Ultimi argomenti
» alimenti esplosivi
Da tfrab Ieri alle 12:10 pm

» Bibliografia suggerita per esame ADR
Da karl1 Ieri alle 11:14 am

» Autista esterno con partita iva
Da Paolo UD Ieri alle 10:50 am

» Fanghi di perforazione con bentonite
Da matteorossi Mer Nov 22, 2017 1:28 pm

» Manufatti cemento - cer.
Da Aurora Brancia Mer Nov 22, 2017 12:56 pm

» Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina
Da Aurora Brancia Mer Nov 22, 2017 12:18 pm

» Codice CER acqua lavaggio betoniere calcestruzzo
Da Aurora Brancia Mar Nov 21, 2017 5:56 pm

» formulario o fattura di vendita?
Da Sciùr Colombo Mar Nov 21, 2017 5:54 pm

» Designazione ufficiale di trasporto per i rifiuti
Da homer Lun Nov 20, 2017 10:15 pm

» rifiuti contaminati da saliva
Da carla82 Lun Nov 20, 2017 2:37 pm


D.Lgs. 205/2010: da rifiuto a sottoprodotto

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

D.Lgs. 205/2010: da rifiuto a sottoprodotto

Messaggio  Demetrio il Mar Dic 14, 2010 11:59 am

Promemoria primo messaggio :

Buongiorno a tutti, vorrei insieme a voi discutere cosa cambia nella definizione di rifiuto a segiuto del D.Lgs. 205/2010.

Vorrei capire se il mio ragionamento sia corretto. Ad es:
i PFU definiti come rifiuto con CER 160103, entrano nell'impianto di triturazione, quindi sono sottoposti ad operazione di recupero R11 (vedi nota allegato C:....R11= In mancanza di un altro codice R appropriato, puo' comprendere le operazioni preliminari precedenti al recupero, incluso il pretrattamento come, tra l'altro, la cernita, la frammentazione, la compattazione, la pellettizzazione, l'essiccazione, la triturazione, il condizionamento, il ricondizionamento, la separazione, il raggruppamento prima di una delle operazioni indicate da R 1 a R 11.).

Aquesto punto a norma del 184-ter comma 1, il ciabattato cessa di essere rifiuto in quanto è stato sottoposto a un’operazione di recupero e soddisfa i criteri specifici:
a) la sostanza o l’oggetto è comunemente utilizzato per scopi specifici;
b) esiste un mercato o una domanda per tale sostanza od oggetto;
c) la sostanza o l’oggetto soddisfa i requisiti tecnici per gli scopi specifici e rispetta la normativa e gli
standard esistenti applicabili ai prodotti;
d) l’utilizzo della sostanza o dell’oggetto non porterà a impatti complessivi negativi sull’ambiente o sulla
salute umana.

Qundi poichè in base al 184-ter comma 5, la disciplina in materia di gestione dei rifiuti si applica fino alla cessazione della qualifica di rifiuto, non essendo + classificato come rifiuto, il ciabattato viene escluso anche dalla normativa sul trasporto trasfrontaliero di rifiuti (1013/2006) e quindi x esportarli non c'è bisogno di compilare l'allegato VII.

Tutto ciò si apllica a tutti quei rifiuti che in un impianto vengono anche solo pressati in balle (perchè nella nota sull'R11 anche la sola compattazione è intesa come operazione di recupero).

TUTTO QUESTO RAGIONAMENTO è CORRETTO SECONDO VOI??

dEMETRIO
avatar
Demetrio
Membro della community

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 05.11.10

Tornare in alto Andare in basso


Re: D.Lgs. 205/2010: da rifiuto a sottoprodotto

Messaggio  cesoia il Ven Lug 15, 2011 8:54 am

riporto in alto la discussione, proprio per sottolineare la fumosità di questa ennesima italianata.

non ci sono canoni più o meno scientifici per definirlo ma solo valutazioni soggettive, non è chiaro il regime fiscale da applicare e si tende a fare confusione tra mps e sottoprodotto, categorie ben diverse.

buona giornata
avatar
cesoia
Utente Attivo

Messaggi : 94
Data d'iscrizione : 14.07.10

Tornare in alto Andare in basso

AGGIORNAMENTO

Messaggio  Demetrio il Mar Nov 29, 2011 4:10 pm

toni ha scritto:Il ciabbattato è e rimane un rifiuto non può configurarsi com MPS , se il PFU è sottoposto al solo trattamento di triturazione .
Come tale deve esser destinato alle operazioni di recupero di cui al D.M. 05/02/98 ss.mm.ii. - se colui che lo genera è in procedura semplificata , - certamente non R1 , in quanto non prevista , altrettanto in procedura ordinaria , qualora le attività di trattamento ed il prodotto in uscita siano previste in autorizzazione .
Attenzione all'esportazione di detto MPS o rifiuto , in quanto lo stesso Reg. CE 1013/2006ss.mm.ii. prevede la violazione dell'art. 260 d:lvo 152/2006ss.mm.ii. e l'attuale normativa attribuisce la compertenza per tale fattispecie alla D.I.A. ( Divisione investigativa antimafia ) , per cui in caso di contrasto interpretativo si hanno delle rogne!!!! saluti Toni


Trascorsi un paio di mesi dal topic, vorrei sapare a che punto è la situazione.
- il ciabattato rimane rifiuto e va spedito con All VII?
- esempio reale: ditta straniera (naturalmente non iscritta all'Albo Gestori) vuole acquistare il ciabattato da produttore italiano e destinarlo ad R1 in korea....
ora: 1)la ditta straniera si identifica come "intermediario"?;
2) la ditta straniera può essere quindi "la persona che organizza la spedizione"?
3) la ditta koreana sarà l'"importatore/destinatario"?
4) il vettore è la compagnia di trasporto navale ?
5) la ditta straniera deve avere un contratto di recupero con i koreani?
La procedura è questa o la ditta straniera deve essere iscritta all'Albo?
avatar
Demetrio
Membro della community

Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 05.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: D.Lgs. 205/2010: da rifiuto a sottoprodotto

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum