Ultimi argomenti
» Proposta di emendamento al DL semplificazioni: registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti
Da fabiodafirenze Gio Lug 18, 2019 1:02 pm

» Produttore rifiuti pile e batterie?
Da Admin Gio Lug 18, 2019 11:01 am

» Decreto "sblocca cantieri" ed impianti in ordinaria
Da Aurora Brancia Gio Lug 18, 2019 1:08 am

» Nuove delibere dell'Albo sul RT
Da Admin Mer Lug 17, 2019 4:41 pm

» Registro presso Associazioni
Da luanap Mar Lug 16, 2019 12:21 pm

» Quegli antipaticissimi "Filtri del gasolio"
Da Giso Lun Lug 15, 2019 11:15 am

» Come riciclare cd e dvd
Da isamonfroni Lun Lug 15, 2019 10:51 am

» Dubbio su registro carico/scarico rifiuti
Da Admin Dom Lug 14, 2019 7:59 pm

» marcatura ed etichettatura colli
Da Aurora Brancia Sab Lug 13, 2019 4:55 pm

» Doppio registro C/S
Da magonero Mar Lug 09, 2019 7:38 pm


Rifiuti di manutenzione delle infrastrutture

Andare in basso

Rifiuti di manutenzione delle infrastrutture Empty Rifiuti di manutenzione delle infrastrutture

Messaggio  Irde il Mar Set 08, 2015 4:07 pm

Buongiorno a tutti, ho delle perplessità sull'interpretazione del rifiuto prodotto da attività manutentive, sbirciando sul blog non ho avuto purtroppo chiarimenti in merito, vorrei un confronto sulla questione soprattutto a livello pratico.
In particolare secondo l'art. 230 del D.Lgs 152/06 il luogo di produzione del rifiuto da manutenzione di infrastrutture può essere fatto coincidere:
- con il cantiere stesso
- con la sede locale del gestore dell’infrastruttura
- un punto di concentramento in attesa di valutazione tecnica del possibile rifiuto, in cui si hanno 60 giorni post conclusione dell'opera per effettuare questa valutazione.
Nel caso in cui si decida di far coincidere come produzione del rifiuto la sede del gestore, e quindi registrare i rifiuti sul registro di carico scarico della sede come prodotti "fuori dall'unità locale", è anche possibile accumulare il rifiuto nel deposito temporaneo della sede del gestore giusto?
Se invece la sede del gestore è lontana rispetto ai vari cantieri, il gestore può accumulare il rifiuto nel deposito temporaneo di una sua unità locale più vicina alla zona del/dei cantieri?
Nel caso in cui invece il gestore fornisca un punto di stoccaggio, questo deposito dovrà essere autorizzato come D15 o R13 oppure può creare un “luogo di concentramento” come descritto nell'art. 230 e quindi non dover richiedere autorizzazione?

Spero di essere stata abbastanza chiara nell’esporvi la questione e di averla scritta nel "luogo" giusto. Smile
Aspetto i vostri commenti per discutere meglio sull’argomento.
Grazie anticipatamente!
Irde
Irde
Membro della community

Messaggi : 14
Data d'iscrizione : 13.12.13

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di manutenzione delle infrastrutture Empty Re: Rifiuti di manutenzione delle infrastrutture

Messaggio  paopao il Gio Set 10, 2015 12:55 pm

"Nel caso in cui si decida di far coincidere come produzione del rifiuto la sede del gestore, e quindi registrare i rifiuti sul registro di carico scarico della sede come prodotti "fuori dall'unità locale", è anche possibile accumulare il rifiuto nel deposito temporaneo della sede del gestore giusto? "

ciao io posso rispondere solo a questa domanda : si , ma non vanno indicati come prodotti fuori dall'unità locale. In pratica porti i prodotti dell'attività di manutenzione presso la tua sede di gestore, e lì fai una cernita e decidi di smaltirli come rifiuto, quindi li accumuli nella tua sede e risultano prodotti in sede.
Almeno questo è ciò che cia ha indicato il consulente.

paopao
paopao
Utente Attivo

Messaggi : 88
Data d'iscrizione : 31.01.11

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di manutenzione delle infrastrutture Empty Re: Rifiuti di manutenzione delle infrastrutture

Messaggio  cirillo il Gio Set 10, 2015 2:11 pm

paopao ha scritto:...In pratica porti i prodotti dell'attività di manutenzione presso la tua sede di gestore, e lì fai una cernita e decidi di smaltirli come rifiuto, quindi li accumuli nella tua sede e risultano prodotti in sede.
Almeno questo è ciò che cia ha indicato il consulente.
Si, se sei "il gestore" dell'infrastruttura e non un'impresa appaltatrice.
Se invece, sei l'impresa appaltatrice e, se ti riferisci all'art. 230 del 152/2006, è opportuno:
1) che tale modalità operativa sia prevista già nel bando di gara e, successivamente, ripresa nel contratto d'appalto;
2) tener ben ben presente pure il commillo 2 dell'art. 230 (cosa che non tutti fanno).

_________________
si deficit fenum accipe stramen Rifiuti di manutenzione delle infrastrutture Musik710
cirillo
cirillo
Moderatore

Messaggi : 7373
Data d'iscrizione : 24.05.11
Età : 63
Località : veneto

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di manutenzione delle infrastrutture Empty Re: Rifiuti di manutenzione delle infrastrutture

Messaggio  Irde il Lun Set 14, 2015 10:08 am

Grazie per le vs risposte, i miei dubbi restano ma spero che qualcun'altro possa intervenire e dire la sua.
Irde
Irde
Membro della community

Messaggi : 14
Data d'iscrizione : 13.12.13

Torna in alto Andare in basso

Rifiuti di manutenzione delle infrastrutture Empty Re: Rifiuti di manutenzione delle infrastrutture

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum