Ultimi argomenti
» alimenti esplosivi
Da tfrab Ieri alle 12:10 pm

» Bibliografia suggerita per esame ADR
Da karl1 Ieri alle 11:14 am

» Autista esterno con partita iva
Da Paolo UD Ieri alle 10:50 am

» Fanghi di perforazione con bentonite
Da matteorossi Mer Nov 22, 2017 1:28 pm

» Manufatti cemento - cer.
Da Aurora Brancia Mer Nov 22, 2017 12:56 pm

» Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina
Da Aurora Brancia Mer Nov 22, 2017 12:18 pm

» Codice CER acqua lavaggio betoniere calcestruzzo
Da Aurora Brancia Mar Nov 21, 2017 5:56 pm

» formulario o fattura di vendita?
Da Sciùr Colombo Mar Nov 21, 2017 5:54 pm

» Designazione ufficiale di trasporto per i rifiuti
Da homer Lun Nov 20, 2017 10:15 pm

» rifiuti contaminati da saliva
Da carla82 Lun Nov 20, 2017 2:37 pm


Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  Admin il Sab Mag 27, 2017 2:04 pm

Il Consiglio dei Ministri di ieri ha varato definitivamente il Dpr che, con 31 articoli e 10 allegati, riforma e bene la disciplina sulla gestione delle terre e rocce di scavo. Il decreto sarà presto pubblicato in Gazzetta ufficiale e dalla sua entrata in vigore saranno abrogati il Dm 161/2012 sulla gestione dei grandi cantieri; l'articolo 184-bis, comma 2-bis, Dlgs 152/2006 che ne chiarisce il campo di applicazione; gli articoli 41, comma 2 e 41-bis Dl 69/2013 (legge 98/2013) sui materiali di riporto e sulla gestione dei piccoli cantieri. Il nuovo Dpr attua la delega regolamentare concessa dal Parlamento al Governo con l'articolo 8 del Dl 133/2014 (legge 164/2014) e riscrive integralmente, semplificandola, una disciplina articolata e complessa.

Fonte: http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2017-05-19/rocce-e-terre-scavo-arriva-semplificazione-195635.shtml?uuid=AEnqmnPB
avatar
Admin
Amministratore

Messaggi : 6484
Data d'iscrizione : 13.01.10
Età : 44

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  Aurora Brancia il Dom Mag 28, 2017 1:51 am

tu mi consentirai di leggere prima il testo come esce sulla gazzetta (la strada tra palazzo chigi e la sede dell'IZPS ha effetti dislessici, talvolta...) e poi di esprimermi sul fatto se la riforma della disciplina delle TRS sia stata eseguita "bene". Vero ?
Wink

_________________
Ognuno di noi, da solo, non vale nulla.
avatar
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3639
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 64
Località : Napoli

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  Admin il Lun Mag 29, 2017 12:08 am

Aurora Brancia ha scritto:la strada tra palazzo chigi e la sede dell'IZPS ha effetti dislessici, talvolta...
Smile Smile Smile
Aurora Brancia ha scritto:e poi di esprimermi sul fatto se la riforma della disciplina delle TRS sia stata eseguita "bene". Vero ?
Ciò è molto saggio.
avatar
Admin
Amministratore

Messaggi : 6484
Data d'iscrizione : 13.01.10
Età : 44

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  matteorossi il Lun Mag 29, 2017 10:01 am

Aurora Brancia ha scritto:(la strada tra palazzo chigi e la sede dell'IZPS ha effetti dislessici, talvolta...)
[/color]

Da ingenuo quale sono. Esiste davvero la possibilità (se si, in base a quale procedura legislativa?) che vengano effettuate modifiche al testo uscito dal CdM prima della pubblicazione in GU?
avatar
matteorossi
Utente Attivo

Messaggi : 184
Data d'iscrizione : 28.08.15
Età : 42
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  isamonfroni il Lun Mag 29, 2017 10:57 am

Aurora Brancia ha scritto:la strada tra palazzo chigi e la sede dell'IZPS

Lo considero un lapsus più che Freudiano Razz Razz visto che quello è l'acronimo dell'Istituto Zooprofilattico...

Lo so che tu intendevi dire IPZS Wink Wink

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12408
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 60
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  Aurora Brancia il Lun Mag 29, 2017 11:00 pm

isamonfroni ha scritto:
Aurora Brancia ha scritto:la strada tra palazzo chigi e la sede dell'IZPS

Lo considero un lapsus più che Freudiano Razz Razz visto che quello è l'acronimo dell'Istituto Zooprofilattico...

Lo so che tu intendevi dire IPZS Wink Wink


 Smile  Smile  Smile esattamente
e anche molto "più che freudiano", come lapsus  Wink  

_________________
Ognuno di noi, da solo, non vale nulla.
avatar
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3639
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 64
Località : Napoli

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  PiazzaPulita il Lun Ago 07, 2017 10:01 pm

siamo alle solite ... il DPR recante il Regolamento ecceterea eccetera, in Gazzetta Ufficiale di oggi:

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2017-08-07&atto.codiceRedazionale=17G00135&elenco30giorni=false

in vigore dal 22 agosto... non ho parole
avatar
PiazzaPulita
Utente Attivo

Messaggi : 990
Data d'iscrizione : 30.11.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  Aurora Brancia il Mar Ago 08, 2017 12:01 pm

ALEEEEEE'!!!!

Contavo tantissimissimo sull'italica abitudine di pubblicare sempre durante i periodi di ferie generali le normative nuove e "sconvolgenti".
Vado di corsa a vedere che hanno creato...

Grazie mille, Piazza, di esserti sobbarcato tu sto spulciare metodico.

_________________
Ognuno di noi, da solo, non vale nulla.
avatar
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3639
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 64
Località : Napoli

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  Aurora Brancia il Mer Ago 09, 2017 10:55 am

sto solo all'art. 11, e già mi si sono rizzati i capelli sulla nuca almeno un paio di volte....
certo, riuscire a scrivere "per legge" nel 2017 in G.U. che i valori naturali di fondo se li deve cercare a spese proprie il proponente del riutilizzo in contraddittorio con le ARPA -che avrebbero dovuto pensarci istituzionalmente dal 2000- richiede una faccia con guanciotte molto, molto simili a glutei.
detta da signora, ovviamente.

_________________
Ognuno di noi, da solo, non vale nulla.
avatar
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3639
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 64
Località : Napoli

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  lore68 il Gio Ago 10, 2017 9:12 am

Aurora Brancia ha scritto:sto solo all'art. 11, e già mi si sono rizzati i capelli sulla nuca almeno un paio di volte....
certo, riuscire a scrivere "per legge" nel 2017 in G.U. che i valori naturali di fondo se li deve cercare a spese proprie il proponente del riutilizzo in contraddittorio con le ARPA -che avrebbero dovuto pensarci istituzionalmente dal 2000- richiede una faccia con guanciotte molto, molto simili a glutei.
detta da signora, ovviamente.

[premessa->non amo gli off-topic, ma quando è ora, ci vogliono anche quelli] in un paese che da almeno sei anni viene governato da individui il cui nome non lo si è mai sentito alle elezioni, un paese in cui il capo dell'agenzia della sicurezza idrogeologica (C.d. italiasicura) è un giornalista laureato in psicologia, il ministro dell'ambiente è un commercialista, quello della salute una ragioniera e quello dell'istruzione ha la terza media, le guanciotte simili ai glutei sono un puro e semplice dettaglio trascurabile
avatar
lore68
Membro della community

Messaggi : 29
Data d'iscrizione : 23.12.13
Età : 49
Località : pianeta terra, via lattea esterna, coordinate spaziotemporali assolute: ignote

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  isamonfroni il Gio Ago 10, 2017 9:59 am

lore68 ha scritto:
Aurora Brancia ha scritto:sto solo all'art. 11, e già mi si sono rizzati i capelli sulla nuca almeno un paio di volte....
certo, riuscire a scrivere "per legge" nel 2017 in G.U. che i valori naturali di fondo se li deve cercare a spese proprie il proponente del riutilizzo in contraddittorio con le ARPA -che avrebbero dovuto pensarci istituzionalmente dal 2000- richiede una faccia con guanciotte molto, molto simili a glutei.
detta da signora, ovviamente.

[premessa->non amo gli off-topic, ma quando è ora, ci vogliono anche quelli] in un paese che da almeno sei anni viene governato da individui il cui nome non lo si è mai sentito alle elezioni, un paese in cui il capo dell'agenzia della sicurezza idrogeologica (C.d. italiasicura) è un giornalista laureato in psicologia, il ministro dell'ambiente è un commercialista, quello della salute una ragioniera e quello dell'istruzione ha la terza media, le guanciotte simili ai glutei sono un puro e semplice dettaglio trascurabile

concordo con entrambi

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12408
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 60
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  euclione il Gio Ago 10, 2017 10:30 am

Aurora Brancia ha scritto:sto solo all'art. 11, e già mi si sono rizzati i capelli sulla nuca almeno un paio di volte....
certo, riuscire a scrivere "per legge" nel 2017 in G.U. che i valori naturali di fondo se li deve cercare a spese proprie il proponente del riutilizzo in contraddittorio con le ARPA -che avrebbero dovuto pensarci istituzionalmente dal 2000- richiede una faccia con guanciotte molto, molto simili a glutei.
detta da signora, ovviamente.

Assolutamente senza spirito polemico e con rispetto alle considerazioni di Aurora (io non ho capelli che possano rizzarsi), mi pongo la domanda del perchè debba essere a carico della collettività, e quindi a carico anche mio con le tasse che pago, il costo della determinazione dei valori di fondo di un terreno, effettuata esclusivamente per consentire eventuali operazioni di riutilizzo di interesse privatistico. Questa considerazione si applica a molte situazioni ambientali e potremmo parlarne in termini generali.
avatar
euclione
Utente Attivo

Messaggi : 154
Data d'iscrizione : 29.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  lucamarangon il Gio Ago 10, 2017 10:37 am

isamonfroni ha scritto:
lore68 ha scritto:
Aurora Brancia ha scritto:sto solo all'art. 11, e già mi si sono rizzati i capelli sulla nuca almeno un paio di volte....
certo, riuscire a scrivere "per legge" nel 2017 in G.U. che i valori naturali di fondo se li deve cercare a spese proprie il proponente del riutilizzo in contraddittorio con le ARPA -che avrebbero dovuto pensarci istituzionalmente dal 2000- richiede una faccia con guanciotte molto, molto simili a glutei.
detta da signora, ovviamente.

[premessa->non amo gli off-topic, ma quando è ora, ci vogliono anche quelli] in un paese che da almeno sei anni viene governato da individui il cui nome non lo si è mai sentito alle elezioni, un paese in cui il capo dell'agenzia della sicurezza idrogeologica (C.d. italiasicura) è un giornalista laureato in psicologia, il ministro dell'ambiente è un commercialista, quello della salute una ragioniera e quello dell'istruzione ha la terza media, le guanciotte simili ai glutei sono un puro e semplice dettaglio trascurabile

concordo con entrambi
Condivido il primo pensiero. Mentre per il secondo condivido solo il finale (abbiamo seri problemi di competenza e capacità della classe dirigenziale) le quali non sono legate, a mio avviso, in forma diretta con il titolo di studio (e se non ricordo male la ministra dell'istruzione ha un diploma riconosciuto come laurea e quella della salute ha fatto un liceo, non ragioneria). Il primo della fila in un ministero non deve essere necessariamente un tecnico ma avere il giusto vocabolario, saper comunicare e saper scegliere i collaboratori. Un politico promuove un'idea ma non è, credo, mai lui a scrivere letteralmente leggi e provvedimenti. Da quando voto (non sono moltissimi anni) ho visto un peggioramento ed un inaridimento della classe dirigente che, negli ultimi anni, ha perso anche il vocabolario. Resta il fatto che le persone che ci governano, direttamente o indirettamente, sono espressione della volontà del popolo italiano. E da quel che sento in giro, sono un buon campione rappresentativo dei peggiori difetti delle persone (egoismo, arrivismo, benaltrismo, colpadeglialtrismo).
Chiudo l'OT.
Devo ancora finire di leggere il regolamento. Poi sentirò qualche azienda coinvolta e vediamo che ne pensano. Spero solo che questo provvedimento, brutto o sbagliato che sia, duri più di un anno che, almeno in Veneto, abbiamo avuto 3 o 4 diverse modalità di gestione negli ultimi anni (e mi tocca aggiornare tutte le procedure per le 14001...  Crying or Very sad).
avatar
lucamarangon
Utente Attivo

Messaggi : 54
Data d'iscrizione : 23.09.13
Località : Salzano (VE)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  lore68 il Gio Ago 10, 2017 10:54 am

euclione ha scritto:
Aurora Brancia ha scritto:sto solo all'art. 11, e già mi si sono rizzati i capelli sulla nuca almeno un paio di volte....
certo, riuscire a scrivere "per legge" nel 2017 in G.U. che i valori naturali di fondo se li deve cercare a spese proprie il proponente del riutilizzo in contraddittorio con le ARPA -che avrebbero dovuto pensarci istituzionalmente dal 2000- richiede una faccia con guanciotte molto, molto simili a glutei.
detta da signora, ovviamente.

Assolutamente senza spirito polemico e con rispetto alle considerazioni di Aurora (io non ho capelli che possano rizzarsi), mi pongo la domanda del perchè debba essere a carico della collettività, e quindi a carico anche mio con le tasse che pago,  il costo della determinazione dei valori di fondo di un terreno, effettuata esclusivamente per consentire eventuali  operazioni di riutilizzo di interesse privatistico. Questa considerazione si applica a molte situazioni ambientali e potremmo parlarne in termini generali.  

il nocciolo della questione sta in due punti che si è possono riassumere nei seguenti.

1) Quando  si parla di valore di fondo del terreno non si parla di "valore di fondo" relativo a ciascun cantiere/opera di scavo/giardinetto privato come quello di casa tua/grande cantiere ecc., ma di media statistica riferibile ad una determinata area geografica, geologica, geochimica e sedimentologica. ESEMPIO In un'area di pianura alluvionale come quella del ferrarese i metalli pesanti potranno essere molto bassi perchè privi di mineralizzazioni che ospitano naturalmente tali elementi. In un'area prossima ad affioramenti di rocce plutoniche idrotermali come certe zone intorno a pergine valsugana oppure predazzo oppure prossime a province vulcaniche come capita ad esempio nei campi flegrei o nelle province laziali ci possono essere piombo, zinco, cromo ben oltre i livelli di legge per questioni puramente geomineralogiche.
E non è che tutti quelli che abitano nella pianura ferrarese debbano ogni volta analizzare il terreno per dimostrare quello che uno studio di largo respiro può dimostrare.

2) uno studio esteso a larghe zone di territorio (ma se si vuole essere onesti anche uno ristretto alla propria area di cantiere) è fuori delle possibilità del privato, che non può contare, come può avvenire  al contrario per un'ente istituzionale come l'Arpa, su strumenti come le convenzioni con gli istituti universitari di geologia e geochimica.


avatar
lore68
Membro della community

Messaggi : 29
Data d'iscrizione : 23.12.13
Età : 49
Località : pianeta terra, via lattea esterna, coordinate spaziotemporali assolute: ignote

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  Fafnir il Gio Ago 10, 2017 11:34 am

avatar
Fafnir
Utente Attivo

Messaggi : 63
Data d'iscrizione : 05.12.13
Età : 30
Località : Padova

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  euclione il Gio Ago 10, 2017 11:43 am

Per Lore68. Hai scritto: "uno studio esteso a larghe zone di territorio (ma se si vuole essere onesti anche uno ristretto alla propria area di cantiere) è fuori delle possibilità del privato, che non può contare, come può avvenire  al contrario per un'ente istituzionale come l'Arpa, su strumenti come le convenzioni con gli istituti universitari di geologia e geochimica."

Questo ragionamento non mi convince. Sostanzialmente sostieni che se una cosa che interessa un privato costa troppo per essere sostenuta dall'interessato deve intervenire la fiscalità generale, cioè devo pagarla io. Non mi convince. Allargo il discorso: se la misurazione dei valori di fondo fosse di interesse generale, Governo/Regione/Provincia dovrebbero valutarne i costi e stanziare quanto necessario, rispettando ovviamente le priorità che sono tante. Anche in questa ipotesi, che resta tutta da dimostrare, campa cavallo. Quanto alle convenzioni con gli istituti universitari, volendo potrebbe farle anche la rappresentanza delle imprese attiva sul territorio, per esempio Confindustria Emilia Romagna. Il principio "tu paghi io guadagno" odora di stantio e dovremmo poterlo superare.
avatar
euclione
Utente Attivo

Messaggi : 154
Data d'iscrizione : 29.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  Aurora Brancia il Gio Ago 10, 2017 12:01 pm

mi accodo, nel complesso, a quanto rilevate.
E vi informo che ho terminato la prima "lettura" (dell'articolato, peraltro, e parti salienti degli allegati).
Non so voi, ma io ormai da anni mi sono piegata a libretto che una legge vada letta ben più di una volta, se si intende conoscerla per bene, unica eccezione in Italia la costituzione che ha articoli brevi, netti e chiari (almeno nella sua versione originale, già nel 2001 un pochetto di casino l'hanno combinato) e quindi, oltre il già citato problema tecnico della definizione dei VF, che ricordiamo da art. 240 potere essere sia naturali che antropici, ne avevo già trovato anche uno che, a me, pare macroscopicamente una gran fesseria, e che è proprio all'inizio, art. 4 c.3, dove si parla (ancora !!!) del rispetto del test di cessione.
Come prima cosa, sottolineo che almeno stavolta il "test di cessione ex DM 5 febbraio 1998"  è limitato alla sola matrice "materiali di riporto", che è già molto meglio che non sull'intero terreno.
Ma a me resta, senza ombra di dubbio, la domanda: ma chi l'ha detto che il rispetto del test di cessione sia in sè protettivo della falda sottostante ???

Fosse solo perchè nel 1998 eravamo prima anche persino del 471/99 e quindi di CSR non ne ne parlava del tutto, normativamente discutendo, ma - di grazia - qualcuno se l'è mai fatta una comparazione tra tutti questi "valori limite" ma anche concentrazioni di soglia delle acque?

E no, perchè io me la so' fatta, e da tempo, e ci sono cose che gridano vendetta al cielo non saprei se più a quello della logica o più a quello dell'aritmetica, e vi porto un esempio per tutti: il limite per la cessione di rame è di 50 μg/L, la csc per il rame nella tab. 2 del 152  E PERSINO PER LE ACQUE POTABILI è di 1000 μg/L.  Ma di che parliamo, e su che base ?

Ne viene di conseguenza, dunque, che in art. 26, relativamente al riutilizzo in situ di TRS da bonifica, io mi ritrovi a leggere una enormità scientifico-giuridica come quella della letterilla b) del commillo 2:

DPR 120/17, art.26 c.2 .b) ha scritto:b) qualora ai fini del calcolo delle concentrazioni soglia di rischio non sia stato preso in considerazione il percorso di lisciviazione in falda, l’utilizzo delle terre e rocce da scavo è consentito solo nel rispetto delle condizioni e delle limitazioni d’uso indicate all’atto dell’approvazione dell’analisi di rischio da parte dell’autorità competente



Neh, per cortesia ma anche per mia scienza, ma senza il percorso di lisciviazione dei contaminanti in falda posso capire COME abbiano fatto ad approvare un'AdR ????

Se volete, vi terrò aggiornati sulle mie eventuali (quasi sicure) ulteriori chiose su questo decreto, che come sempre denota il voler contemperare degli "opposti equilibri" denegando in un articolo di legge ciò che è invece prescritto in un altro articolo di qualche altra legge.

Disse Nicholas Ray, tantissimi anni fa, di non sapere quale fosse la strada del successo, ma era convinto che la strada dell'insuccesso sicuro fosse quella di voler piacere a tutti.

_________________
Ognuno di noi, da solo, non vale nulla.
avatar
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3639
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 64
Località : Napoli

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  lore68 il Gio Ago 10, 2017 12:12 pm

euclione ha scritto:Per Lore68. Hai scritto: "uno studio esteso a larghe zone di territorio (ma se si vuole essere onesti anche uno ristretto alla propria area di cantiere) è fuori delle possibilità del privato, che non può contare, come può avvenire  al contrario per un'ente istituzionale come l'Arpa, su strumenti come le convenzioni con gli istituti universitari di geologia e geochimica."

Questo ragionamento non mi convince. Sostanzialmente sostieni che se una cosa che interessa un privato costa troppo per essere sostenuta dall'interessato deve intervenire la fiscalità generale, cioè devo pagarla io. Non mi convince.  Allargo il discorso: se la misurazione dei valori di fondo fosse di interesse generale, Governo/Regione/Provincia dovrebbero valutarne i costi e stanziare quanto necessario, rispettando ovviamente le priorità che  sono tante. Anche in questa ipotesi, che resta tutta da dimostrare, campa cavallo. Quanto alle convenzioni con gli istituti universitari, volendo potrebbe farle anche la rappresentanza delle imprese attiva sul territorio, per esempio Confindustria Emilia Romagna. Il principio "tu paghi io guadagno" odora di stantio e dovremmo poterlo superare.


Qualcosa mi dice che forse non hai ben chiaro cosa significhi "valore di fondo".
Hai idea della complessità scientifica che implica uno studio di questo tipo? forse non ti rendi conto che questi che fai sono discorsi da bancone del bar, x favore....
non basta mica far analizzare due campioni di cui uno di bianco ! ! ! !


Ultima modifica di lore68 il Gio Ago 10, 2017 12:21 pm, modificato 2 volte
avatar
lore68
Membro della community

Messaggi : 29
Data d'iscrizione : 23.12.13
Età : 49
Località : pianeta terra, via lattea esterna, coordinate spaziotemporali assolute: ignote

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  Aurora Brancia il Gio Ago 10, 2017 12:14 pm

ecco, io esattamente una cosa come questa intendevo !!!!

e  Ok grazie infinite per il link, Fafnir: pubblicazione illuminante già salvata nella cartella "TU amb" del mio PC.

P.S.: magari, ne discutiamo di dettaglio in altre sedi

_________________
Ognuno di noi, da solo, non vale nulla.
avatar
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3639
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 64
Località : Napoli

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  lore68 il Gio Ago 10, 2017 12:19 pm

Aurora Brancia ha scritto:
ecco, io esattamente una cosa come questa intendevo !!!!

e  Ok grazie infinite per il link, Fafnir: pubblicazione illuminante già salvata nella cartella "TU amb" del mio PC.

P.S.: magari, ne discutiamo di dettaglio in altre sedi

appunto..... e basta solo sfogliare le prime pagine per far capire come l'approccio metodologico per arrivare a risultati che abbiano significato sia al di fuori della portata del singolo
avatar
lore68
Membro della community

Messaggi : 29
Data d'iscrizione : 23.12.13
Età : 49
Località : pianeta terra, via lattea esterna, coordinate spaziotemporali assolute: ignote

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  Fafnir il Gio Ago 10, 2017 12:26 pm

Aurora Brancia ha scritto:
ecco, io esattamente una cosa come questa intendevo !!!!

e  Ok grazie infinite per il link, Fafnir: pubblicazione illuminante già salvata nella cartella "TU amb" del mio PC.

P.S.: magari, ne discutiamo di dettaglio in altre sedi

Mi sento molto soddisfatto di ARPA veneto e in generale di parecchie iniziative tecnico-scientifiche della regione, sfortunatamente sembra essere solo un' isola felice e come sempre in Italia le cose belle vengono fuori dalle iniziative dei singoli e non in modo sistematico....
Un lavoro simile è stato fatto anche per i fanghi da depurazione e per i sedimenti della laguna.
avatar
Fafnir
Utente Attivo

Messaggi : 63
Data d'iscrizione : 05.12.13
Età : 30
Località : Padova

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  euclione il Gio Ago 10, 2017 2:51 pm

lore68 ha scritto:
euclione ha scritto:Per Lore68. Hai scritto: "uno studio esteso a larghe zone di territorio (ma se si vuole essere onesti anche uno ristretto alla propria area di cantiere) è fuori delle possibilità del privato, che non può contare, come può avvenire  al contrario per un'ente istituzionale come l'Arpa, su strumenti come le convenzioni con gli istituti universitari di geologia e geochimica."

Questo ragionamento non mi convince. Sostanzialmente sostieni che se una cosa che interessa un privato costa troppo per essere sostenuta dall'interessato deve intervenire la fiscalità generale, cioè devo pagarla io. Non mi convince.  Allargo il discorso: se la misurazione dei valori di fondo fosse di interesse generale, Governo/Regione/Provincia dovrebbero valutarne i costi e stanziare quanto necessario, rispettando ovviamente le priorità che  sono tante. Anche in questa ipotesi, che resta tutta da dimostrare, campa cavallo. Quanto alle convenzioni con gli istituti universitari, volendo potrebbe farle anche la rappresentanza delle imprese attiva sul territorio, per esempio Confindustria Emilia Romagna. Il principio "tu paghi io guadagno" odora di stantio e dovremmo poterlo superare.
Qualcosa mi dice che forse non hai ben chiaro cosa significhi "valore di fondo".
Hai idea della complessità scientifica che implica uno studio di questo tipo? forse non ti rendi conto che questi che fai sono discorsi da bancone del bar, x favore....
non basta mica far analizzare due campioni di cui uno di bianco ! ! ! !

Faccio ammenda se ho fatto discorsi qualunquistici e comunque conosco la complessità della valutazione dei valori di fondo. Rimango però convinto che, almeno fintanto che l'utilizzo di una terra di scavo non è nè un diritto costituzionale nè tanto meno un obbligo di legge, i costi li debba sostenere chi intende trarne un vantaggio e non io, tanti o pochi che siano e a maggior ragione se sono elevati. La terra scavata si può sempre mandare in discarica. E poi, scusate, con lo stesso principio potrei pretendere che VIA ed AIA siano pagate dall'Amministrazione perchè troppo costose. Mi sarei se mai aspettato argomenti ambientalisti, del tipo: se non posso utilizzarli danneggio l'ambiente, perchè devo smaltirli (e pagare la discarica) e procurarmi terre vergini da una cava (e pagare la cava). Discarica e cava (che spesso coincidono) non sono propriamente il massimo dal punto di vista ecologico. Sono argomenti che ho usato anch'io e su questo sarebbe ragionevole discutere, ma non sull'entità del costo. Per favore.

avatar
euclione
Utente Attivo

Messaggi : 154
Data d'iscrizione : 29.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  Aurora Brancia il Gio Ago 10, 2017 5:22 pm

euclione ha scritto:
Faccio ammenda se ho fatto discorsi qualunquistici e comunque conosco la complessità della valutazione dei valori di fondo. Rimango però convinto che, almeno fintanto che l'utilizzo di una terra di scavo non è nè un diritto costituzionale nè tanto meno un obbligo di legge, i costi li debba sostenere chi intende trarne un vantaggio e non io, tanti o pochi che siano e a maggior ragione se sono elevati. La terra scavata si può sempre mandare in discarica. E poi, scusate, con lo stesso principio potrei pretendere  che VIA ed AIA siano pagate dall'Amministrazione perchè troppo costose.  Mi sarei se mai aspettato argomenti ambientalisti, del tipo: se non posso utilizzarli danneggio l'ambiente, perchè devo smaltirli (e pagare la discarica) e procurarmi terre vergini da una  cava (e pagare la cava). Discarica e cava (che spesso coincidono) non sono propriamente il massimo dal punto di vista ecologico.  Sono argomenti che ho usato anch'io e su questo sarebbe  ragionevole discutere, ma non sull'entità del costo. Per favore.


Ok, e allora, per favore sempre,  su questo ti rispondo io.
prima degli art. da 183 a seguire c'è l'art. 179 che detta la gerarchia della gestione rifiuti, e mandare del terreno in una discarica, per quanto per inerti, è davvero conto ogni logica ambientale possibile: e persino considerarla un rifiuto da recuperare ai fini del c.d. "rimodellamento paesaggistico" delle cave esaurite, ottenibile anche con inerti da demolizione non altrimenti nè più fruttuosamente recuperabili come materia, altrettanto se non peggio: è difficile far crescere il grano sulle scarde di mattonella o di igienici o di mattoni forati...

Ma, a parte questo che secondo me non è poco, la assoluta necessità che siano le istituzioni pubbliche a dovere attestare i VF dei territori di pertinenza deriva dall'avere - noi e solo noi italioti in tutta la UE - un Titolo V nella Parte Quarta, dove per decidere se spendere o meno soldi - pubblici o privati che siano - di "bonifica" occorre innanzi tutto sapere DA PRIMA se un certo elemento naturale ci sta perchè ce l'ha messo il Grande Geologo o ci è finito perchè non sempre e non tutti conoscono le leggi, e taluni pur conoscendole se ne straf...regano.
E qui andremmo - come discussione - sulla differenza non infima ma significativa nel merito dei VFA, dove A sta per antropici, che possono differire anche non di poco dai VFN, o naturali.

Se a tutto questo aggiungi che abbiamo ancora (spero in una prossima e felice abrogazione) un art. 241 che prevede la fissazione di valori di concentrazioni di soglia ammesse per la destinazione agricola dei terreni stessi, e che la conoscenza del territorio è motivo di predisporre delle VAS con un senso davvero di tutela ambientale locale e localizzata, forse sul fatto che i VF si dovessero stabilire a cura delle arpa sin dal 1999 una ratio legis ce la trovi pure tu.

_________________
Ognuno di noi, da solo, non vale nulla.
avatar
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3639
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 64
Località : Napoli

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  matteorossi il Gio Set 28, 2017 11:14 am

DPR 120/2017 Terre e Rocce da Scavo

Capo II - Terre e rocce da scavo prodotte in cantieri di grandi dimensioni

art.9
"1. Il piano di utilizzo delle terre e rocce da scavo, redatto in conformità alle disposizioni di cui all’allegato 5, è trasmesso dal proponente all’autorità competente e all’Agenzia di protezione ambientale territorialmente competente, per via telematica, almeno novanta giorni prima dell’inizio dei lavori. Nel caso in cui l’opera sia oggetto di una procedura di valutazione di impatto ambientale o di autorizzazione integrata ambientale ai sensi della normativa vigente, la trasmissione del piano di utilizzo avviene prima della conclusione del procedimento"

Trattandosi di cantieri di grandi dimensioni, così come definiti nell'art.2, non è pleonastico?

4. "Decorsi novanta giorni dalla presentazione del piano di utilizzo ovvero dalla eventuale integrazione dello stesso ai sensi del comma 3, il proponente, a condizione che siano rispettati i requisiti indicati nell’articolo 4, avvia la gestione delle terre e rocce da scavo nel rispetto del piano di utilizzo, fermi restando gli eventuali altri obblighi previsti dalla normativa vigente per la realizzazione dell’opera."

Trattandosi di opere in procedimenti di VIA, non è sempre e comunque necessario il parere di compatibilità ambientale prima di avviare i lavori? In che casi quindi ci si potrebbe avvalere della novità del silenzio-assenso trascorsi i 90 gg?
avatar
matteorossi
Utente Attivo

Messaggi : 184
Data d'iscrizione : 28.08.15
Età : 42
Località : Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  Aurora Brancia il Ven Set 29, 2017 3:46 am

nei casi in cui si ricordino che, quando hanno tutto quello che hanno chiesto -e che la legge prevede- a disposizione, una procedura di VIA sempre in 60 gg dovrebbe concludersi.
Dando un'occhiata alla recente novellazione della L. 241/90 è detto proprio facile facile.
Comunque, un grande cantiere non è mica detto sia sempre assoggettato nè assoggettabile a VIA.

_________________
Ognuno di noi, da solo, non vale nulla.
avatar
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3639
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 64
Località : Napoli

Tornare in alto Andare in basso

Re: Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum