Ultimi argomenti
» alimenti esplosivi
Da tfrab Ieri alle 12:10 pm

» Bibliografia suggerita per esame ADR
Da karl1 Ieri alle 11:14 am

» Autista esterno con partita iva
Da Paolo UD Ieri alle 10:50 am

» Fanghi di perforazione con bentonite
Da matteorossi Mer Nov 22, 2017 1:28 pm

» Manufatti cemento - cer.
Da Aurora Brancia Mer Nov 22, 2017 12:56 pm

» Terre e rocce da scavo, la nuova disciplina
Da Aurora Brancia Mer Nov 22, 2017 12:18 pm

» Codice CER acqua lavaggio betoniere calcestruzzo
Da Aurora Brancia Mar Nov 21, 2017 5:56 pm

» formulario o fattura di vendita?
Da Sciùr Colombo Mar Nov 21, 2017 5:54 pm

» Designazione ufficiale di trasporto per i rifiuti
Da homer Lun Nov 20, 2017 10:15 pm

» rifiuti contaminati da saliva
Da carla82 Lun Nov 20, 2017 2:37 pm


Sequestro di sottoprodotti misti a imballaggi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Sequestro di sottoprodotti misti a imballaggi

Messaggio  fiatogrosso il Sab Mar 01, 2014 4:37 pm

Una ditta genera ritagli, scarti e sfridi dalla fabbricazione di contenitori in alluminio per alimenti.
Mediante accordi stipulati con  il fornitore della materia prima, conferisce questa merce, dal 2012,  come sottoprodotto allo stabilimento del fornitore, sito in uno stato della comunità europea. Questi scarti, sfridi e ritagli soddisfano i 4 requisiti di sottoprodotto, accertamento peraltro comunicato all'organo di controllo locale e verificato sia in sede di ispezioni AIA che di certificazione iso 14001.
Un funzionario ARPA presente presso gli uffici doganali, ispezionando un container di questo sottoprodotto, riscontra la presenza oltre a sfridi di lavorazione e ritagli anche dei contenitori, immaginate i barattoli della carne in scatola per esemplificare. Questi contenitori per l'azienda produttrice sono considerati scarti di produzione perchè non utilizzabili dal cliente: sporchi, difettosi, obsoleti, .... Vi sono sempre stati.
Non so dire con quale fantasia questo funzionario blocca tutta la merce perchè sospetta un traffico illecito di rifiuti considerando i contenitori di scarto, solo quelli,  non conformi ai requisiti a cui devono attenersi i sottoprodotti !!!
Risultato: carico fermo presso la dogana, con oneri di sosta da pagare, ricerca di altri destinatari con danno economico di 50€ alla tonnellata, spese legali ecc. tralasciando, ma non meno importanti, i costi indiretti che l'azienda subisce.
Ho suggerito l'azienda a dare mandato al proprio legale per una rivalsa economica nei confronti dell'organismo di controllo.
Chiedo al  forum se possono essere perseguite altre strade.
Buona domenica
avatar
fiatogrosso
Utente Attivo

Messaggi : 63
Data d'iscrizione : 17.10.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sequestro di sottoprodotti misti a imballaggi

Messaggio  Admin il Sab Mar 01, 2014 5:10 pm

Ho spostato la discussione nella sezione opportuna, "Sottoprodotti" appunto (non e' certo un argomento da postare nelle "News").
Non utilizzare titoli generici: "Sotto prodotto" non invita alla lettura e non rende possibile ricercarlo in futuro, quando non sara' piu' presente tra gli argomenti recenti (tra uno o due giorni).
avatar
Admin
Amministratore

Messaggi : 6484
Data d'iscrizione : 13.01.10
Età : 44

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sequestro di sottoprodotti misti a imballaggi

Messaggio  Aurora Brancia il Dom Mar 02, 2014 1:19 am

per come la vedo io, se l'azienda produce contenitori di alluminio (quindi, tecnicamente "imballaggi"), gli "sfridi" di carta d'alluminio, più o meno spessa, sono senza dubbio "sottoprodotti".
A questo punto, però non posso proprio esimermi da chiedere "ok, ma allora questi altri contenitori sono altri prodotti"?.
Vedi, io credo di aver capito che il doganiere li possa considerare rifiuti perchè li ha intesi, ragionevolmente, come "prodotti fuori specifica", e non mi sento di dargli tutto il torto, vista in questo senso stretto-stretto. Infatti,il  numero/peso di imballaggi "ammalorati"  non è qualcosa la cui produzione è "parte integrante" dalla produzione, come è invece verificabile per i ritagli, tuttavia potrebbe essere inteso comunque come "rottame" nuovo e quindi commerciabile come tale. Molto dipende da cosa c'è indicato nel DDT, e in quali termini esatti è indicato questo conferimento di sottoprodotti sia nell'AIA che nel contratto. A parte le solite storie del regime IVA, che ha una sua precisa valenza in queste situazioni.

SE, e sottolineo SE, non c'è una chiara indicazione anche delle "buattelle scamazzate" o comunque non più idonee ad essere utilizzate come contenitori per alimenti (presumo) in conformità anche solo dei requisiti igienici del prodotto, anche il più bravo degli amministrativisti correrebbe un'alea indesiderabile che potrebbe inficiare  in male (anzi, peggio) l'esito del giudizio. Certo, ce la si potrebbe pure fare a spuntarla, ma in un gioco di fioretto che a mio avviso forse 4-5 avvocati amministrativisti in italia sarebbero in condizioni di portare avanti, e in ogni caso purchè supportati da una perizia tecnica con i controfiocchi.
Credo che più di aiuto di così non potevo proprio essere: ho letto la domanda, me ne sono posta altre due e ho pure risposto a tutte, sia pure intrecciandole tra loro, ma - sempre a mio avviso - tecnicamente lo sono.

_________________
Ognuno di noi, da solo, non vale nulla.
avatar
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3639
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 64
Località : Napoli

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sequestro di sottoprodotti misti a imballaggi

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum