Ultimi argomenti
» alimenti esplosivi
Da tfrab Ieri alle 12:10 pm

» Bibliografia suggerita per esame ADR
Da karl1 Ieri alle 11:14 am

» Autista esterno con partita iva
Da Paolo UD Ieri alle 10:50 am

» Fanghi di perforazione con bentonite
Da matteorossi Mer Nov 22, 2017 1:28 pm

» Manufatti cemento - cer.
Da Aurora Brancia Mer Nov 22, 2017 12:56 pm

» Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina
Da Aurora Brancia Mer Nov 22, 2017 12:18 pm

» Codice CER acqua lavaggio betoniere calcestruzzo
Da Aurora Brancia Mar Nov 21, 2017 5:56 pm

» formulario o fattura di vendita?
Da Sciùr Colombo Mar Nov 21, 2017 5:54 pm

» Designazione ufficiale di trasporto per i rifiuti
Da homer Lun Nov 20, 2017 10:15 pm

» rifiuti contaminati da saliva
Da carla82 Lun Nov 20, 2017 2:37 pm


cooperativa recupero "scarti verdi", cosa devo fare?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

cooperativa recupero "scarti verdi", cosa devo fare?

Messaggio  osammot il Mar Apr 05, 2016 12:56 pm

Ciao a tutti,
Con alcuni amici abbiamo dato vita ad una cooperativa che vorrebbe operare creando una filiera di recupero degli scarti verdi e di substrato colturale/terra derivanti dalla produzione vivaistica ed agricola per il successivo reimpiego, dopo un trattamento di sola riduzione volumetrica e di vagliatura delle diverse componenti, nella stessa filiera produttiva, o comunque nel comparto agricolo. L'attività rientra (o dovrebbe rientrare a mio avviso) nel recupero dei “sottoprodotti” 184 bis D.lgs 152/2006.
Il nostro tecnico ha detto che per lo svolgimento di tale attività nell'area da noi individuata (un deposito, con destinazione urbanistica Artigianale/industriale, costituito da un piazzale completamente asfaltato, dotato di un container ufficio con servizi igienici e dell’impianto antincendio eventualmente da rimettere in funzione, se necessario per un area complessiva di circa 8000 mq.) è sufficiente la presentazione di una Autorizzazione Unica Ambientale per le emissioni ai sensi dall'art. 272 Dlgs 152/2006 sugli impianti in deroga e per l'acustica, cosa che abbiamo fatto tre mesi fa senza avere ancora risposta dalla P.A.
Vorrei chiedervi se:
1) E' vero che è sufficiente una Autorizzazione Unica Ambientale?
2) Sono necessari altri adempimenti?
3) può operare il silenzio assenso in merito all'Autorizzazione Unica Ambientale?
4) in caso venisse indetta una Conferenza di Servizi cosa potrebbe succedere?

Son tre mesi che aspettiamo, senza avere alcuna risposta, e spesso i tecnici esprimono parer "incerti", incominciamo a perdere ogni speranza..........
Vi ringrazio per il vostro aiuto.
Tom.
avatar
osammot
Nuovo Utente

Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 05.04.16

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum