre i rifiuti a caratterizzazione analitica. (…
)

4. Casi in cui non sono necessarie le caratterizzazioni analitiche.
Oltre a quanto previsto alla tabella 1 e all'art. 6, comma 7, lettera c), ai
fini della caratterizzazione di base, non sono necessarie le determinazioni
analitiche di cui al punto 3 del presente allegato qualora:
- i rifiuti siano elencati in una lista positiva, compresi i rifiuti individuati
dal decreto di cui all'art. 6, comma 1, lettera b) del presente decreto;
- tutte le informazioni relative alla caratterizzazione dei rifiuti sono note e
ritenute idonee dall'autorità territorialmente competente al rilascio
dell'autorizzazione di cui all'art. 10 del decreto legislativo 13 gennaio 2003,
n. 36;
- si tratti di tipologie di rifiuti per i quali non risulta pratico effettuare le caratterizzazioni analitiche o per cui non sono disponibili metodi di analisi.
- In questo caso, il detentore dei rifiuti deve fornire adeguata documentazione
con particolare riguardo ai motivi per cui i rifiuti, non sottoposti a
caratterizzazioni analitiche, sono ammissibili ad una determinata categoria di
discarica.

avatar
Cristina Cadamuro
Utente Attivo

Messaggi : 72
Data d'iscrizione : 28.04.10
Età : 44
Località : Venezia - Padova, in giro (spesso) per l'Italia

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  Cristina Cadamuro il Mer Feb 23, 2011 7:18 pm

Per quanto riguarda invece il conferimento ad un impianto di recupero ecco quanto mi è stato detto dalla provincia di Treviso nel mese di aprile 2010, in merito alla periodicità delle analisi:

Se l'impianto di recupero opera in procedura semplificata, le normative di riferimento sono il DM 05/02/1998 art. 8 (per i rifiuti non pericolosi) e DM 161/2002 art. 7 comma 3 (per i rifiuti pericolosi). In entrambi i casi le analisi dovrebbero essere effettuate ogni 24 mesi dal produttore.

In caso invece di conferimento ad impianto di recupero in procedura ordinaria, sarà l’ente che ha autorizzato l’impianto a dettare le regole sulla periodicità.
Questo è quanto richiesto a Treviso… ma ho visto che di provincia in provincia variano le opinioni in merito alla periodicità delle analisi...
avatar
Cristina Cadamuro
Utente Attivo

Messaggi : 72
Data d'iscrizione : 28.04.10
Età : 44
Località : Venezia - Padova, in giro (spesso) per l'Italia

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  isamonfroni il Gio Feb 24, 2011 10:36 am

quotando quanto dice cristina cadamuro, aggiungo che:
- per il conferimento in discarica caratterizzazione di base più analisi sempre necessaria al primo conferimento e al primo CER, poi se CER e processo produttivo e produttore sempre uguale ripetizine ogni 24 mesi (o più spesso se previsto nell'autorizzazione della discarica)
- impianti di trattamento/recupero in ordinaria: omologa con analisi al primo conferimento e ripetizione analisi con frequenza definita dall'Ente all'interno dell'autorizzazione impianto (da 6 a 24 mesi a seconda della Provincia che autorizza, del tipo di impianti, del tipo di rifiuti ecc...)
- impianti recupero in semplificata: certamente analisi al primo conferimento e poi seguire le regole del DM 05/02/1998 e succ in merito al tipo di analisi ed ai parametri da determinare.
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12417
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 60
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  asterisco il Mar Mag 31, 2011 12:03 pm

Vorrei capire se un impianto di recupero in procedura semplificata può eseguire le analisi al primo conferimento presso un laboratorio di fiducia ponendo le spese a carico del produttore invece di accettare le analisi effettuate dal produttore ed eseguirne di proprie in contraddittorio.
Insomma si può evitare questo doppio giro se lo smaltitore si fa carico di far eseguire le analisi adempiendo così anche all'obbligo di controllo previsto dal d.m. 186/06?
Grazie a chiunque sia così gentile da darmi una mano Smile
avatar
asterisco
Nuovo Utente

Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 30.05.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  Scoman il Mar Mag 31, 2011 1:04 pm

asterisco ha scritto:Vorrei capire se un impianto di recupero in procedura semplificata può eseguire le analisi al primo conferimento presso un laboratorio di fiducia ponendo le spese a carico del produttore invece di accettare le analisi effettuate dal produttore ed eseguirne di proprie in contraddittorio.
Insomma si può evitare questo doppio giro se lo smaltitore si fa carico di far eseguire le analisi adempiendo così anche all'obbligo di controllo previsto dal d.m. 186/06?
Grazie a chiunque sia così gentile da darmi una mano Smile
Direi di no, in quanto le analisi vanno fatte prima che inizi la movimentazione del rifiuto ed una copia delle stesse dovrà viaggiare col FIR.
avatar
Scoman
Utente Attivo

Messaggi : 66
Data d'iscrizione : 14.10.10
Età : 33
Località : AN

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  asterisco il Mar Mag 31, 2011 4:06 pm

Scoman ha scritto:
asterisco ha scritto:Vorrei capire se un impianto di recupero in procedura semplificata può eseguire le analisi al primo conferimento presso un laboratorio di fiducia ponendo le spese a carico del produttore invece di accettare le analisi effettuate dal produttore ed eseguirne di proprie in contraddittorio.
Insomma si può evitare questo doppio giro se lo smaltitore si fa carico di far eseguire le analisi adempiendo così anche all'obbligo di controllo previsto dal d.m. 186/06?
Grazie a chiunque sia così gentile da darmi una mano Smile
Direi di no, in quanto le analisi vanno fatte prima che inizi la movimentazione del rifiuto ed una copia delle stesse dovrà viaggiare col FIR.

Grazie mille...mi hai risolto un grosso dubbio o almeno lo era per me che non sono del settore.
Considerando che il contratto che sto predisponendo regola sostanzialmente i rapporti tra trasportatore e impianto di recupero, la tua risposta mi è di grande aiuto!
Buona giornata!
avatar
asterisco
Nuovo Utente

Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 30.05.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  pastorenomade il Mar Mag 31, 2011 4:28 pm

asterisco ha scritto:
Scoman ha scritto:
asterisco ha scritto:Vorrei capire se un impianto di recupero in procedura semplificata può eseguire le analisi al primo conferimento presso un laboratorio di fiducia ponendo le spese a carico del produttore invece di accettare le analisi effettuate dal produttore ed eseguirne di proprie in contraddittorio.
Insomma si può evitare questo doppio giro se lo smaltitore si fa carico di far eseguire le analisi adempiendo così anche all'obbligo di controllo previsto dal d.m. 186/06?
Grazie a chiunque sia così gentile da darmi una mano Smile
Direi di no, in quanto le analisi vanno fatte prima che inizi la movimentazione del rifiuto ed una copia delle stesse dovrà viaggiare col FIR.

Grazie mille...mi hai risolto un grosso dubbio o almeno lo era per me che non sono del settore.
Considerando che il contratto che sto predisponendo regola sostanzialmente i rapporti tra trasportatore e impianto di recupero, la tua risposta mi è di grande aiuto!
Buona giornata!

Non facciamo confusione.

Il dm 186/06 (che ha modificato il dm febbraio 98 di disciplina del recupero di non pericolosi con procedure semplificate) dice che il produttore dovrà caratterizzare il rifiuto al primo conferimento e poi una volta l'anno, per verificare la rispondenza alle specifiche del dm98. Teoricamente, se l'impianto di recupero non si fida della caratterizzazione commissionata dal produttore può fare l'analisi in contraddittorio, anche se non ne capisco il senso. E poi, essendo quell'obbligo largamente disatteso, dato che quasi nessun impianto (nè organo di controllo) chiede al produttore l'analisi (perderebbe il cliente), addirittura non fidarsi di un produttore adempiente mi sembra il massimo!

Quello che dice scoman direi che riguarda invece la caratterizzazione di un codice a specchio (P/NP)
avatar
pastorenomade
Utente Attivo

Messaggi : 745
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 62
Località : Ameria-Umbria

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  asterisco il Mar Mag 31, 2011 4:42 pm

pastorenomade ha scritto:
asterisco ha scritto:
Scoman ha scritto:
asterisco ha scritto:Vorrei capire se un impianto di recupero in procedura semplificata può eseguire le analisi al primo conferimento presso un laboratorio di fiducia ponendo le spese a carico del produttore invece di accettare le analisi effettuate dal produttore ed eseguirne di proprie in contraddittorio.
Insomma si può evitare questo doppio giro se lo smaltitore si fa carico di far eseguire le analisi adempiendo così anche all'obbligo di controllo previsto dal d.m. 186/06?
Grazie a chiunque sia così gentile da darmi una mano Smile
Direi di no, in quanto le analisi vanno fatte prima che inizi la movimentazione del rifiuto ed una copia delle stesse dovrà viaggiare col FIR.

Grazie mille...mi hai risolto un grosso dubbio o almeno lo era per me che non sono del settore.
Considerando che il contratto che sto predisponendo regola sostanzialmente i rapporti tra trasportatore e impianto di recupero, la tua risposta mi è di grande aiuto!
Buona giornata!

Non facciamo confusione.

Il dm 186/06 (che ha modificato il dm febbraio 98 di disciplina del recupero di non pericolosi con procedure semplificate) dice che il produttore dovrà caratterizzare il rifiuto al primo conferimento e poi una volta l'anno, per verificare la rispondenza alle specifiche del dm98. Teoricamente, se l'impianto di recupero non si fida della caratterizzazione commissionata dal produttore può fare l'analisi in contraddittorio, anche se non ne capisco il senso. E poi, essendo quell'obbligo largamente disatteso, dato che quasi nessun impianto (nè organo di controllo) chiede al produttore l'analisi, (perderebbe il cliente), addirittura non fidarsi di un produttore adempiente, mi sembra il massimo!

Quello che dice scoman direi che riguarda invece la caratterizzazione di un codice a specchio (P/NP)

Non volevo metterla sul piano della fiducia ma sull'obbligo che comunque il d.m 186/06 pone a carico dell'impianto di eseguire la verifica di conformità che, secondo me, si sostanzia in nuove analisi in contraddittorio con quelle allegate dal produttore.
Per questo chiedevo, al di là dei controlli che poi di fatto non vengono eseguiti, se non si potesse procedere alle analisi al momento del conferimento a cura dell'impianto?
avatar
asterisco
Nuovo Utente

Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 30.05.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  pastorenomade il Mar Mag 31, 2011 5:04 pm

X asterisco

Ma il 186/06 pone l'obbligo della caratterizzazione a carico del produttore, non dell'impianto.
avatar
pastorenomade
Utente Attivo

Messaggi : 745
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 62
Località : Ameria-Umbria

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  asterisco il Mar Mag 31, 2011 5:13 pm

Per pastorenomade
Articolo 8
Campionamenti e analisi
1. Il campionamento dei rifiuti, ai fini della loro caratterizzazione chimico fisica, è effettuato sul
rifiuto tal quale, in modo tale da ottenere un campione rappresentativo secondo le norme Uni
10802, "Rifiuti liquidi, granulari, pastosi e fanghi - Campionamento manuale e preparazione ed
analisi degli eluati".
2. Le analisi sui campioni ottenuti ai sensi del comma 1, sono effettuate secondo metodiche
standardizzate o riconosciute valide a livello nazionale, comunitario o internazionale.
3. Il campionamento e le determinazioni analitiche del combustibile derivato dai rifiuti (Cdr) sono
effettuate in conformità alla norma Uni 9903.
4. Il campionamento e le analisi sono effettuate a cura del titolare dell'impianto ove i rifiuti sono
prodotti almeno in occasione del primo conferimento all'impianto di recupero e, successivamente,
ogni 24 mesi e, comunque, ogni volta che intervengano modifiche sostanziali nel processo di
produzione.
5. Il titolare dell'impianto di recupero è tenuto a verificare la conformità del rifiuto conferito alle
prescrizioni ed alle condizioni di esercizio stabilite dal presente regolamento per la specifica attività
svolta.

Mi riferisco al comma 5. Come fa l'impianto a verificare che il rifiuto sia conforme? Non credo solo acquisendo le analisi del produttore ma eseguendone di proprie almeno credo...si accettano diverse interpretazioni...grazie
avatar
asterisco
Nuovo Utente

Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 30.05.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  pastorenomade il Mar Mag 31, 2011 5:20 pm

asterisco ha scritto:Per pastorenomade
Articolo 8
Campionamenti e analisi
1. Il campionamento dei rifiuti, ai fini della loro caratterizzazione chimico fisica, è effettuato sul
rifiuto tal quale, in modo tale da ottenere un campione rappresentativo secondo le norme Uni
10802, "Rifiuti liquidi, granulari, pastosi e fanghi - Campionamento manuale e preparazione ed
analisi degli eluati".
2. Le analisi sui campioni ottenuti ai sensi del comma 1, sono effettuate secondo metodiche
standardizzate o riconosciute valide a livello nazionale, comunitario o internazionale.
3. Il campionamento e le determinazioni analitiche del combustibile derivato dai rifiuti (Cdr) sono
effettuate in conformità alla norma Uni 9903.
4. Il campionamento e le analisi sono effettuate a cura del titolare dell'impianto ove i rifiuti sono
prodotti almeno in occasione del primo conferimento all'impianto di recupero e, successivamente,
ogni 24 mesi e, comunque, ogni volta che intervengano modifiche sostanziali nel processo di
produzione.
5. Il titolare dell'impianto di recupero è tenuto a verificare la conformità del rifiuto conferito alle
prescrizioni ed alle condizioni di esercizio stabilite dal presente regolamento per la specifica attività
svolta.

Mi riferisco al comma 5. Come fa l'impianto a verificare che il rifiuto sia conforme? Non credo solo acquisendo le analisi del produttore ma eseguendone di proprie almeno credo...si accettano diverse interpretazioni...grazie

Appunto!

Il comma 4 dice che le analisi le fa il produttore. L'impianto, col certificato in mano, verifica che i dati dell'analisi rendano conforme il rifiuto alle specifiche (riportate per ogni singola tipologia) dell'allegato del dm98, affinchè possano essere avviati al recupero.
avatar
pastorenomade
Utente Attivo

Messaggi : 745
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 62
Località : Ameria-Umbria

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  asterisco il Mar Mag 31, 2011 5:37 pm

pastorenomade ha scritto:
asterisco ha scritto:Per pastorenomade
Articolo 8
Campionamenti e analisi
1. Il campionamento dei rifiuti, ai fini della loro caratterizzazione chimico fisica, è effettuato sul
rifiuto tal quale, in modo tale da ottenere un campione rappresentativo secondo le norme Uni
10802, "Rifiuti liquidi, granulari, pastosi e fanghi - Campionamento manuale e preparazione ed
analisi degli eluati".
2. Le analisi sui campioni ottenuti ai sensi del comma 1, sono effettuate secondo metodiche
standardizzate o riconosciute valide a livello nazionale, comunitario o internazionale.
3. Il campionamento e le determinazioni analitiche del combustibile derivato dai rifiuti (Cdr) sono
effettuate in conformità alla norma Uni 9903.
4. Il campionamento e le analisi sono effettuate a cura del titolare dell'impianto ove i rifiuti sono
prodotti almeno in occasione del primo conferimento all'impianto di recupero e, successivamente,
ogni 24 mesi e, comunque, ogni volta che intervengano modifiche sostanziali nel processo di
produzione.
5. Il titolare dell'impianto di recupero è tenuto a verificare la conformità del rifiuto conferito alle
prescrizioni ed alle condizioni di esercizio stabilite dal presente regolamento per la specifica attività
svolta.

Mi riferisco al comma 5. Come fa l'impianto a verificare che il rifiuto sia conforme? Non credo solo acquisendo le analisi del produttore ma eseguendone di proprie almeno credo...si accettano diverse interpretazioni...grazie

Appunto!

Il comma 4 dice che le analisi le fa il produttore. L'impianto, col certificato in mano, verifica che i dati dell'analisi rendano conforme il rifiuto alle specifiche (riportate per ogni singola tipologia) dell'allegato del dm98, affinchè possano essere avviati al recupero.
Forse sono io ad essere un pò prevenuta nei confronti di queste norme un pò fumose...perché per me è scontato che se mi produci un documento, io lo verifico quindi mi chiedevo quale fosse il motivo per cui una cosa così ovvia venisse disciplinata da apposita norma.
L'unica risposta che mi ero data è che vi fosse un obbligo più stringente ma credo abbia ragione tu. Alla fine se il legislatore avesse voluto porre a carico dell'impianto l'obbligo di eseguire le analisi in contraddittorio l'avrebbe esplicitato giusto?
Grazie Very Happy
avatar
asterisco
Nuovo Utente

Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 30.05.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  pastorenomade il Mar Mag 31, 2011 5:40 pm

Ti faccio solo una domanda: a che titolo ti sentiresti di mettere in discussione un certificato firmato e timbrato da un professionista abilitato e iscritto ad un albo professionale? Quel certificato che ti fornisce il produttore è un atto pubblico ufficiale.

avatar
pastorenomade
Utente Attivo

Messaggi : 745
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 62
Località : Ameria-Umbria

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  MauroC il Mar Mag 31, 2011 5:51 pm

pastorenomade ha scritto:Ti faccio solo una domanda: a che titolo ti sentiresti di mettere in discussione un certificato firmato e timbrato da un professionista abilitato e iscritto ad un albo professionale? Quel certificato che ti fornisce il produttore è un atto pubblico ufficiale.


mi inserisco in questa discussione perchè mi interessa molto, scusami pastorenomade, ma fai una domanda
con la risposta scontata, (peno che tu l'abbia fatto apposta!) ma il certificato si potrebbe mettere in discussione per i seguenti motivi:
non mi fido a prescindere del produttore, o del laboratorio che ha fatto le analisi
mi fido di tutti, ma a "vista" il carico dei rifiuti che mi è arrivato mi insospettisce, e voglio controllare con una contro analisi.

Mi sembra semplice no?
avatar
MauroC
Utente Attivo

Messaggi : 815
Data d'iscrizione : 08.03.10
Età : 43
Località : MC

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  pastorenomade il Mar Mag 31, 2011 5:55 pm

beh, allora fatti le contro-analisi, nessuno te lo impedisce, così come nessuno te lo obbliga.

Ricordo che falsificare i dati di analisi è sanzionato penalmente e molto pesantemente.
avatar
pastorenomade
Utente Attivo

Messaggi : 745
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 62
Località : Ameria-Umbria

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  asterisco il Mar Mag 31, 2011 6:00 pm

pastorenomade ha scritto:Ti faccio solo una domanda: a che titolo ti sentiresti di mettere in discussione un certificato firmato e timbrato da un professionista abilitato e iscritto ad un albo professionale? Quel certificato che ti fornisce il produttore è un atto pubblico ufficiale.

Io come impianto non lo farei sicuramente anzi se posso evitare di fare ulteriori esami ben venga!
Non sempre si sa con chi si ha a che fare e spesso il produttore è solo un nome visto che il contatto, almeno nel caso dell'impianto di recupero di mio interesse, avviene con il trasportatore che produce la documentazione e che si occupa quindi anche di individuare il laboratorio di analisi per il produttore.
Semplicemente il titolare dell'impianto vorrebbe essere sicuro di non essere coinvolto, suo malgrado, in situazioni spiacevoli scegliendo lui stesso il professionista da incaricare. Ma su questo credo si possa trovare tranquillamente un accordo con il trasportatore.
avatar
asterisco
Nuovo Utente

Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 30.05.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  MauroC il Mar Mag 31, 2011 6:04 pm

Io non sono un esperto di discariche, ma loro cmq non hanno obbligo di fare le analisi per lo meno a campione?

Comunque la mia non era per far polemica, spero che hai capito il mio messaggio, anche perchè io di solito sto dalla parta dei produttori e non delle discariche.

e poi potrebbe succedere anche che non ci sia dolo, non è detto che analisi differenti significano che qualcuno ha truffato
avatar
MauroC
Utente Attivo

Messaggi : 815
Data d'iscrizione : 08.03.10
Età : 43
Località : MC

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  pastorenomade il Mar Mag 31, 2011 6:04 pm

asterisco ha scritto:
pastorenomade ha scritto:Ti faccio solo una domanda: a che titolo ti sentiresti di mettere in discussione un certificato firmato e timbrato da un professionista abilitato e iscritto ad un albo professionale? Quel certificato che ti fornisce il produttore è un atto pubblico ufficiale.

Io come impianto non lo farei sicuramente anzi se posso evitare di fare ulteriori esami ben venga!
Non sempre si sa con chi si ha a che fare e spesso il produttore è solo un nome visto che il contatto, almeno nel caso dell'impianto di recupero di mio interesse, avviene con il trasportatore che produce la documentazione e che si occupa quindi anche di individuare il laboratorio di analisi per il produttore.
Semplicemente il titolare dell'impianto vorrebbe essere sicuro di non essere coinvolto, suo malgrado, in situazioni spiacevoli scegliendo lui stesso il professionista da incaricare. Ma su questo credo si possa trovare tranquillamente un accordo con il trasportatore.

Il certificato non è firmato dal produttore ma da un professionista e ne risponde lui.
avatar
pastorenomade
Utente Attivo

Messaggi : 745
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 62
Località : Ameria-Umbria

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  asterisco il Mar Mag 31, 2011 6:16 pm

pastorenomade ha scritto:
asterisco ha scritto:
pastorenomade ha scritto:Ti faccio solo una domanda: a che titolo ti sentiresti di mettere in discussione un certificato firmato e timbrato da un professionista abilitato e iscritto ad un albo professionale? Quel certificato che ti fornisce il produttore è un atto pubblico ufficiale.

Io come impianto non lo farei sicuramente anzi se posso evitare di fare ulteriori esami ben venga!
Non sempre si sa con chi si ha a che fare e spesso il produttore è solo un nome visto che il contatto, almeno nel caso dell'impianto di recupero di mio interesse, avviene con il trasportatore che produce la documentazione e che si occupa quindi anche di individuare il laboratorio di analisi per il produttore.
Semplicemente il titolare dell'impianto vorrebbe essere sicuro di non essere coinvolto, suo malgrado, in situazioni spiacevoli scegliendo lui stesso il professionista da incaricare. Ma su questo credo si possa trovare tranquillamente un accordo con il trasportatore.

Il certificato non è firmato dal produttore ma da un professionista e ne risponde lui.

Sì questo è fuor di dubbio ma nel momento in cui entra nell'impianto un rifiuto accompagnato da certificato che poi si rivela falso o errato, il problema non è più solo di chi ha firmato il referto.
L'impianto viene coinvolto in ogni caso ma - ripeto - a me interessava capire se vi fosse un obbligo di contro analisi a carico dell'impianto. In assenza il titolare potrà decidere, a seconda delle situazioni, se eseguirle o meno per maggiore sicurezza senza che con questo si vogliano gettare ombre sul produttore.
avatar
asterisco
Nuovo Utente

Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 30.05.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  pastorenomade il Mar Mag 31, 2011 6:24 pm

asterisco ha scritto:Sì questo è fuor di dubbio ma nel momento in cui entra nell'impianto un rifiuto accompagnato da certificato che poi si rivela falso o errato, il problema non è più solo di chi ha firmato il referto.
L'impianto viene coinvolto in ogni caso ma - ripeto - a me interessava capire se vi fosse un obbligo di contro analisi a carico dell'impianto. In assenza il titolare potrà decidere, a seconda delle situazioni, se eseguirle o meno per maggiore sicurezza senza che con questo si vogliano gettare ombre sul produttore.

Concordo. La prudenza non è mai troppa.
avatar
pastorenomade
Utente Attivo

Messaggi : 745
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 62
Località : Ameria-Umbria

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  pastorenomade il Mar Mag 31, 2011 6:57 pm

MauroC ha scritto:Io non sono un esperto di discariche, ma loro cmq non hanno obbligo di fare le analisi per lo meno a campione?

Comunque la mia non era per far polemica, spero che hai capito il mio messaggio, anche perchè io di solito sto dalla parta dei produttori e non delle discariche.

e poi potrebbe succedere anche che non ci sia dolo, non è detto che analisi differenti significano che qualcuno ha truffato

Tranquillo Mauro!

Comunque, con asterisco (l'utente) Cool qui si stava parlando di analisi con riferimento a impianti di recupero in semplificata. Sulle discariche ne so poco anch'io. Saluti
avatar
pastorenomade
Utente Attivo

Messaggi : 745
Data d'iscrizione : 03.11.10
Età : 62
Località : Ameria-Umbria

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  MauroC il Mar Mag 31, 2011 7:07 pm

valely46 ha scritto:Buon pomeriggio a tutti!
Ho letto i diversi post sul tema ma ancora non riesco a capire quando sono obbligatorie le analisi!
Io lavoro per una ditta che trasporta rifiuti pericolosi e non pericolosi per diversi clienti. Volevo capire quando e per che cer devo consigliare ai miei clienti di fare le analisi ai loro rifiuti per non aver così problemi ne per il loro stoccaggio ne per il nostro trasporto e accettazione in discarica.

Grazie mille per il vostro aiuto

non mi ero accorto che la discussione fosse cambiata dal titolo, pensavo che si facesse sempre riferimento all'accettazione in discarica, cmq è molto simile la questione

Grazie Pastore per la precisazione.. Smile
avatar
MauroC
Utente Attivo

Messaggi : 815
Data d'iscrizione : 08.03.10
Età : 43
Località : MC

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  isamonfroni il Mar Mag 31, 2011 9:02 pm

Ritorno un attimo sull'argomento, anche se nel corso della discussione ho visto tutte risposte sensate e sostanzialmente corrette, per dirvi come più o meno si regola la maggior parte degli impianti che mi è capitato di conoscere nel corso di questi 20 anni.
Premesso comunque che negli ultimi anni sempre più spesso nelle nuove autorizzazioni si impone l'obbligo di eseguire analisi di controllo a carico degli impianti la situazione con cui mi capita di confrontarmi più spesso è la seguente:
- discariche: praticamente tutte ti fanno loro l'analisi (anzi se li vengono pure a campionare) a prescindere dal fatto che il produttore esibisca o meno un certificato di analisi
- impianti di trattamento:esigono sempre analisi ed eventualmente se il produttore non ne è in possesso chiedono un campione e la fanno loro prima dell'accettazione (ovviamente a pagamento)
- impianti di recupero per non pericolosi: analisi sempre o del produttore o fatta da loro ma sempreprima dell'accettazione.

Se vi va vi dico come si comportano gli impianti del ns.gruppo...........considerando che abbiamo sia impianti di trattamento per pericolosi che impianti R13 per non pericolosi.
Prima dell'accettazione di un rifiuto si sichiede sempre analisi di caratterizzazione recente del produttore. Se l'analisi non c'è,o è vecchia,o è dubbia chiediamo un campione del rifiuto e l'analisi la facciamo noi (ovviamente a spese del produttore).
All'atto del conferimento (sempre accompagnato da certificato di analisi) prendiamo un campione del rifiuto direttamente dal camion e lo sigilliamo con un'etichetta controfirmata anche dal trasportatore che riporta il rimando al FIR e al n. del registro, conserviamo questo controcampione per 5 anni a disposizione per eventuali future contestazioni/necessità.
Saluti
Isa

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12417
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 60
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: ANALISI DI CARATTERIZZAZIONE

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum