cantiere navale e rifuti di provenienza dalla nave

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

cantiere navale e rifuti di provenienza dalla nave

Messaggio  sandrov61 il Mer Apr 16, 2014 9:48 am

Buongiorno, vorrei sottoporVi una questione particolare che riguarda la gestione dei rifiuti di provenienza diretta dalle navi in manutenzione nelle aree di pertinenza di un cantiere navale. Premetto che il suddetto cantiere gestisce i rifiuti secondo due differenti modalità a seconda della provenienza :
1. provenienza dal cantiere (tutti i rifiuti derivanti dallo svolgimento di operazioni proprie delle attività svolte dal Cantiere, ad es. residui di vetroresina ecc.)
2. provenienza dalla nave (tutti i rifiuti che provengono dal bordo nave, acque di sentina ecc.).
Mentre per i primi il Cantiere adotta in autonomia tutte le procedure tipiche del "produttore del rifiuto" (caratterizzazione, identificazione delle aree di raccolta, ecc.) e per tutte le tipologie di rifiuti, pericolosi e non pericolosi, sono definite tempistiche di avviamento alla raccolta e trasporto secondo le modalità definite dal D.Lgs. 152/2006, il discorso cambia per i rifuti di provenienza dal bordo nave.
Su quest'ultima tipologia di rifiuti, il Cantiere si limita allo svolgimento di una mera attività di “fornitura di servizio” in senso atecnico, che consiste nell’erogazione, a favore del comando nave, del servizio di ricerca di un fornitore qualificato, di predisposizione delle attività di raccolta in base alla richiesta del comando nave ed in base alle disponibilità dei fornitori. Tale servizio non viene gestito mediante l'assunzione dei ruoli di legge da parte del cantiere, né come “produttore del rifiuto”, né come “intermediario del rifiuto”. Ciò in quanto, a dire della Proprietà del cantiere, sussiste un rapporto diretto tra la nave in manutenzione (dove il comando di bordo adotta i propri moduli/formulari per il carico/scarico rifiuti) e il fornitore del servizio di raccolta/trasporto: per  cui i rifiuti di bordo vengono caricati dal bordo nave direttamente sui camion del trasportatore (senza deposito temporaneo presso e banchine di pertinenza del cantiere navale), anche se poi i trasportatori (che si recano presso il cantiere) fatturano le prestazioni al cantiere e non all'armatore della nave. Questo modo di procedere (in particolare, l'emissione di fattura per il servizio di smaltiemnto dei rifiuti di bordo al cantiere), a mio avviso genera problemi, dato che il Sistri obbligatoriamente richiede un collegamento alle schede SISTRI dei vari “attori” del processo e attualmente il Cantiere non riveste alcun ruolo formalizzato nella gestione dei rifiuti, pur essendo, di fatto, il soggetto a carico del quale viene fatturato il servizio. Ne consegue che, perdurando questa prassi, il cantiere si trova, di fatto, a gestire i rifiuti delle navi senza averne titolo.
Secondo voi la prassi descritta è corretta o il cantiere rischia sanzioni? nel secondo caso per affermare il ruolo del cantiere quale  produttore del rifiuto (anche per i rifuti di bordo) si può far leva sul fatto naturale che la nave ferma per lavori in uno specchio di acque portuali di pertinenza del cantiere viene giuridicamente "assorbita" dal cantiere stesso? Grazie
avatar
sandrov61
Nuovo Utente

Messaggi : 4
Data d'iscrizione : 12.04.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: cantiere navale e rifuti di provenienza dalla nave

Messaggio  isamonfroni il Mer Apr 16, 2014 10:21 am

Sistri a parte, che non ha minimamente cambiato i criteri di gestione dei rifiuti, ma solo le modalità del tracciamento, nella situazione da te descritta il cantiere svolge in pieno il ruolo di intermediario senza detenzione di rifiuti, anche pericolosi.

E, dato che lo fa senza la regolare iscrizione all'Albo gestori ambientali in categoria 8, di fatto sta svolgendo un'attività di gestione di rifiuti anche pericolosi in assenza delle prescritte autorizzazioni/iscrizioni, pertanto è passibile delle sanzioni penali previste all'art. 256, c.1: arresto da 6 mesi a 2 anni + ammenda

_________________
Un kiss vale più di mille parole!
Ma, a volte bapho è ancora meglio!
avatar
isamonfroni
Moderatrice

Messaggi : 12388
Data d'iscrizione : 18.10.10
Età : 59
Località : roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: cantiere navale e rifuti di provenienza dalla nave

Messaggio  Sciùr Colombo il Mer Apr 16, 2014 10:59 am

sandrov61 ha scritto:fatturano le prestazioni al cantiere e non all'armatore della nave
Fino a questa frase il discorso filava (l'unico mio dubbio era se i rifiuti sulla nave fossero prodotti dal personale della nave stessa o dal personale del cantiere).
Ma, come dice isa, il cantiere si configura proprio come intermediario senza detenzione con obbligo di iscrizione alla cat. 8.
avatar
Sciùr Colombo
Utente Attivo

Messaggi : 154
Data d'iscrizione : 07.01.14
Età : 45
Località : Varese

Tornare in alto Andare in basso

Re: cantiere navale e rifuti di provenienza dalla nave

Messaggio  sandrov61 il Mer Apr 16, 2014 3:52 pm

grazie mille ad entrambi per la precisazione. Potete darmi indicazioni di massima su tempi e costi della procedura di iscrizione? Inoltre, avevo dimenticato di dire che il cantiere è situato in area portuale:quest'aspetto incide sull'obbligo di iscrizione? ad es. dal sito dell'albo gestori ambientali leggo che non è ancora attiva l'iscrizione per le imprese di cui all'art. 212, comma 12 d.lgs. 152/06.
avatar
sandrov61
Nuovo Utente

Messaggi : 4
Data d'iscrizione : 12.04.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: cantiere navale e rifuti di provenienza dalla nave

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum