Ultimi argomenti
» apparecchiature: tipologia 5.16 o 5.19
Da urgada Ven Mar 27, 2020 1:28 pm

» ... e le altre scadenze di fine aprile 2020?
Da cescal64 Gio Mar 26, 2020 6:54 pm

» Certificati formazione ADR e controlli cisterne e e veicoli
Da benassaisergio Gio Mar 26, 2020 3:37 pm

» DPI e Coronavirus
Da lotus1 Gio Mar 26, 2020 2:04 pm

» MUD - Domanda da Newbie
Da isamonfroni Gio Mar 26, 2020 12:40 pm

» Relazione ADR: rinvio termine per COVID-19 D. Legge 17 marzo 2020 n. 18
Da Enrico Mer Mar 25, 2020 1:01 pm

» MUD 2020 Ospedali e ASL
Da sarabai Mer Mar 18, 2020 11:32 am

» Emissioni in atmosfera ed AUA
Da achab76 Lun Mar 16, 2020 5:12 pm

» Classificazione Kit elementi in plastica
Da Aurora Brancia Lun Mar 09, 2020 11:13 am

» Registro di carico e scarico-soggetti non obbligati
Da x-alessandra Ven Mar 06, 2020 6:15 pm


Rifiuti di laboratorio incogniti

Andare in basso

Rifiuti di laboratorio incogniti Empty Rifiuti di laboratorio incogniti

Messaggio  geopino il Mar Ott 13, 2015 11:22 am

Buongiorno, vorrei sapere quali possono esseree le procedure per la classificazione/caratterizzazione di sostanze chimiche di laboratorio incognite.
grazie
geopino
geopino
Nuovo Utente

Messaggi : 3
Data d'iscrizione : 12.10.15

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di laboratorio incogniti Empty Re: Rifiuti di laboratorio incogniti

Messaggio  tfrab il Mar Ott 13, 2015 11:49 am

è un discorso molto complesso, che non può esaurirsi in poche righe sul forum.

puoi provare a farti un'idea partendo dalla legge 116 del 2014 e dal regolamento europeo 1357/2014, oltre ovviamente al 152/2006
tfrab
tfrab
Utente Attivo

Messaggi : 460
Data d'iscrizione : 14.09.11
Età : 46
Località : Centro Italia

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di laboratorio incogniti Empty Re: Rifiuti di laboratorio incogniti

Messaggio  Aurora Brancia il Mar Ott 13, 2015 1:40 pm

Tecnicamente, le "sostanze chimiche di laboratorio" non possono mai essere "incognite": perchè gestire ed a maggior ragione dirigere un laboratorio di analisi è pertinenza specifica di qualcuno che sa esattamente cosa sta usando e perchè per ottenere cosa.
Certo, se ci va a fare la classificazione/caratterizzazione uno che di analisi non capisce nulla ma nulla e di normativa nemmenoed anzi men che meno, comprendo possa accadere; ma in casi simili l'errore/problema è a monte: in chi l'ha chiamato.


_________________
sto ancora cercando un aforisma che mi identifichi senza confondimenti indesiderati, ma non c'è.
Aurora Brancia
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3817
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 67
Località : Napoli

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di laboratorio incogniti Empty Re: Rifiuti di laboratorio incogniti

Messaggio  homer il Mar Ott 13, 2015 2:09 pm

... teoricamente
avendo bonificato laboratori dismessi (a volte da decenni) molte volte e ancora, capita, posso solo dirti che ci vuole esperienza, molta, non solo per una accettabile conformità normativa, ma per prevenire incidenti anche piuttosto seri
homer
homer
Utente Attivo

Messaggi : 709
Data d'iscrizione : 24.07.10

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di laboratorio incogniti Empty Re: Rifiuti di laboratorio incogniti

Messaggio  Aurora Brancia il Mar Ott 13, 2015 5:00 pm

homer ha scritto:... teoricamente
avendo bonificato laboratori dismessi (a volte da decenni) molte volte e ancora, capita, posso solo dirti che ci vuole esperienza, molta, non solo per una accettabile conformità normativa, ma per prevenire   incidenti anche piuttosto seri
ehi homer Smile,  un momento: il quesito posto verteva su "le procedure per la  classificazione/ caratterizzazione di sostanze chimiche di laboratorio incognite".
Quindi io ho risposto per la classificazione e caratterizzazione di un laboratorio attivo e funzionante, e funzionante anche secondo le buone regole di laboratorio

Quello che si può rinvenire in un laboratorio dismesso di cui nessuno di rintracciabile abbia più tracce mnemoniche, è tutto un altro discorso. E non c'è sempre da fidarsi sulla cara, vecchia, buona abitudine dei laboratoristi a dare l'incarico, francamente un po' noioso, ai neo-praticanti di scrivere in bella grafia su un'etichetta il contenuto del flacone/bottiglia, perchè a volte senza specifiche istruzioni lo facevano con l'inchiostro di china che è fotolabile, e corrosivo per alcuni tipi di carta...
Essendo io una diversamente giovane, ricordo bene l'insegnamento: mi raccomando, scrivete sempre il nome o in alternativa formula e concentrazione, e con una mina di grafite originale, a spessore nella larghezza del carattere in modo che non si cancelli mai del tutto, oppure anche con un pastello a cera di colore contrastante ma sulla parte non cilindrica della bottiglia, altrimenti lo strofinio nello scaffale tra i contenitori abrade tutto...
perchè, appunto, ne succedevano eccome, di guai.

_________________
sto ancora cercando un aforisma che mi identifichi senza confondimenti indesiderati, ma non c'è.
Aurora Brancia
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3817
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 67
Località : Napoli

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di laboratorio incogniti Empty Re: Rifiuti di laboratorio incogniti

Messaggio  gianfranco bardella il Mer Ott 14, 2015 9:40 am

per fortuna o, meglio, purtroppo, negli ultimi ventanni quelle poche volte che ho dovuto affrontare
lo smaltimento di "reagenti da laboratorio" se non perfettamente identificati, conoscendo i miei limiti, ho sempre coinvolto un responsabile del laboratorio chimico di fiducia incaricandolo, ovviamente a pagamento, di identificare al meglio il materiale interessato; non mi ritengo un tuttologo e, soprattutto, non scherzo col fuoco, quindi, preferisco adottare il detto milanese "ofelè fa el to mesté".
gianfranco bardella
gianfranco bardella
Utente Attivo

Messaggi : 270
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 69
Località : provincia milano

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di laboratorio incogniti Empty Re: Rifiuti di laboratorio incogniti

Messaggio  Aurora Brancia il Mer Ott 14, 2015 11:04 am

Ok

_________________
sto ancora cercando un aforisma che mi identifichi senza confondimenti indesiderati, ma non c'è.
Aurora Brancia
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3817
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 67
Località : Napoli

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di laboratorio incogniti Empty Re: Rifiuti di laboratorio incogniti

Messaggio  geopino il Ven Ott 23, 2015 8:19 am

secondo un precetto kantiano "non esiste risposta corretta a domanda scorretta", effettivamenti si tratta di un laboratorio dismesso da tempo dove sono presenti alcuni rifiuti chimici in contenitori che hanno perso l'etichetta o non è più leggibile.
comunque grazie homer che nonostante tutto sei stato diplomatico.
geopino
geopino
Nuovo Utente

Messaggi : 3
Data d'iscrizione : 12.10.15

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di laboratorio incogniti Empty Re: Rifiuti di laboratorio incogniti

Messaggio  fabio65 il Ven Ott 23, 2015 1:14 pm

Scusate la mia osservazione ovvia, ma un bel 160506* non è utilizzabile per risolvere il problema ??
fabio65
fabio65
Utente Attivo

Messaggi : 231
Data d'iscrizione : 22.10.10
Località : profondo sud

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di laboratorio incogniti Empty Re: Rifiuti di laboratorio incogniti

Messaggio  geopino il Ven Ott 23, 2015 1:28 pm

è quello che pensavo di fare, ma volevo chiedere qualche considerazione di più. Grazie mille
geopino
geopino
Nuovo Utente

Messaggi : 3
Data d'iscrizione : 12.10.15

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di laboratorio incogniti Empty Re: Rifiuti di laboratorio incogniti

Messaggio  homer il Ven Ott 23, 2015 1:36 pm

il problema non credo sia il codice (e comunque la famiglia 16 dovrebbe essere residuale), ma identificare le sostanze o almeno la classe (acidi, solventi etc), la compatibilità chimica, le caratteristiche di pericolo, l'adr.......................
homer
homer
Utente Attivo

Messaggi : 709
Data d'iscrizione : 24.07.10

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di laboratorio incogniti Empty Re: Rifiuti di laboratorio incogniti

Messaggio  tfrab il Ven Ott 23, 2015 1:42 pm

homer ha scritto:il problema non credo sia il codice (e comunque la famiglia 16 dovrebbe essere residuale), ma identificare le sostanze o almeno la classe (acidi, solventi etc), la compatibilità chimica, le caratteristiche di pericolo, l'adr.......................

l'ADR è un problema serio. in teoria se hai un fustino con 10 o 20 sostanze chimiche dovresti metterle tutte in lista sul documento, ed etichettare il fusto di conseguenza... (salvo le esenzioni, ovviamente)
tfrab
tfrab
Utente Attivo

Messaggi : 460
Data d'iscrizione : 14.09.11
Età : 46
Località : Centro Italia

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di laboratorio incogniti Empty Re: Rifiuti di laboratorio incogniti

Messaggio  homer il Ven Ott 23, 2015 2:09 pm

esatto tfrab. In genere si fanno delle "semplificazioni" accorpando per famiglia di rischio e dando una classificazione ADR "media" anche conservativa, ma NON è ciò che richiede la norma, la cui applicazione puntuale avrebbe però costi sproporzionati e sostenibili da pochi.
homer
homer
Utente Attivo

Messaggi : 709
Data d'iscrizione : 24.07.10

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di laboratorio incogniti Empty Re: Rifiuti di laboratorio incogniti

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum