Ultimi argomenti
» centro di raccolta e sanzioni
Da Admin Ven Ago 10, 2018 6:09 pm

» Un po' di storia...
Da Admin Gio Ago 09, 2018 3:54 pm

» Incidente Borgo Panigale
Da tfrab Gio Ago 09, 2018 1:08 pm

» Fatturazione in rapporto di intermediazione rifiuti
Da Paolo UD Mer Ago 08, 2018 10:12 am

» SISTRI 2.0 ?
Da fabiodafirenze Mar Ago 07, 2018 6:05 pm

» Smaltimento fusti ferro
Da Admin Dom Ago 05, 2018 2:34 pm

» Punto vendita AEE e obbligo schedario
Da marcogio85 Dom Ago 05, 2018 2:12 pm

» 170904, 170107 (macerie) dal 1° giugno
Da Claudia00 Mer Ago 01, 2018 8:59 pm

» Tempo a disposizione per la classificazione del rifiuto dopo la sua produzione
Da magonero Mar Lug 31, 2018 9:05 pm

» vasca interrata
Da matteorossi Mar Lug 31, 2018 9:54 am


Campionamento rifiuti (Decreto 27-09-2010, Allegato 3)

Andare in basso

Campionamento rifiuti (Decreto 27-09-2010, Allegato 3)

Messaggio  harl il Ven Dic 20, 2013 4:30 pm

Buon pomeriggio,
sono un produttore di rifiuti e chiedo il Vostro aiuto e le Vostre considerazioni in merito. L'impresa per la quale lavoro ha numerose unità locali dove produce sostanzialmente gli stessi rifiuti.
Il certificato analitico dei rifiuti da analizzare ha durata di 12 mesi.
Il mio intento è avere tutte le carte in regola per poter campionare "da solo" i rifiuti prodotti, per poi consegnarli successivamente ad un laboratorio accreditato che eseguirà le analisi ed emetterò il certificato.
L'allegato 3 del Dm 27-09-2010 recita che << Il campionamento e le determinazioni analitiche possono essere effettuate dai produttori di rifiuti o dai gestori qualora essi abbiano costituito un appropriato sistema di garanzia della qualità, compreso un controllo periodico indipendente.>>

Che significa... è corretto se inserisco una procedura/istruzione all'interno del Sistema qualità iso 9001 ???
avatar
harl
Utente Attivo

Messaggi : 102
Data d'iscrizione : 19.05.11

Torna in alto Andare in basso

Re: Campionamento rifiuti (Decreto 27-09-2010, Allegato 3)

Messaggio  Aurora Brancia il Ven Dic 20, 2013 6:15 pm

un campionamento per dare un risultato analitico rappresentativo deve essere "significativo", il che vuol dire che se lo rifai altre 20 volte avrai 20 risultati molto vicini tra di loro.
Quindi, non basta che tu predisponga una "procedura" e basta, occorre che questa procedura sia analiticamente corretta. In pura teoria, dovreste accreditarla in 17025...


Inoltre, c'è da tener presente che non tutti i laboratori accreditati accettano di eseguire analisi su campioni di cui non hanno curato sin dal campionamento.E io aggiungo: giustamente.

_________________
Adescate il nemico con la prospettiva di un vantaggio, e conquistatelo con la confusione
avatar
Aurora Brancia
Moderatrice

Messaggi : 3685
Data d'iscrizione : 02.09.11
Età : 65
Località : Napoli

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum